L’Asl pagherà le cure della piccola Belen in Germania

Dopo l'incontro del 28 settembre i diversi enti hanno elaborato il progetto per sostenere la famiglia di Belen sui costi delle cure sanitarie

09 ottobre 2015
Guarda anche: Busto ArsizioSalute
belen

Il Direttore del Distretto di Busto e i volontari che si occupano di Belen e della sua famiglia si sono incontrati il 28 settembre 2015 ed hanno messo al centro dell’attenzione la salute della piccola Belen, per la quale, in molti, in questi mesi, si sono attivati a ricercare le migliori condizioni di cura. La gravità e la complessità del suo percorso terapeutico richiedono, inevitabilmente, forti e chiare intese fra più risorse del territorio.

Il percorso sanitario necessita impegni costanti e continuativi, nel tempo, sia economici che assistenziali. La famiglia, l’associazione AIAS, l’ASL, gli esponenti della vita politica amministrativa della città sono consapevoli che serva una compartecipazione condivisa del percorso di cura della bambina.

Durante l’incontro è stato definitivamente chiarito che, a seguito dell’autorizzazione regionale alle cure all’estero rilasciata ai genitori della piccola Belen, l’ASL si farà interamente carico delle spese per i ricoveri ospedalieri di Belen in Germania e di un accompagnatore, mentre le spese di viaggio nonché l’onorario del medico americano, libero professionista, verranno rimborsate in una percentuale variabile (che approssimativamente è stata valutata del 90%), secondo il reddito del nucleo familiare della piccola. Ovviamente, saranno a carico della famiglia tutte le altre spese connesse ai ricoveri (interprete, soggiorno e viaggio del padre, etc.). È stata dunque apprezzata e riconosciuta l’importanza dell’iniziativa dell’associazione AIAS e del contributo offerto dalla cittadinanza per far fronte anche a queste spese incombenti.

I partecipanti all’incontro hanno collaborato per definire il progetto terapeutico assistenziale di Belen; progetto che ha, nella “presa in carico e nella continuità di cura”, i suoi punti di forza, in sintonia con il principio ispiratore della Legge Regionale “Evoluzione del sistema socio sanitario lombardo”, che prenderà avvio nel 2016. Elemento cardine di questa evoluzione sarà proprio l’integrazione di tutte le risorse del territorio, di cui le associazioni di volontari rappresentano un elemento irrinunciabile.

Belen e la sua famiglia possono quindi testimoniare l’esercizio concreto del diritto alla salute e alla cura, un valore per tutti i partecipanti all’incontro, in cui è stata messa al centro la piccola, al di là delle norme ed applicazioni amministrative che possono rendere problematiche, a volte, anche posizione vicine.

Tag:

Leggi anche:

  • Calcio, Europe League – Il Milan si beve lo Shkendjia ed ipoteca i gironi

    Un match senza storia quello che ieri sera ha visto il Milan imporsi sui macedoni dello Shkendija. A San Siro, nel primo atto dei playoff di Europa League finisce addirittura 6 a 0 grazie alle doppiette di Silva e Montolivo a cui si sono aggiunte le reti di Borini ed Antonelli. Se è vero che gli
  • Janus River a Villa Recalcati

    Si terrà domani giovedì 17 agosto a partire dalle ore 10:3= presso l’Ufficio di Presidente di Villa Recalcati la conferenza stampa per accogliere Janus River, il ciclista ottantenne che da 17 anni sta girando il mondo a bordo della sua bicicletta. All’evento saranno presenti il Vicepresidente
  • La Piscina Manara di Busto Arsizio sarà la casa delle giovanili della BPM Sport Management

    La pallanuoto e Busto Arsizio: un legame che diventerà ancora più stretto nella stagione 2017/2018 grazie alla volontà di Sport Management di investire ulteriori risorse in una delle discipline più importanti per l’azienda e che ha nella Piscina Manara il fulcro della sua attività. La
  • Janus River: 
la tappa malnatese
 del giro del mondo ad 80 anni in bicicletta

    Passerà da Malnate Janus River, il ciclista ottentenne che dal 2000 si è proposto di fare il giro del mondo su due ruote, contando su un budget di 3 euro al giorno e la generosità di chi incontra. Classe 1936, la tempra che può avere solo chi nasce in Siberia, 17 anni fa ha iniziato il viaggio