Funerali di Casamonica, Attolini scrive al sacerdote

L'esponente di Fratelli d'Italia critica il prelato che si è limitato a fare il proprio dovere

22 agosto 2015
Guarda anche: Busto Arsizio
funerali

Egr.Don Giancarlo,

dopo aver letto le sue dichiarazioni e interviste in meritoalla nota e ben più triste vicenda mi permetto di scriverle queste poche righe.

Vorrei tranquillizzarla sul fatto che le forte reazioni che ci sono state credo siano dovute al forte attaccamento che hanno i cattolici della propria fede e i romani di Roma, quindi vedere quel poster appeso ha suscitato la giusta indignazione dovuta a 360°.

Riguardo le sue dichiarazioni mi aspettavo dichiarazioni fatte col cuore ma invece ho letto dichiarazioni un po’ fredde che si sembrano scritte da un avvocato anche se lei parla di colleghi giornalisti e non ex-giornalisti (differenza non di poco conto).

Le frasi che più mi hanno colpito sono queste: ”ho fatto solo il mio dovere” “ho fatto il mio mestiere” e mi hanno rimandato un’esperienza che ho vissuto in passato.

Quando prestavo servizio nell’Arma dei Carabinieri (come carabiniere ausiliario) una Domenica mattina verso le 9 durante il
servizio di pattugliamento ci venne richiesto dalla centrale di intervenire per rilevare una lite in famiglia.

Giunti nell’abitazione trovammo una donna in lacrime, 2 bambini impauriti e un padre su tutte le furie. Dopo aver annotato le generalità dei genitori pensavo che il nostro compito fosse finito e invece il caposervizio ha parlato separatamente per più di un’ora con madre, padre e figli e poi ce ne siamo andati.

Ci ho messo un po’ a metabolizzare cosa era accaduto in quell’abitazione e se il lavoro svolto dal caposervizio rientrava nei
compiti di un dipendente del Ministero della Difesa: quel giorno il caposervizio “NON ha fatto solo il suo dovere” e “NON ha fatto solo il suo mestiere”.

Io credo che in quest’Italia sempre più alla deriva e sempre più divisa su vari fronti sia richiesto ad ognuno di noi di andare oltre il
proprio dovere e mestiere, il “come” spetta alla coscienza di ognuno di noi, la
coscienza da uomo cattolico e non da un giornalista.

Uno dei mali della società di oggi è l’indifferenza e per sconfiggerla serve ricucire il tessuto sociale ormai in brandelli; per
ricucire questo tessuto abbiamo bisogno anche della Chiesa Cattolica, NON DI Preti burocrati ma di Preti forti e coraggiosi come Don Pino Puglisi,Don Giuseppe Diana, Don Graziano Muntoni, caduti per mano della mafia perché NON hanno fatto solo il loro dovere, dovere di Prete e non di giornalista.

ONORE AI CADUTI.

Francesco

Tag:

Leggi anche:

  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad
  • Varese weekend nero: finale playoff persa e dimissioni del presidente

    Il Varese chiude la stagione senza festa e senza sorrisi. L’ultima partita dell’anno, ovvero la finale playoff di Serie D, finisce con la vittoria del Gozzano che passa al “Franco Ossola” 2-0 grazie ai gol di Gulin e Segato. Buon primo tempo per i biancorossi, ma ripresa da dimenticare