La promessa di Orrigoni: “Mille posti di lavoro in cinque anni”

Il candidato sindaco del centrodestra lancia il suo programma sull'occupazione

23 maggio 2016
Guarda anche: EconomiaElezioni comunali 2016PoliticaVarese Città
cs23

“L’idea che voglio dare con questa conferenza stampa è far vivere quella che sarebbe la prima riunione da sindaco con la mia giunta e i dirigenti. Voglio dare quest’ immagine per il tema importante da affrontare: il lavoro”. Inizia così la conferenza stampa, oggi pomeriggio all’Infopoint di via Veratti, del candidato sindaco del centrodestra Paolo Orrigoni. 

“Il tema del lavoro è la base della stabilità di ogni comunità – spiega – non esiste sicurezza, Pgt, ambiente, serenità senza lavoro. Nessun programma elettorale esiste senza questo tema affrontato in modo serio. Dietro al programma per la comunità ci deve essere il benessere generato lavoro. Il lavoro è il punto zero di una buona amministrazione”.
“Si tratta di una tematica che per la mia storia e per la mia esperienza aziendale mi è molto vicina – continua Orrigoni – Non passa giornata che riceva 3 o 4 curriculum, o che un genitore si interessi per trovare posto al figlio. So, sappiamo bene che il lavoro non è un tema specifico dell’amministrazione comunale, anzi, si potrebbe essere criticati. Ma vi dico che dobbiamo iniziare a occuparcene. La novità che posso portare è questa: occuparsi di cose che normalmente un Comune non segue: c’è competenza e grande sensibilità per ciò che è la base di un buon programma per una città. Non possiamo spogliarci di quello che è essere uomini, imprenditori e persone responsabili. Ci dobbiamo dare da fare”.

Secondo Orrigoni, “In primo luogo ci vuole un’amministrazione capace di vedere dove ci possono essere opportunità lavoro, per posti di lavoro stabili, con realtà che se agevolate possono portare lavoro. I cittadini ce lo chiedono, è un’ esigenza fortissima”.

“Il grafico dell’occupazione vede la Lombardia che sta andando meglio rispetto al livello nazionale – precisa Orrigoni – Varese è una provincia messa bene nel panorama nazionale, ma si è comunque persa un po’ di competitività.

Obiettivo – “Vogliamo creare 1000 nuovi posti di lavoro in cinque anni, di cui 300 nelle nuove tecnologie, nell’e-commerce e nella green economy. Altri 300 posti sono legati all’edilizia, 200 alla collaborazione pubblico-privato, 200 a turismo, commercio e cultura. Da qui si genera un volano.

Come fare? – “Meno burocrazia è fondamentale, insieme allo sviluppo e alla collaborazione tra pubblico e privato per l’erogazione di servizi. Io sono convinto che serva maggiore competitività in tutti i servizi che eroghiamo: miglioriamo la qualità degli stessi nel tempo, per la formazione, i servizi alla persona, la sanità, con nuove opportunità da cogliere. Massima attenzione va data alle tipologie di imprese che stanno nascendo: la green economy a Varese, per esempio, ha potenzialità forti. Ci sono già realtà che stanno lavorando bene: vedo Varese come una tra le prime 5 o 6 città italiane nel digitale. Ecco un elemento concreto che facciamo da soli, senza nessuno che viene a insegnarci come si fa”.

Tema edilizia – “No a un’ urbanistica eccessivamente ingessata o che serve per occupare risorse da investire in altri progetti. Puntiamo alla rigenerazione urbana: sì a concedere piccoli ampliamenti, no a un secco consumo di suolo. Facilitiamo il mondo dell’edilizia. Facciamo un esempio: dobbiamo aiutare chi oggi ha una villa non utilizzata e vuole fare appartamenti con un piccolo aumento di volumetria, ma senza consumare suolo, rigenerando quindi una risorsa non utilizzata.

Appalti a Km 0 – “Un altro fronte da gestire al meglio è quello degli appalti a km 0. La dirigenza dovrà impegnarsi a gestire questa possibilità che è già esistente e già realtà. Non vedo la limitazione alla concorrenza, ma un fatto coerente con la nostra città in cui si fanno lavori in modo rapido: le imprese che sono sul territorio ci mettono la faccia”.

Ordini professionali – “Il continuo confronto con gli ordini professionali per un patto comune è importantissimo. Non parlo solo di coinvolgimento e ascolto, parlo di un patto per creare un circolo virtuoso che permetta a imprese, idraulici, imbianchini, di vivere un vero rilancio”.

Riduzione tassa rifiuti – “L’aiuto ai nuovi insediamenti commerciali parte dall’impegno per ridurre del 20% la tassa sui rifiuti, con la rimodulazione della tassazione stessa in base alla produzione dei rifiuti, per agevolare chi è virtuoso”.

Monitoraggio – “Daremo vita a un assessorato con la delega allo Sviluppo economico con una specifica responsabilità, in modo che gli obiettivi vengano monitorati mese dopo mese, mantenendo un costante rapporto con le associazioni imprenditoriali per cogliere tutte le opportunità. Un gruppo di lavoro insomma che tutti i giorni valuti quante opportunità in più si possono offrire ai varesini”.

Tag:

Leggi anche:

  • Calcio, Europe League – Il Milan si beve lo Shkendjia ed ipoteca i gironi

    Un match senza storia quello che ieri sera ha visto il Milan imporsi sui macedoni dello Shkendija. A San Siro, nel primo atto dei playoff di Europa League finisce addirittura 6 a 0 grazie alle doppiette di Silva e Montolivo a cui si sono aggiunte le reti di Borini ed Antonelli. Se è vero che gli
  • Janus River a Villa Recalcati

    Si terrà domani giovedì 17 agosto a partire dalle ore 10:3= presso l’Ufficio di Presidente di Villa Recalcati la conferenza stampa per accogliere Janus River, il ciclista ottantenne che da 17 anni sta girando il mondo a bordo della sua bicicletta. All’evento saranno presenti il Vicepresidente
  • La Piscina Manara di Busto Arsizio sarà la casa delle giovanili della BPM Sport Management

    La pallanuoto e Busto Arsizio: un legame che diventerà ancora più stretto nella stagione 2017/2018 grazie alla volontà di Sport Management di investire ulteriori risorse in una delle discipline più importanti per l’azienda e che ha nella Piscina Manara il fulcro della sua attività. La
  • Janus River: 
la tappa malnatese
 del giro del mondo ad 80 anni in bicicletta

    Passerà da Malnate Janus River, il ciclista ottentenne che dal 2000 si è proposto di fare il giro del mondo su due ruote, contando su un budget di 3 euro al giorno e la generosità di chi incontra. Classe 1936, la tempra che può avere solo chi nasce in Siberia, 17 anni fa ha iniziato il viaggio