Esercito a Varese: “L’amministrazione ammette di avere fallito sulla sicurezza in città”

Riflessioni di Bruno Belli, umanista e coordinatore del progetto ''Varese da Vivere'' del Pd, sul voto in consiglio comunale per chiedere l'intervento dei militari

09 giugno 2015
Guarda anche: LettereVarese
Presidiopiazza

I nostri “governanti” locali, votando a favore dell’intervento dell’esercito a Varese, non si sono accorti di un modestissimo fatto: che, votando per la presenza dell’esercito in città, hanno ammesso il completo fallimento dell’attuale amministrazione sul fronte della politica della sicurezza, evidentemente non essendo stati capaci, negli anni, nemmeno di prevedere un piano concreto da attuare in piena collaborazione con le forze dell’ordine e con la Prefettura.

Senza contare, qui, lo sgradevole impatto dei militari mescolati alla gente civile, di fronte ai già pochi turisti che vengono in città (e che sono molti di meno rispetto a quelli che avrebbero creduto di annoverare gli entusiasti del fallimentare EXPO). 

L’esercito mette ordine: è vero. Ma ha anche suoi regolamenti che non c’entrano punto con la vita civile, ha un codice di procedura a sé stante (tanto che esistono i tribunali civili e quelli militari), ecc.ecc.

Allora, da cittadino, chiedo questo ai nostri amministratori: perché non vi dimettete tutti e lasciate il governo della città ai militari?
Tra quanto li vorremo vedere anche a Roma, a Palazzo Chigi, a Palazzo Madama, al Quirinale?

Di certo, per chiudere con una battuta (ma non ignorerei il significato della provocazione qui sopra), saremo sicuri che i treni saranno nuovamente in orario!!!

Complimenti per l’ammissione del fallimento di un governo civile e della sottoscrizione entusiasta al grido squillante “Arrivano i colonnelli!!!”.

Bruno Belli
Umanista  
Coordinatore del capitolo “Risorse culturali varesine” del progetto “Varese da Vivere” del Pd di Varese 

Tag:

Leggi anche:

  • Giro d’Italia numero 100: vince l’olandese Dumoulin

    Con la cronometro Monza-Milano (29.3 km) si è chiuso il Giro d’Italia numero 100. A vincere la celeberrima corsa in rosa targata 2017 è stato Tom Dumoulin, l’olandese della Sunweb che ha stupito un po’ tutti e che si è laureato il nuovo re in rosa. Quintana, Nibali e Pinot si classificano
  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad