Lombardia, campagna di informazione sull’ictus: diminuiti i tempi di arrivo in ospedale

Ancora pochi, tuttavia, i cittadini che fanno ricorso direttamente al 118

13 gennaio 2016
Guarda anche: LombardiaSalute
Ospedale Busto

Ospedale Busto

Ictus, informazione e riduzione della mortalità: il Comitato Paritetico di controllo e valutazione e la Commissione regionale “Sanità e assistenza” si sono riuniti questa mattina per valutare gli effetti della campagna di informazione sull’ictus, che è stata condotta in Lombardia fra il 2013 e il 2015.
”La valutazione delle politiche, con metodi oggettivi sperimentali, è uno strumento importante e innovativo nell’ambito dei miglioramento dell’azione pubblica e dobbiamo farvi ricorso sempre più spesso” ha detto Riccardo De Corato (FdI), Presidente del Comitato. La campagna, condotta da Regione Lombardia, è stata indirizzata a 100.000 famiglie lombarde mediante una lettera contenente informazioni utili ai fini del tempestivo riconoscimento dei sintomi dell’ictus, con conseguente invito ai cittadini a ricorrere immediatamente al servizio del 118 e a farsi subito condurre in ospedale. E’ noto infatti che è soprattutto la tempestività dell’intervento a incidere sulla riduzione dei casi di mortalità e di invalidità nei soggetti colpiti da ictus.
La valutazione è stata affidata a ASVAPP (Associazione per lo sviluppo della valutazione e l’analisi delle politiche pubbliche). “Si tratta della prima iniziativa di questo tipo in Italia ed è una significativa dimostrazione di efficace collaborazione tra gli organismi esecutivi e legislativi regionali” ha spiegato De Corato.
“Mi auguro che ora anche altre Commissioni consiliari prendano spunto da questa iniziativa per promuovere valutazioni analoghe utili a migliorare le politiche regionali -ha sintetizzato il Vice Presidente del Comitato Carlo Borghetti-, consapevoli che l’efficacia può e deve essere direttamente collegata all’ottimizzazione delle risorse. La compagna informativa sull’ictus promossa dalla Regione ha reso le persone coinvolte più consapevoli dei sintomi, le prossime campagne informative dovranno ora concentrarsi sulla necessità di potenziare l’utilizzo del 118 e di ricorrere direttamente alle unità di stroke-unit presenti negli ospedali per limitare i possibili danni da ictus”.
La campagna ha infatti prodotto una significativa riduzione dei tempi di arrivo in ospedale (un’ora e mezza in media) delle persone che ravvisano in modo autonomo i sintomi dell’ictus, ma ancora troppo poche sono le persone che, a seguito del riscontro di possibili sintomi da ictus, ricorrono al 118 o si recano direttamente presso le stroke-unit (unità specifiche per le malattie cerebrovascolari) presenti all’interno degli ospedali.
“Prendiamo atto con grande interesse dei risultati e delle indicazioni emerse da questo studio –ha concluso il Presidente della Commissione Sanità Fabio Rizzi (Lega Nord)- e come Commissione valuteremo prossimamente se raccoglierle e puntualizzarle anche in eventuali documenti o risoluzioni da porre all’attenzione della Giunta e del Consiglio regionale”.

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    openjobmetis-cavaliero Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    babbi-natale-buguggiate . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    hockey-varese-progetto-inspire L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

    oggioni_spagnoli   La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti