Busto Arsizio, primarie del centrodestra: “Messaggi al veleno”

Il 3 aprile si vota per il candidato sindaco del centrodestra. Ma il clima non è dei più sereni

02 aprile 2016
Guarda anche: Busto ArsizioPolitica
Bustoarsizio

Il partito Democratico augura al centrodestra che la giornata scelta per tenere le cosiddette primarie sia una vera festa della democrazia, anche se, lette le dichiarazioni dei duellanti e saputo dei messaggi al veleno della vigilia, il clima che aleggia nello schieramento è più da resa dei conti che da confronto democratico.
Comunque stiano sereni, non dovranno temere la nostra presenza al Museo del Tessile perché, al contrario di quanto hanno fatto loro qualche anno fa, lasceremo che il loro popolo si possa esprimere liberamente di scegliere candidati che non sono certo all’insegna del rinnovamento.
Qualcuno ha evidenziato che a queste primarie non si pagherà nulla. Beh, vista la macchina elettorale messa in campo dai candidati un po’ di trasparenza sulle spese sarebbe d’obbligo. Come sarebbe d’obbligo aspettarsi più sobrietà e attenzione nell’usare la cosa pubblica a fini personali da parte di qualche candidato. Un atteggiamento questo inopportuno e di dubbio gusto e siamo solo all’antipasto della campagna elettorale.

Lo spettacolo di questi giorni, che ha visto alcuni componenti dell’attuale amministrazione spendersi ad uso e consumo di qualche candidato, non rappresentano certo un bell’esempio di trasparenza e correttezza.
Speriamo che, chiuse le urne e avuto il responso, i partiti del centrodestra abbiano quella stessa trasparenza che il contributo chiesto alle nostre primarie ha avuto con un rapido calcolo in base al numero effettivo e reso pubblico degli elettori partecipanti.
Comunque auguri per queste primarie.

Noi invece, con il candidato Sindaco Gianluca Castiglioni abbiamo iniziato un giro nei quartieri, che questo centrodestra ha dimenticato da oltre vent’anni. Intere zone della città che hanno visto l’amministrazione pubblica latitare e intervenire solo in situazioni straordinarie.
La nostra Città ha interi quartieri che attendono soluzioni urbanistiche mai neppure lontanamente progettate poiché il centrodestra si ricorda che esistono solo al momento della campagna elettorale e delle elezioni.
Gianluca Castiglioni ha invece voluto metterci la faccia, per incontrare, ascoltare, dialogare e dare attenzione ai cittadini, ai commercianti, alle associazioni senza proclami, ma con impegno e serietà com’è nello stile della nostra città.
Per una Busto dove i suoi cittadini meritano più Ascolto, più Attenzione più Azione.

Per la Segreteria del Partito Democratico di Busto Arsizio

Tag:

Leggi anche:

  • Al via mercoledì le semifinali scudetto del campionato under 15 per la Busto Pallanuoto

    Scatterà mercoledì 26 luglio la semifinale del Campionato Nazionale under 15 Maschile di pallanuoto che, nel girone 4 in programma presso la Piscina Comunale Olimpica di Palermo, vedrà in vasca anche la Busto Pallanuoto, società del vivaio Sport Management qualificatasi nelle scorse
  • 24 luglio 1923: la Juventus si apre all’era di casa Agnelli

    Fu fondata nel 1897 a Torino da un semplice gruppo di studenti liceali locali, appassionati di calcio, che pensarono a questa società come un semplice polisportiva. La squadra composta allora da un gruppo di ragazzi del liceo classico della città fece strada arrivando al suo primo campionato
  • Arcieri di Varese, per i 40 anni una festa sociale a Calcinate degli Orrigoni

    Era il 19 luglio del 1977 quando la società, affiliata alla Federazione Italiana Tiro Con l’Arco, apriva per la prima volta le porte ai giovani. La compagnia Arcieri di Varese, festeggia il suo 40esimo anno di età, 40esimo anno di promozione sportiva e sociale nel territorio, 40esimo anno di
  • Calcio Tim Cup – Il Varese pesca il Pisa

    La stagione del Varese parte dalla Toscana e parte da Pisa: saranno loro gli avversari dei biancorossi nel primo impegno ufficiale della stagione Domenica 30 luglio gli uomini di mister Iacolino se la vedranno con gli uomini di Carmine Gautieri ex tecnico proprio dei biancorossi. La sfida di Tim