I Cinquestelle portano una cassetta di arance per Mantovani. GUARDA IL VIDEO

Il Movimento 5 Stelle ha effettuato un ''blitz'' a Palazzo Lombardia dopo l'arresto del vicepresidente Mario Mantovani

13 ottobre 2015
Guarda anche: Milano
2015-10-13 15.08.01

Una cassetta di arance “per il vicepresidente Mantovani”. A portarla il M5S Lombardia con un “blitz” durante il Convegno sulla trasparenza in corso a Palazzo Lombardia, dopo l’arresto del vice presidente della giunta Mario Mantovani.

Dario Violi, capogruppo del M5S Lombardia ha dichiarato: “Le lasciamo a Maroni così se va a trovare il suo vice gliele può dare”- Maroni “dovrebbe dimettersi immediatamente” per “ridare la parola ai cittadini”: “Dopo due anni di esperienza in Consiglio regionale – ha aggiunto Violi – siamo pronti a governare”.

Tag:

Leggi anche:

  • M5S Lombardia: “Aborto, in Lombardia è un diritto negato”

    Nel post pubblicato oggi si legge: “Oggi cade il quarantesimo anniversario dell’approvazione della legge 194 sull’aborto, che garantisce un diritto di scelta che ogni donna deve poter esercitare. Oggi, quarant’anni dopo, quel diritto rimane nei fatti ostacolato, intralciato,
  • Elezioni: centrodestra prima coalizione, volano Lega e M5S. A rischio la governabilità

    Al Senato il dato attuale vede il M5S  essere la forza politica più votata, con il 31,96% dei voti. Il secondo partito è il PD, con un distacco abissale, che si ferma al 19,30%. +Europa si ferma al 2,38%, Italia Europa Insieme è allo 0,53%, la lista Civica Popolare Lorenzin allo 0,50% e
  • I Cinquestelle: “La giunta svende il patrimonio di Varese”

    Questa la denuncia del Movimento 5 Stelle di Varese, che accusa la giunta comunale di “svendere” il patrimonio. “Il Movimento 5 Stelle Varese ha già da tempo e ripetutamente denunciato questo fatto ma evidentemente non è servito a far cambiare idea all’attuale
  • Tangenti, Mario Mantovani torna consigliere regionale

    Mario Mantovani (Forza Italia) torna sugli scranni del Consiglio regionale. L’Assemblea regionale infatti ha preso atto nella seduta di oggi della decisione presa dal Tribunale di Milano del 14 aprile scorso, notificato e protocollato dagli uffici del Consiglio regionale lo stesso giorno, con il