Ispra contro il gioco d’azzardo

Flash-mob domenica nel corso della festa di primavera

15 aprile 2016
Guarda anche: Cultura Musica SpettacoloLaghi
Jackpot

Domenica 17 aprile, all’interno delle tante attività della Festa di Primavera, organizzata dai Comuni di Ispra e Ranco una particolare attenzione merita il flash mob contro l’azzardo.
Si tratta di una performance di danza contro l’azzardo, organizzata sul Lungolago di Ispra, nell’ambito del progetto “LiberANDoci dall’Overdose da Gioco d’Azzardo” (finanziato da Regione Lombardia al Comune di Samarate), e frutto della collaborazione tra l’Associazione AND-Azzardo e Nuove Dipendenze e la All Dance Academy, per lanciare un messaggio forte ai numerosi cittadini presenti.
Cosa di più libero e creativo, ma anche dannatamente serio e frutto di impegno e sforzo, allenamento e abilità, che non la danza?
Sulla base di questo presupposto e dall’incontro tra le due realtà (AND e All Dance Academy) è nato un progetto di riflessione e ricerca durato vari mesi, in merito alle scelte coreografiche e gestuali più corrette per poter rendere il messaggio chiaro e conciso.
Il percorso creativo si è snodato attraverso incontri con il gruppo di danzatori per parlare e confrontarsi sul tema e per entrare nel vivo del messaggio e della problematica. Le stesse ragazze si sono rese disponibili alla riflessione estrapolando dai loro pensieri soluzioni gestuali utili alla realizzazione della performance.
Vi è stato poi un importante lavoro di immedesimazione riportando episodi visti, ragionando su cause e conseguenze, sulle sensazioni che la persona potrebbe provare in quelle situazioni e del percorso che la porta a questa sconfitta.
“Sono davvero tante le azioni che come Comune, in collaborazione con AND, stiamo mettendo in campo per la lotta alla dipendenza dal gioco d’azzardo – dichiara il sindaco di Ispra, Melissa De Santis – e abbiamo voluto con forza ospitare questo flash mob proprio durante la festa di primavera di questa domenica, per lanciare un messaggio forte e sensibilizzare quante più persone possibili su questa problematica”.
Le persone che domenica saranno presenti alla festa di primavera potranno assistere ad uno spettacolo davvero originale, interamente costruito dal gruppo di progetto.
Perché anche attraverso la danza …. risuoni forte il nostro hastag: #azzardotivinco!
Idea e Musiche di Michela Cremona
Coreografia di Claudia Pintus e Michela Cremona
Attore Marco Airoldi
Gruppo: PR@JECT CONTEMPORARY-MODERN con Sara Bergamini, Karol Anzani, Katia Galantino, Federica
Falzone, Martina Duma, Martina Fortunato, Aurora Riboni, Arianna De Filippi, Beatrice De Filippi, Alessandra Manna
(from AllDanceAcademy).

Tag:

Leggi anche:

  • Tutti in bici per i Comuni

    In occasione della settimana europea della mobilità torna Sabato 23 settembre la fortunata iniziativa “TUTTI IN BICI PER I COMUNI”, in collaborazione con i Comuni di Vedano Olona e Venegono Superiore. Ritrovo in Piazza delle Tessitrici alle 14.00 per la registrazione. Partenza alle
  • Dal 27 settembre la grande pallanuoto a Busto Arsizio con la BPM Sport Management e la Len Euro Cup

    Al via della competizione ci saranno, oltre ai mastini di Busto Arsizio, anche i francesi del Montpellier e del Pays D’Aix Natation, i tedeschi dell’OSC Postdam, i croati dello Jadran Split, gli ungheresi dello FTC Budapest (squadra che nella scorsa stagione si era aggiudica la Len Euro Cup) e
  • Ierago con Orago, inaugurazione Palestra in acqua Cele Daccò

    Il Presidente del Consiglio regionale Raffaele Cattaneo interverrà domani, alle ore 10,30, alla cerimonia di inaugurazione dell’impianto sportivo acquatico “Palestra in acqua Cele Daccò” di Jerago con Orago (Varese) situato in via Onetto 4, vicino all’area Feste del Comune. La
  • Varese, Gianmarco Pozzecco cittadino onorario

    L’iniziativa è stata ideata da Marco Pinti che ha poi trovato l’appoggio della società varesina Pallacanestro Varese e successivamente della Delegazione Provinciale CONI. Gianmarco Pozzecco negli anni in cui ha giocato per la pallacanestro Varese ha sempre dimostrato, come sostiene Pinti