Leghisti dal Prefetto: “L’Europa riempie Varese di clandestini”. VIDEO

Il senatore Candiani, il consigliere regionale Monti e il capogruppo in Provincia Longhin chiederanno una commissione ad hoc per Varese

29 aprile 2016
Guarda anche: Busto ArsizioGallarateSaronnoTradateVarese
FB_IMG_1461945707763

Troppi profughi a Varese. Dove non solo arrivano i normali richiedenti asilo, ma anche “quelli che ci manda in più l’Europa, con il Tratta di Dublino, ovvero dai 300 ai 500 immigrati all’anno, che vengono espulsi dalle altre regioni d’Italia e mandati a Malpensa. Da lì restano sul territorio provinciale”.

La denuncia è del consigliere regionale della Lega Nord Emanuele Monti, che insieme al senatore Stefano Candiani e al capogruppo in Provincia Giuseppe Longhin, ha incontrato venerdì pomeriggio il prefetto Giorgio Zanzi.

Monti ricorda poi come sia a buon punto la proposta per diminuire gli arrivi in Lombardia. “Non più secondo il coefficiente della popolazione, ma con un criterio più operativo, che sia proporzionale alle strutture e alla capacità di accoglienza, ovvero numero di cooperative che rispettano i criteri di legge e le strutture. Oggi in provincia di Varese arrivano più clandestini di quelli che possiamo ospitare”.

“Non ci sono previsioni sugli arrivi, controlli restano superficiali e scarsi. Delle persone che arrivano in realtà sono profughi solo il 30%, il 70% sono immigrati normali, perché non ottengono lo status. Ma anche chi non ottiene lo status, può appellarsi al prefetto e quindi rimane sul territorio nazionale. E 99 su 100 sono maschi tra i 18 e i 25 anni. E le poche donne che arrivano sono comunque sole. Quindi non si tratta di famiglie, che è normale nel caso dei profughi, ma di immigrazione normale” dice Longhin.

“Il prefetto ormai lavora quasi esclusivamente per gestire i profughi. Una situazione fuori controllo, perché non ci sono gli strumenti per gestirla. Oggi i richiedenti asilo arrivano e minimo ci vuole un anno prima che siano visitati dalla commissione. Nel momento in cui, nella maggior parte dei casi, ricevono il diniego dello status di asilante, c’è un ricorso al giudice, che porta via un altro anno, e quindi un provvedimento di espulsione e un invito ad abbandonare il Paese. Ma non è un rimpatrio coatto, bensì solo un invito. Quindi queste persone entrano in clandestinità.
Ma anche nel momento in cui ottengono l’asilo, ricevono solo un foglio di carta, e vengono abbandonate e non aiutate a trovare un lavoro. Quindi vengono messe in concorrenza diverse povertà, quelle che arrivano e quelle che già esistono nel nostro Paese”.

Di qui la richiesta di isitituire una commissione ad hoc solo per Varese, in modo da “velocizzare i tempi per verificare la situazione dei profughi e conferire o meno lo status di asilante. In questo modo i tempi medi diventerebbero di due mesi circa. Oggi la commissione per il territorio di Varese è a Milano e si occupa di circa 8 province in Lombardia”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

      La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti