Brezzo di Bedero, è di nuovo allarme per i furti in abitazione

Arriva dai social network la segnalazione di alcuni colpi in ville e appartamenti del paese

23 marzo 2015
Guarda anche: Luinese
ladro furto

La segnalazione su Facebook è arrivata da una persona residente nel paese. I presunti autori dei furti sarebbero un uomo di cinquant’anni ben vestito e un ragazzino in tuta da ginnastica.

Oltre cento “mi piace” e ancor più condivisioni ha ricevuto il post pubblicato dall’abitante di Brezzo con la segnalazione dei furti, avvenuti nelle vicinanze della scuola elementare. Facebook si è rivelato un utile strumento di comunicazione per mettere in guardia i cittadini residenti nelle zone limitrofe.

Tuttavia i Carabinieri di Luino invitano chiunque avvisti individui sospetti a contattare immediatamente le Forze dell’Ordine e non soltanto a segnalarlo sui social media.

Tag:

Leggi anche:

  • Le Minifigure alla conquista del Lago

    Nato come gruppo amatoriale su Facebook, grazie all’idea di un gruppo di appassionati, Fotografia Costruttiva è diventata oggi una realtà importante del territorio Varesino. Dalla provincia di Varese e non solo, il gruppo sta raccogliendo sempre più adesioni e così gli amministratori
  • Ascoli Piceno, polemica per gli auguri a Hitler

    E’ stato pubblicato nelle prime ore di questa mattina un messaggio particolare sulla pagina Facebook di un docente dell’Istituto Tecnico Agrario “Ulpiani” di Ascoli Piceno, in cui rivolgeva gli auguri di compleanno a un personaggio particolare. Il messaggio era il seguente “Einhundert
  • Scandalo Facebook, le scuse di Mark Zuckerberg

    Il caso – Il programma per la raccolta di dati su Facebook fu avviato dalla Cambridge Analytica sotto la supervisione di Steve Bannon, l’ex stratega di Donald Trump. Per Chris Wylie – la talpa che ha provocato lo scandalo – Bannon, tre anni prima il suo incarico alla
  • Boldrini, appello a Zuckerberg “Chiusura immediata delle pagine che inneggiano al razzismo”

    “Non esiste un fascismo buono” afferma la presidente della Camera, Laura Boldrini, che durante il convegno “Perseguitati per Legge – 1938, ottant’anni fa le leggi razziali” ha raccontato di essere arrivata a scrivere una lettera diretta al proprietario di uno dei social network