Chiusura Filmstudio90: “Tante iniziative in città”. E la battaglia è anche legale. VIDEO

Gli spettacoli cinematografici andranno avanti, organizzati in maniera itinerante in diversi luoghi della città. Intanto, viene chiesto il dissequestro della sala

22 gennaio 2016
Guarda anche: Cultura Musica SpettacoloVarese Città
FB_IMG_1453467708942

Il sequestro della sala di Filmstudio90 ha dato vita ad un grande cordone di solidarietà da parte della cittadinanza nei confronti dell’associazione che da oltre ventincinque anni offre a Varese una rassegna di film di qualità.

Ed è una presenza culturale fondamentale per la città.

In mattinata, nella sede Arci, Giulio Rossini e Adriano Gallina hanno fatto il punto della situazione.

“In questo momento avvocato Prestinoni sta depositando la domanda di riesame – ha detto Rossini – non staremo qui ad aspettare: Filmstudio90 risponderà moltiplicando le iniziative, dimostrando come si possono organizzare eventi on the Road. Diffonderemo il cinema in città ancora più di prima. Risponderemo alla domanda di cultura che viene dalla città. E faremo quello che dovrebbe venire dalle istituzioni, invece troppo spesso non viene proprio”.

Noi crediamo nel valore collettivo di quello che si fa, in questi anni abbiamo creato collaborazioni con le associazioni, Convergenze ne è la prova.

“Quello che viene contestato è l’omessa denuncia di inizio attività e l’agibilità di sala di via De Cristoforis” spiegano, contestando tuttavia le accuse.

 

“Tutto nasce dal fatto che le locandine degli spettacoli cinematografici vengono appese negli stessi spazi dove sono affisse quelle del Cinema Nuovo, che invece è luogo aperto al pubblico” ha detto Gallina.

E Rossini: “Abbiamo sempre ottemperato ai lavori per la sicurezza della sala, facendo anche di più di quello richiesto dalla legge.  Per quanto riguarda le questioni fiscali, noi abbiamo il registratore di cassa per l’emissione dei biglietti e inviamo i dati dell’incasso ogni volta”.

I tesserati a Filmstudio90 sono circa 2.500.

Il sequestro della sala viene contestato anche perché la stessa non è di proprietà di Filmstudio90, ma della Coopuf, che la utilizza anche per altre iniziative. E quindi si trova oggi nell’impossibilità di disporne.

Alla conferenza è intervenuto anche il consigliere provinciale delegato alla Cultura Alberto Tognola, oltre al consigliere comunale del Pd Andrea Civati e al segretario cittadino dei Giovani democratici Giacomo Fisco.

 

 

Tag:

Leggi anche:

  • Cantine Coopuf: “La burocrazia rischia di farci chiudere”

    Un grido d’allarme. Perché uno dei principali luoghi che fanno cultura a Varese rischia di chiudere. Si tratta delle Cantine Coopuf, la sala seminerrata della struttura di via De Cristoforis dove vengono gestiti e organizzati eventi. E che si trova in difficoltà. “A pochi giorni dalla
  • È ufficiale: Filmstudio ’90 trova casa in Sala Montanari

    E’ stata deliberata oggi dalla giunta comunale, su proposta dell’assessore alla Cultura Simone Longhini, la concessione della sala Montanari a Filmstudio ’90. L’utilizzo è per 16 giornate con 18 spettacoli in calendario, dal 7 di febbraio fino al 20 marzo: il costo della sala prevede la
  • Per Filmstudio 90 una sede in Sala Montanari o al Castello di Masnago

      Una sede temporanea in Sala Montanari o al Castello di Masnago. È questa la proposta della giunta per Filmstudio 90. A rivelarlo l’assessore alla Cultura Simone Longhini. “Senza entrare nel merito della vicenda giudiziaria e con la premessa che le regole vanno sempre rispettate
  • Filmstudio 90: il Comune cerca una soluzione per non fermare le proiezioni

    “Stiamo valutando alcune proposte che presenteremo ai responsabili di Filmstudio 90 – spiega il sindaco Attilio Fontana – in modo tale che possano proseguire con la proiezione dei film. È stato riconosciuto da tutti i membri di giunta il valore dell’offerta che arriva