Nessuna associazione tra Pm10 e Covid 19

L’intervento dell’assessore regionale all’Ambiente e Clima, Raffaele Cattaneo

23 Marzo 2020
Guarda anche: Attualità

“Non è affatto dimostrata l’associazione tra Pm10 e Coronavirus perché non ci sono ancora dati sufficientemente chiari”.

Lo ha spiegato l’assessore regionale all’Ambiente e Clima, Raffaele Cattaneo, parlando di “notizie che vengono diffuse senza una adeguato supporto scientifico” ha ricordato che “nei giorni scorsi ne è circolata una: quella che le aree con una maggior presenza di polveri sottili nell’aria, di Pm10, di particolato fine, erano le aree più esposte perché il Pm10 era ritenuto, da una indagine di alcuni ricercatori, un elemento di diffusione del Covid19“.

“Mi fa piacere – ha detto – poter comunicare che quest’oggi c’è una nota della società italiana di aerosol (Ias) che raggruppa circa 150 ricercatori ed esperti di varie università italiane ma anche di ricerca delle agenzie di protezione dell’ambiente del settore privato che hanno voluto fare una comunicazione per dire che non è affatto dimostrata l’associazione perché non ci sono ancora dati sufficientemente chiari”.

“La società italiana di aerosol – ha aggiunto Cattaneo – dice esplicitamente (lo potete trovare sul sito di Ias aerosol.it) che lo studio di questi ricercatori  è uno studio lacunoso, deficitario dal punto di vista del metodo e che non dimostra alcun nesso di causalità e, quindi, invita a non diffondere informazioni allarmanti”.

“Anche – ha spiegato – rispetto alla necessità di introdurre misure restrittive di  contenimento dell’inquinamento  io voglio ricordare che noi continuiamo a mantenere valide le misure restrittive che già sono attive”.

“La nostra Agenzia regionale di protezione ambientale (Arpa) – ha concluso Cattaneo – sta verificando tutti i dati di questa situazione straordinaria. È anche una occasione per capire bene l’effetto sull’inquinamento del traffico e delle nostre attività normali. La vogliamo usare anche a questo scopo a non diffondiamo notizie allarmistiche che non sono scientificamente provate”.

Tag:

Leggi anche:

  • Fine dell’obbligo dei guanti sui mezzi pubblici in Lombardia

    A partire da lunedì 22 giugno in Lombardia sarà possibile prendere i mezzi di trasporto pubblici senza indossare i guanti. Lo stabilisce la nuova ordinanza n.569 firmata oggi dal presidente della Regione Attilio Fontana, che in virtù del fatto che in Lombardia “l’epidemia risulta a oggi
  • Piano da 225 milioni per Terapie Intensive

    “Un Piano straordinario di rafforzamento dei posti letto di Terapia Intensiva, di sorveglianza sub intensiva e di degenza disegnerà la rete ospedaliera della Lombardia nell’era post Covid in linea con le disposizioni nazionali. Valore degli investimenti: 225 milioni di euro. L’obiettivo
  • Post-Covid, stanziati 225 milioni dalla Giunta regionale per la rete ospedaliera lombarda.

    “Un piano straordinario da 225 milioni di investimenti a favore della rete ospedaliera lombarda volto a rafforzare in maniera massiccia i posti letto di terapia intensiva, quelli di sorveglianza sub-intensiva e le strutture di Pronto Soccorso. L’ASST Sette Laghi potrà finalmente
  • Trenord annuncia l’app per sapere il numero di posti liberi sui vagoni

    Ecco l’app che comunica in tempo reale il livello di riempimento dei treni in arrivo. Da oggi, sull’applicazione di Trenord appare un’immagine stilizzata dei convogli che cambia colore a seconda dei posti presenti a bordo: rosso, giallo, verde. L’App dell’azienda