Cantine Coopuf: “La burocrazia rischia di farci chiudere”

Dopo il sequestro della sala di Filmstudio '90 un altro problema per la Coopuf

05 febbraio 2016
Guarda anche: Culture e SpettacoloVarese
Coopuf 2

Un grido d’allarme. Perché uno dei principali luoghi che fanno cultura a Varese rischia di chiudere. Si tratta delle Cantine Coopuf, la sala seminerrata della struttura di via De Cristoforis dove vengono gestiti e organizzati eventi. E che si trova in difficoltà.

“A pochi giorni dalla chiusura della nona edizione del concorso musicale “Va Sul palco” – spiefa in una nota lo staff – è ancora incerto il futuro delle prossime manifestazioni musicali alle Cantine Coopuf di Varese.
Da tempo oramai noi di Coopuf ci scontriamo con una quotidianità fatta di adeguamenti strutturali, permessi, burocrazia ad ostacoli, impedimenti. Tutto questo senza avere mai la certezza di un preciso iter da rispettare che percorreremmo volentieri pur di poter continuare a proporre le nostre attività con costanza e regolarità.
È sempre stato nel nostro interesse operare nel rispetto della legalità e della sicurezza di chi frequenta le Cantine. Eppure ad oggi vediamo con la chiusura del concorso varesino la fine a tempo indeterminato delle attività musicali nei nostri spazi. E siamo davvero molto dispiaciuti, perché la manifestazione Va Sul Palco è sempre stata sostenuta con tanto entusiasmo dalle nostre istituzioni investendo oltre che risorse economiche anche tante energie.
Questo perché meritevole per freschezza e originali ma, non da meno, perché svolge l’importante compito di assolvere un’aggregazione giovanile diversa, creativa e intelligente, importantissima per lo sviluppo dei nostri cittadini di domani.
E quindi ci chiediamo perché se animare l’ormai ultima sala concerti della città è stata una scommessa sulla quale ha puntato una cooperativa sociale e le già citate istituzioni, per quale motivo questa scommessa non debba durare per tutto l’anno.
Perché se le Cantine Coopuf sono un luogo idoneo e sicuro per lo svolgimento di tali attività per cinque serate l’anno non riusciamo proprio a capire perché non possano esserlo per le restanti che compongono una stagione musicale”.

Il problema consisterebbe nell’insostenibilità economica della gestione della sala, che da un anno è stata equiparata alle attività di pubblico spettacolo, e non più come realtà semplicemenge associativa con ingresso riservato si soci. Gli oneri per una sala che offre un numero di posti limitato e porta spettacoli, per la maggior parte, di nicchia, sarebbero eccessivi.

Tag:

Leggi anche:

  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad
  • Varese weekend nero: finale playoff persa e dimissioni del presidente

    Il Varese chiude la stagione senza festa e senza sorrisi. L’ultima partita dell’anno, ovvero la finale playoff di Serie D, finisce con la vittoria del Gozzano che passa al “Franco Ossola” 2-0 grazie ai gol di Gulin e Segato. Buon primo tempo per i biancorossi, ma ripresa da dimenticare