Progettiamo insieme gli anfibi di Villa Toepliz

Legambiente, Lipu, GEV e Royal Wolf Rangers lanciano un appello ai varesini

24 Maggio 2020
Guarda anche: Varese Città

Legambiente, Lipu, GEV e Royal Wolf Rangers lanciano un appello ai varesini: “Proteggiamo insieme gli anfibi e la biodiversità del parco di Villa Toeplitz”. I volontari sono al lavoro per tutelare rane e rospi, ma il contributo e – soprattutto – il rispetto di tutti è fondamentale: “Chiediamo di osservarli senza prenderli in mano o toccarli – dicono dalle associazioni – chi non è esperto può causare problemi a queste creature, pur se animato dalle migliori intenzioni”. Insomma, godiamoci la natura, ma con rispetto!

In questi mesi difficili abbiamo avuto il tempo e l’occasione di riscoprire la bellezza che ci circonda anche nelle piccole cose e nella natura vicina a casa o addirittura presente nei nostri giardini e terrazzi. Ora la voglia di immergersi in un ambiente naturale è tanta, quindi è bene continuare ad essere curiosi e a tenere gli occhi aperti nelle passeggiate nei parchi urbani o nelle aree protette, sempre però nel rispetto della flora e della fauna che si incontrano.

Anche questa primavera numerose coppie di rospi e rane hanno scelto i giochi d’acqua di uno dei parchi più belli della nostra città per riprodursi: quello di Villa Toeplitz. Con il loro ritorno, è ripreso anche il lavoro delle associazioni ambientaliste del territorio e dei loro volontari. Questo progetto, nato un anno fa dalla collaborazione fra il Comune di Varese, Legambiente, Lipu, GEV e Royal Wolf Rangers, ha l’obiettivo di tutelare gli anfibi del parco, informare e sensibilizzare i cittadini sulla questa tematica. Rospo comune (Bufo bufo), rana agile (Rana dalmatina) e salamandra pezzata (Salamandra salamandra) le specie presenti.

Sono stati riposizionati i cartelli per spiegare l’importanza di non disturbare gli anfibi in qualsiasi stadio di sviluppo. “I girini presenti nelle vasche sono ancora legati all’acqua per la respirazione, e si trovano in una fase delicata del proprio ciclo vitale, perché nelle prossime settimane andranno incontro alla metamorfosi. Invitiamo soprattutto i più piccoli ad osservarli, notare i cambiamenti nel loro aspetto e abitudini, tutto senza toccarli, prelevarli o spostarli” spiega Valentina Minazzi, Presidente di Legambiente Varese e Vice Presidente di Legambiente Lombardia. “Nel parco è possibile vedere anche esemplari adulti, in acqua, nei prati o nella zona boschiva. La pelle per loro è un importante organo di respirazione, ma è anche molto sensibile quindi, se non siete volontari formati, limitatatevi a guardarli” prosegue Stefania Villa, Delegata Lipu di Varese. È anche bene ricordare che tutte le specie presenti nel parco sono protette dalla legge, così come tutta la fauna selvatica.

Attraverso alcuni brevi video informativi, presto disponibili online sui canali social di Legambiente Varese e Lipu Varese, le associazioni ambientaliste spiegheranno l’importanza della tutela degli anfibi, il lavoro in corso nel parco di Villa Toeplitz, le specie che lo abitano e come possiamo aiutare questi animali. È fondamentale che ciascuno di noi faccia la sua parte perché tutti possiamo contribuire alla tutela della biodiversità!

Tag:

Leggi anche:

  • Insubria, Economia e Management sceglie il numero chiuso

    Diventa a numero chiuso il corso di laurea triennale in Economia e Management dell’Università dell’Insubria. Per il prossimo anno accademico saranno disponibili 640 posti, che potranno essere occupati sulla base dell’ordine cronologico di immatricolazione, a partire dal 16 luglio,
  • Masterplan stazioni, il Centrodestra “boicotta” la Commissione Urbanistica

    La minoranza di centrodestra ha deciso di non presentarsi, questa sera, alla seduta della Commissione Urbanistica del Comune di Varese. “Un segno di protesta per lo scarsissimo tempo che la giunta ci ha dato per analizzare la fitta documentazione sul masterplan dell’area delle
  • Varese cultura: un bando per eventi attrattivi

    Tra le linee guida di una ripartenza sostenibile, l’Organizzazione Mondiale del Turismo pone la valorizzazione delle identità e delle iniziative culturali a livello locale e Otto Scharmer, esperto di change management e professore al MIT- Massachusetts Institute of Technology di Boston, ha
  • 56.500 euro per altri sei progetti finanziati da fondazione comunitaria del varesotto

    La fase acuta dell’emergenza sanitaria è finita, ma sono tanti gli strascichi in termini di bisogni sociali ed educativi pregressi e di nuova insorgenza. Fondazione Comunitaria del Varesotto continua a lavorare alacremente per sostenere gli Enti del Terzo Settore che si occupano delle