Allarme sicurezza: Renzi se ne frega di Varese

La mozione che chiedeva di portare l'Esercito a Varese è stata ignorata

02 aprile 2016
Guarda anche: Varese
Esercitopolizia

A dieci mesi di distanza dall’approvazione della mozione che chiedeva anche di valutare di sperimentare l’Esercito con funzioni di polizia a Varese, per aumentare la sicurezza nei comparti più sensibili, nessuna risposta è ancora giunta dal governo. Il documento, votato a larga maggioranza dal consiglio comunale, era infatti stato inviato all’esecutivo di Matteo Renzi per porre il problema della sicurezza in città.

“Per noi la sicurezza è una priorità – spiega capogruppo di Movimento Libero Alessio Nicoletti, promotore della mozione – per il governo Renzi pare invece che Varese non meriti neanche una risposta. Spiace constatare, infatti, che a dieci mesi di distanza a Palazzo Estense non sia giunta ancora nessuna risposta in merito alle richieste formulate dal consiglio comunale attraverso l’approvazione di una mozione di Movimento Libero. Mozione approvata l’8 Giugno 2015 a larghissima maggioranza (16 favorevoli, 6 contrari ed 1 astenuto) e formalmente inoltrata al Capo del Governo il 22 Giugno 2015. In particolare al Governo sono state richieste formalmente più risorse, più uomini e più mezzi a beneficio delle Forze dell’Ordine operanti sul territorio del Capoluogo e di valutare seriamente la possibilità di sperimentare anche a Varese, come già avviene in decine di città italiane, l’utilizzo dell’esercito con funzioni di polizia per garantire una maggior sicurezza di alcuni comparti cittadini. Pensiamo che Varese meriti almeno una risposta”.

Tag:

Leggi anche: