La Polizia Stradale arresta un 40enne albanese. Era ricercato e doveva trovarsi in carcere

L'uomo doveva scontare un residuo di pena per sequestro di persona, violenza privata e violazione di domicilio

16 dicembre 2015
Guarda anche: AltomilaneseBusto Arsizio
polizia stradale

Nella giornata di lunedì 14 dicembre gli agenti della Sottosezione Polizia Stradale di Busto Arsizio/Olgiate Olona in servizio di vigilanza stradale, presso la barriera autostradale di Milano Nord lungo l’Autostrada A8 dei Laghi, procedeva al controllo di un’autovettura con targa albanese e con tre persone a bordo.

Effettuata l’identificazione e a seguito di accertamenti e verifica dei documenti, uno dei tre, cittadino albanese doi 40 anni, è risultato destinatario di ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Grosseto, dovendo scontare un residuo di pena per sequestro di persona, violenza privata e violazione di domicilio. 

Il quarantenne è stato arrestato e condotto presso la casa circondariale di Busto Arsizio a disposizione dell’ Autorità Giudiziaria di Grosseto.

Tag:

Leggi anche:

  • Entra in un’abitazione per rubare e fugge all’arrivo degli agenti. Arrestato albanese

    Grazie alla segnalazione del cittadino, gli agenti, giunti sul posto, hanno notato un soggetto corrispondente alle descrizioni ricevute, che vistosi scoperto si è dato alla fuga scavalcando la palizzata di confine con la linea ferroviaria. Da qui ne è nato un inseguimento, che è proseguito poi
  • Picchia e segrega la moglie. Arrestato italiano 55enne

    Poiché tra le lesioni vi era il segno di un tentativo di strangolamento, la vittima, approcciata da personale del Commissariato, si è decisa a sporgere denuncia episodio raccontando che il marito l’aveva chiusa in casa a chiave, le aveva tolto il cellulare per impedirle di chiedere aiuto,
  • Sostituiva le targhe per riciclare i veicoli. Arrestato albanese

    Nel pomeriggio di ieri, un Assistente della Polizia di Stato in servizio presso le “volanti” del Commissariato della Polizia di Stato di Busto Arsizio, mentre si trovava fuori dal servizio nel Comune di Dairago (MI), notava un corteo composto da un’autovettura e da un autocarro