“Io non rischio”: weekend in piazza per la Protezione Civile

Iniziative ad Albizzate, Vedano, Gazzada, Castronno e Malnate

13 ottobre 2016
Guarda anche: Varese Città
protezione civile

Per il sesto anno consecutivo il volontariato di Protezione Civile, le istituzioni e il mondo della ricerca scientifica si impegnano insieme nella campagna di comunicazione nazionale “IO NON RISCHIO” sui rischi naturali che interessano il nostro Paese. Il weekend del 15 e 16 ottobre 7.000 volontarie e volontari di Protezione Civile allestiranno punti informativi in circa 700 piazze distribuite su tutto il territorio nazionale per diffondere la cultura della prevenzione e sensibilizzare i propri concittadini sul rischio sismico, sul rischio alluvione e sul maremoto, anche in provincia. A poco meno di due mesi dal sisma che ha colpito il centro Italia, il mondo del volontariato, che insieme al Servizio Nazionale della Protezione Civile è in prima linea nella gestione dell’emergenza, si farà portavoce delle buone pratiche di prevenzione dei rischi.
Sabato 15 e domenica 16 ottobre, in contemporanea con le altre 700 piazze in tutta Italia, i volontari partecipano alla campagna con un punto informativo “Io non rischio” per incontrare la cittadinanza, consegnare materiale informativo e rispondere alle domande su cosa ciascuno di noi può fare per ridurre il rischio alluvione.
I punti informativi saranno nelle seguenti località:
• Gruppo Comunale di Protezione Civile di Albizzate: P.zza IV Novembre (sabato e domenica pomeriggio, P.le Sefro (domenica mattina)
• Gruppo Comunale di Protezione Civile di Vedano Olona: P.za San Maurizio – Vedano Olona
• Gruppo Sommozzatri di Protezione Civile Varese Sub: P.za Galvaligi – Gazzada Schianno
• Associazione G.N.P. di Castronno: P.le Tigros – Castronno
• S.O.S. Onlus Malnate: P.za delle Tessitrici – Malnate
“Io non rischio” – campagna nata nel 2011 per sensibilizzare la popolazione sul rischio sismico – è promossa dal Dipartimento della Protezione Civile con Anpas-Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze, Ingv-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e Reluis-Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica. L’inserimento del rischio maremoto e del rischio alluvione ha visto il coinvolgimento di Ispra-Istituto superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, Ogs-Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, AiPo-Agenzia Interregionale per il fiume Po, Arpa Emilia-Romagna, Autorità di Bacino del fiume Arno, CamiLab-Università della Calabria, Fondazione Cima e Irpi-Istituto di ricerca per la Protezione idro-geologica. L’edizione 2016 coinvolge volontarie e volontari appartenenti alle sezioni locali di 27 organizzazioni nazionali di volontariato di Protezione Civile, nonché a gruppi comunali e associazioni locali.

L’elenco dei comuni interessati dalla campagna il prossimo 15 e 16 ottobre è online sul sito ufficiale della campagna, www.iononrischio.it, dove è inoltre possibile consultare i materiali informativi su cosa sapere e cosa fare prima, durante e dopo un terremoto o un maremoto.

Tag:

Leggi anche:

  • Terremoto, la Protezione Civile: “Al momento non servono cibo e vestiti”

    Per questo motivo Provincia di Varese invita tutti i Comuni ad indirizzare le tante associazioni e i tanti privati, che in queste ore si sono messi generosamente a disposizione, verso iniziative di raccolta fondi da destinare alle popolazioni colpite dal sisma. ANCI, Croce Rossa, Poste Italiane,
  • Varese: la macchina dei soccorsi pronta per raggiungere le zone colpite

    I Vigili del Fuoco del comando di Varese sono stati attivati e inviati sul territorio colpito. Questa mattina all’alba sono partiti nove pompieri con quattro automezzi della sezione operativa, diretti verso il comune di Amatrice. Un funzionario tecnico sta raggiungendo il SOCAV – Sala
  • Provincia di Varese: Protezione Civile in formato Champions

    Sabato mattina, alle 8, il Consigliere provinciale delegato Fabrizio Mirabelli ha voluto ringraziarli di persona, insieme al Presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni, al presidente del Consiglio regionale Raffaele Cattaneo, all’Assessore regionale Simona Bordonali e al Prefetto Giorgio
  • La Regio Insubrica si attiva per la gestione delle emergenze

    Tra i punti all’ordine del giorno vi era anche l’organizzazione di un convegno, che si terrà nella prossima primavera a Lugano, sul tema del Dissesto idrogeologico nell’arco alpino e prealpino: previsione, prevenzione e gestione dell’emergenza”. Gianella ha poi avuto modo di vedere da