I Cinquestelle protestano a Bruxelles contro “l’invasione di Ogm” dagli Usa

I parlamentari ed europarlamentari del Movimento 5 Stelle hanno messo in atto una campagna di informazione sul TTIP, il trattato che creerà un ''mercato unico'' con gli Stati Uniti

29 gennaio 2016
Guarda anche: EconomiaEuropaMondo
STOPTTIP-ttip-5stelleeuropa-m5s

A Bruxelles, nella giornata di giovedì 28 gennaio, i portavoce del MoVimento 5 Stelle al Parlamento europeo, Tiziana Beghin, e alla Camera dei Deputati, Cosimo Petraroli, Riccardo Fraccaro, Sergio Battelli, si sono riuniti per organizzare in Italia una mobilitazione e una campagna informativa e comunicativa contro il TTIP, il trattato di libero scambio USA/UE, fortemente voluto dalle maggiori multinazionali, che creerà di fatto un’area di mercato unico a giurisdizione sovranazionale, in cui i Paesi membri non avranno più giurisdizione sulle controversie commerciali che dovessero coinvolgere i propri territori e cittadini.

“Nei fatti, gli USA con il TTIP vogliono invadere il mercato europeo – spiegano i Cinquestelle – il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti ha pubblicato un rapporto che analizza le conseguenze su import ed export per le due sponde dell’Atlantico qualora il TTIP venga approvato. I risultati sono impressionanti. Oggi il volume degli scambi di carne suina e avicola è bassissimo perché gli americani trattano queste carni con sostanze nocive vietate in Europa, come ormoni della crescita, cloro e ractopamina.

Ecco spiegato il boom: con il Ttip questi prodotti entrerebbero in un mercato oggi chiuso per ragioni di salute pubblica.

Lo studio americano fa, inoltre, una specie di lista nera in cui elenca quelle leggi a protezione dei consumatori europei che gli americani vorrebbero fare saltare.

Tra questi ci sono il divieto sull’uso di cloro per la pulizia delle carcasse animali, l’importazione massiccia di OGM, il divieto di vendita di carne e prodotti animali cresciuti con ormoni della crescita, i limiti al numero di cellule somatiche nel latte vaccini. Gli Stati Uniti vogliono rovesciare la bilancia commerciale fra le due sponde dell’Atlantico: oggi l”Europa esporta ogni anno negli Stati Uniti prodotti agro-alimentari per un valore di circa 23 miliardi di dollari e ne importa dagli Stati Uniti per 14 miliardi di dollari. Con il TTIP si rovescerebbe tutto, a detrimento degli interessi economici europei, e con accresciuti rischi sulla salute dei suoi cittadini. Con il TTIP e la rimozione delle protezioni sanitarie nel commercio, infatti, il surplus europeo scenderebbe da 7,6 a 0,1 miliardi di euro. Gli Stati Uniti esporterebbero in Europa beni dal valore di oltre 9,5
miliardi di dollari. Le eccellenze dell’agricoltura europea verrebbero rase al suolo, così come la biodiversità, vera miniera d’oro dell’Italia.

A chi conviene, dunque, il TTIP? Sicuramente non a chi vive e produce in Europa, e l’Italia sarebbe tra i paesi maggiormente colpiti. In Germania, quantomeno, il TTIP è parte di un dibattito pubblico, la stampa dedica inchieste e reportage sul tema, in TV i favorevoli e i contrari si confrontano. Non a caso, lo scorso 10 ottobre a Berlino 250 mila persone sono scese in piazza contro il TTIP. Il M5S organizzerà quindi in Italia una mobilitazione contro questo assurdo e dannoso trattato, per portare in piazza ciò che qui viene colpevolmente nascosto all’opinione pubblica”.

Tag:

Leggi anche:

  • Elezioni: centrodestra prima coalizione, volano Lega e M5S. A rischio la governabilità

    Al Senato il dato attuale vede il M5S  essere la forza politica più votata, con il 31,96% dei voti. Il secondo partito è il PD, con un distacco abissale, che si ferma al 19,30%. +Europa si ferma al 2,38%, Italia Europa Insieme è allo 0,53%, la lista Civica Popolare Lorenzin allo 0,50% e
  • I Cinquestelle: “La giunta svende il patrimonio di Varese”

    Questa la denuncia del Movimento 5 Stelle di Varese, che accusa la giunta comunale di “svendere” il patrimonio. “Il Movimento 5 Stelle Varese ha già da tempo e ripetutamente denunciato questo fatto ma evidentemente non è servito a far cambiare idea all’attuale
  • Sicurezza sui treni: “Aggressioni in crescita”

    “Da sei mesi a questa parte i dati sulle aggressioni sui treni lombardi sono in netta crescita. Sorte dovrebbe averli già in mano e invece di cincischiare con un viaggio pagliacciata su un treno in un’ora di punta si preoccupi di mettere in campo un vero piano sicurezza. Lo chiede una nostra
  • A Varese “spuntano” mini trivelle alla Schiranna. FOTO

    Una campagna per sensibilizzare sul prossimo referendum, il 17 aprile, sulle concessioni per le trivellazioni in mare. Dal momento che dell’argomento non se ne sta parlando molto, gli attivisti Cinquestelle di Varese hanno deciso di sensibilizzare i cittadini installando alla Schiranna una