Caravate: domenica corteo contro i richiedenti asilo

Il comitato Caravate Sicura invita i residenti a protestare

02 febbraio 2016
Guarda anche: Politica
Taranto, arrivo dei profughi libici da Lampedusa

Nella mattinata di domenica 7 febbraio il Comitato Civico Caravate Sicura terrà in paese (concentramento ore 10.30 Via XX Settembre -parcheggio discount Dpiù- ore 11.00 partenza) un corteo di protesta contro l’arrivo, la permanenza e il pubblico mantenimento degli asilanti nella proprietà Villa Letizia. La referente Alessandra Santamaria intende affermare: “Siamo un comitato libero e politicamente autonomo di recente costituzione nato per riunire, organizzare i locali cittadini accomunati da uno stesso giudizio: la più piena contrarietà all’arrivo dei clandestini in paese;
riunione dopo riunione, iniziativa dopo iniziativa le nostre file si sono ingrossate sempre più e grazie al contributo operativo, logistico, in campo normativo fornito da Federico Russo e dai militanti varesini di Forza Nuova che da subito ci hanno accompagnato e invogliato a perseguire in tale progetto, a breve da semplice collettivo di protesta ci evolveremo in una vera e propria associazione solidaristica/culturale regolarmente registrata, impegnata nell’assistenza dei nostri connazionali in difficoltà, nella tutela ambientale e nella promozione del locale patrimonio artistico/culturale e delle realtà agricolo/artigianali. Fin dalla pubblica presentazione il progetto di accoglienza dei richiedenti asilo in Villa Letizia ha suscitato forte contrarietà nei nostri compaesani; tale avversione invitiamo a materializzarla con la
partecipazione al corteo di domenica: davanti a un Prefetto “promoter finanziario” (con i nostri soldi) di cooperative ed avidi prelati, davanti a una palese miopia istituzionale verso l’assistenza dei nostri connazionali in difficoltà, davanti al rischio concreto di compromissione
della sicurezza nostra e delle nostre famiglie, davanti all’inconcludenza legislativa delle forza politiche governative, di centro-sinistra quanto di centro-destra, che non fanno e non hanno fatto altro che assecondare, applicare sulle nostre spalle gli stessi trattati internazionali, gli
stessi regolamenti utili solo alla causa dei grandi potentati economici la piazza, la rivolta popolare è l’unico mezzo per difendere e riaffermare i nostri diritti.

Né noi, né le istituzioni preposte siamo a conoscenza, salvo gli sbrigativi controlli di rito, delle condizioni sanitarie dei migranti, come non conosciamo la condotta individuale pre-sbarco e le reali motivazioni che li hanno spinti a chiedere protezione al nostro Paese. Potenzialmente (e i casi in tal senso di analoghe realtà non lontane non mancano) potrebbero essere untori, terroristi, delinquenti, molestatori o “solamente” sanguisughe del nostro sistema assistenziale (dati ufficiali alla mano: 5 idoneità alla richiesta di protezione internazionale ogni 100 domande presentate) ma nonostante ciò per almeno 3 anni godono e godranno sulle spalle della collettività locale e nazionale del comodo mantenimento che ormai tutti conosciamo la stessa che se in difficoltà è costretta ad accontentarsi di ben altro trattamento. Caravatese, medio verbanese spegni Facebook, la televisione e scendi in strada con noi! La pigrizia, l’indifferenza o la rassegnazione sono il tuo principale nemico”.

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

      La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti