Chiusura Filmstudio90: “Tante iniziative in città”. E la battaglia è anche legale. VIDEO

Gli spettacoli cinematografici andranno avanti, organizzati in maniera itinerante in diversi luoghi della città. Intanto, viene chiesto il dissequestro della sala

22 gennaio 2016
Guarda anche: Culture e SpettacoloVarese
FB_IMG_1453467708942

Il sequestro della sala di Filmstudio90 ha dato vita ad un grande cordone di solidarietà da parte della cittadinanza nei confronti dell’associazione che da oltre ventincinque anni offre a Varese una rassegna di film di qualità.

Ed è una presenza culturale fondamentale per la città.

In mattinata, nella sede Arci, Giulio Rossini e Adriano Gallina hanno fatto il punto della situazione.

“In questo momento avvocato Prestinoni sta depositando la domanda di riesame – ha detto Rossini – non staremo qui ad aspettare: Filmstudio90 risponderà moltiplicando le iniziative, dimostrando come si possono organizzare eventi on the Road. Diffonderemo il cinema in città ancora più di prima. Risponderemo alla domanda di cultura che viene dalla città. E faremo quello che dovrebbe venire dalle istituzioni, invece troppo spesso non viene proprio”.

Noi crediamo nel valore collettivo di quello che si fa, in questi anni abbiamo creato collaborazioni con le associazioni, Convergenze ne è la prova.

“Quello che viene contestato è l’omessa denuncia di inizio attività e l’agibilità di sala di via De Cristoforis” spiegano, contestando tuttavia le accuse.

 

“Tutto nasce dal fatto che le locandine degli spettacoli cinematografici vengono appese negli stessi spazi dove sono affisse quelle del Cinema Nuovo, che invece è luogo aperto al pubblico” ha detto Gallina.

E Rossini: “Abbiamo sempre ottemperato ai lavori per la sicurezza della sala, facendo anche di più di quello richiesto dalla legge.  Per quanto riguarda le questioni fiscali, noi abbiamo il registratore di cassa per l’emissione dei biglietti e inviamo i dati dell’incasso ogni volta”.

I tesserati a Filmstudio90 sono circa 2.500.

Il sequestro della sala viene contestato anche perché la stessa non è di proprietà di Filmstudio90, ma della Coopuf, che la utilizza anche per altre iniziative. E quindi si trova oggi nell’impossibilità di disporne.

Alla conferenza è intervenuto anche il consigliere provinciale delegato alla Cultura Alberto Tognola, oltre al consigliere comunale del Pd Andrea Civati e al segretario cittadino dei Giovani democratici Giacomo Fisco.

 

 

Tag:

Leggi anche:

  • Pallanuoto – La BPM Sport Management espugna Torino con una grande prestazione

    La terzultima giornata della regular season del Campionato di A1 non riserva sorprese per la BPM Sport Management. Il sette di Gu Baldineti batte in trasferta il Torino ’81 per 19-9 (3-2, 5-3, 7-0, 4-4) e grazie ad un’ottima prestazione continua la preparazione alla Final Six, in programma tra
  • Progetto Binda 2017, quando il ciclismo è passione

    Il “Progetto Binda 2017” prende ufficialmente il via martedì 25 aprile con la Piccola Tre Valli Varesine, giunta alla sua 41° edizione. La tradizionale gara – valevole come 2° prova del Giro della Provincia categoria Allievi e come 3° Trofeo Veneto Banca – si disputerà a Induno
  • La Pro Loco fa il “giro del mondo” con Paola Gianotti

    Emozionante serata nella Sala consiliare del Castello Visconteo per il “Mese della Cultura” organizzato dalla Pro Loco Fagnano Olona guidata da Armida Macchi e Paolo Bossi. Guest star del momento è stata la famosa ciclista Paola Gianotti, contattata tramite il Gruppo Sportivo
  • Pallanuoto, 24ª giornata: la BPM Sport Management nella tana del Torino ‘81

    Torna il campionato di Serie A1. Ad un mese dalle Final Six di Torino, la BPM Sport Management domani sarà proprio nel capoluogo piemontese per sfidare il sette di coach Aversa. Una sfida in cui i Mastini sono i favoriti sulla carta, ma che non dovranno assolutamente sottovalutare in quanto il