Caravate: al via le “Passeggiate per la sicurezza”

Prime iniziative del comitato a cui aderisce Forza Nuova

14 febbraio 2016
Guarda anche: Laghi
Taranto, arrivo dei profughi libici da Lampedusa

Durante la tarda serata di venerdì 12 febbraio i volontari del comitato Caravate Sicura, supportati dai forzanovisti varesini, hanno svolto per le
strade del paese la prima passeggiata per la sicurezza.La referente Alessandra Santamaria dichiara: “Indossando pettorine fluorescenti abbiamo percorso le principali vie del paese imbucando diverse
decine di volantini esplicativi, testimoni del nostro passaggio. Con l’attivazione dei progetti di accoglienza dei richiedenti asilo a Villa
Letizia e nelle altre strutture dei comuni limitrofi sono giunti nella comunità locale soggetti stranieri dal trascorso comportamentale, penale
sconosciuto in più purtroppo i furti nelle case, gli episodi di microcriminalità non costituiscono solo una problematica di realtà lontane.
Per questi motivi abbiamo scelto di dare il nostro contributo battendo le strade del paese in orari “non convenzionali” pronti, in caso di potenziale
pericolo, a sollecitare le autorità ad effettuare interventi tempestivi”.
L’attività di controllo del territorio dei volontari di Caravate Sicura è stata inoltre intervallata da un momento di protesta con l’esposizione, nei
pressi di Villa Letizia, di uno striscione recante il messaggio: “ 1000 ospiti, oltre il 95% le bocciature alla richiesta d’asilo…Tormentati?
Perseguitati? No! Parassiti!”
Federico Russo, volontario nonché responsabile provinciale di Forza Nuova, aggiunge: “Abbiamo
voluto denunciare, per l’ennesima volta, quella che noi consideriamo una vera e propria truffa ai danni del popolo italiano: i quasi mille
clandestini ospitati nelle strutture della provincia (che presto aumenteranno del 20% data la recente chiusura di un nuovo bando della
Prefettura) per anni vengono e verranno mantenuti gravando sulla collettività e immancabilmente gli organi governativi preposti ( quindi non
certo enti faziosi) a iter concluso in oltre 9 casi su 10 bocciano la loro richiesta di protezione internazionale. Quante volte abbiamo assistito a
“condanne sommarie” verso amministratori, dipendenti statali anche solo semplicemente indagati di aver intascato denaro pubblico? Perchè neanche un giudizio nei confronti delle decine, centinaia di migliaia di falsi profughi bocciati continuativamente dalle stesse istituzioni che ci
impongono la loro presenza?”

Forza Nuova anche a costo di risultare scomoda si è sempre contraddistinta nel dire le cose come stanno: sono dei truffatori, dei parassiti, le
risorse pubbliche ingiustamente dedicate a loro di fatto sono state disimpegnate da progetti a favore della collettività nazionale. Vanno
espulsi!

*Comitato Caravate Sicura

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    openjobmetis-cavaliero Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    babbi-natale-buguggiate . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    hockey-varese-progetto-inspire L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

    oggioni_spagnoli   La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti