Inquinamento del Rio Bolletta e Lago Ceresio: blitz di Legambiente

L'associazione ambientalista chiede alle istituzioni pubbliche di provvedere alla sistemazione del depuratore. E si prepara ad agire per vie legali

06 luglio 2015
Guarda anche: LaghiVarese
Legambiente blitz

Da sette anni i monitoraggi scientifici della Goletta dei Laghi, campagna nazionale di Legambiente a tutela dei bacini lacustri italiani – in collaborazione con il COOU, Consorzio Obbligatorio Oli Esausti e Novamont -, fanno emergere livelli preoccupanti di inquinamento fecale nel Rio Bolletta, uno degli affluenti del Lago Ceresio, precisamente dove scarica il depuratore di Porto Ceresio. Nonostante le segnalazioni, non solo da parte degli ambientalisti ma anche dei cittadini, con tanto di foto, la situazione non accenna a cambiare nemmeno di una virgola. 

Per questo stamattina, nella cittadina del varesino, il Circolo Legambiente della Valceresio e il Cigno Azzurro hanno deciso di consegnare la Bandiera Nera alla Comunità Montana, e simbolicamente a tutti i comuni che a quest’ultima hanno delegato la gestione del depuratore. Un modo per non abbassare la guardia rispetto un fenomeno che sta devastando il fiume e di conseguenza peggiora anno dopo anno la salute di un importante bacino prealpino, che tra l’altro la Lombardia condivide con il Canton Ticino.

“Ora basta, siamo al ridicolo – esordisce Milena Nasi portavoce del Circolo Legambiente Valceresio Onlus – ci sono i dati e le documentazioni fotografiche a testimonianza di un inquinamento evidente del Rio Bolletta. La pessima gestione del depuratore e la sottovalutazione da parte delle autorità competenti stanno avvelenando il nostro lago e quello dei nostri vicini svizzeri. A fine giugno si è verificata una strage di pesci, le acque si sono colorate di rosso. Si faccia qualcosa o andremo per le vie legali: adesso esiste una legge sugli eco reati”.

Una situazione ormai insostenibile, dovuta ad un probabile sottodimensionamento del depuratore. L’invito è anche a verificare la possibilità che ci siano scarichi abusivi e che la collettazione sia sempre funzionante. La preoccupazione è forte anche da parte del Canton Ticino, che da anni si occupa del problema in sinergia con gli interlocutori lombardi. Cittadini e cooperative di pescatori chiedono alle amministrazioni municipali interventi immediati: Legambiente ribadisce la volontà di schierarsi al loro fianco per valutare qualsiasi azione legale necessaria.

Tag:

Leggi anche:

  • Pallanuoto – La BPM Sport Management parte col botto e affonda Torino

    Prima vittoria del 2017 per la BPM Sport Management. Con una prova molto convincente, il sette di Gu Baldineti batte 18-5 (3-1, 5-0, 5-2, 5-2) il Torino 81 e, complice il pareggio del CC Napoli a Savona (10-10), è terzo da solo con 25 punti. Nel primo tempo sblocca il match dopo circa cinquanta
  • La BPM Sport Management inizia il 2017 contro il Torino ‘81

    E’ ancora sotto gli occhi di tutti la grande serata di martedì che ha fatto di Busto Arsizio la capitale della Pallanuoto. Dopo la vittoria del Settebello del CT Campagna contro la Georgia, domani un altro grande match sarà di scena alle Piscine Manara. I Mastini di Gu Baldineti, infatti,
  • Pallanuoto – 7bello da urlo, Georgia annientata. Busto Arsizio fa festa – FOTO

    Sarà difficile da dimenticare per tutti gli appassionati di pallanuoto ma non solo, una serata che ha regala una miriade di emozioni dal primo all’ultimo istante. Alle piscine Manara di Busto Arsizio si è giocata ieri sera la sfida valida come terzo incontro di World League tra Italia e
  • Sport varesino: i risultati di calcio, volley, basket

    Un weekend all’insegna dello sport, come sempre, quello che ha tenuto banco in questo freddo scorcio di gennaio. Vediamo come si sono comportate le squadre della provincia di Varese. CALCIO SERIE D– Al primo impegno ufficiale post feste, nonché prima giornata di ritorno del campionato