Le dimissioni di Matteo Renzi “Occorre voltare pagina”

I seggi si sono chiusi, il PD ha perso alle politiche e sono arrivate puntualissime le dimissioni di Matteo Renzi. Il suo commento "Lascio la guida del partito"

06 marzo 2018
Guarda anche: ItaliaPolitica

Matteo Renzi si dimette, lascia la guida del partito democratico che nelle ultime elezioni politiche ha perso. Un risultato quello della sinistra che ha costretto il suo leader a dare le dimissioni. A pochi giorni dal voto ecco il commento, l’ultimo, di Matteo Renzi in seguito alla decisione degli italiani.

“Le elezioni sono finite, il PD ha perso, occorre voltare pagina. Per questo lascio la guida del partito. 
Non capisco le polemiche interne di queste ore. 
Ancora litigare? Ancora attaccare me? 
Nei prossimi anni il PD dovrà stare all’opposizione degli estremisti. Cinque Stelle e Destre ci hanno insultato per anni e rappresentano l’opposto dei nostri valori. Sono anti europeisti, anti politici, hanno usato un linguaggio di odio. Ci hanno detto che siamo corrotti, mafiosi, collusi e che abbiamo le mani sporche di sangue per l’immigrazione: non credo che abbiano cambiato idea all’improvviso.
Facciano loro il Governo se ci riescono, noi stiamo fuori.
Per me il PD deve stare dove l’hanno messo i cittadini: all’opposizione. Se qualcuno del nostro partito la pensa diversamente, lo dica in direzione lunedì prossimo o nei gruppi parlamentari.
Senza astio, senza insulti, senza polemiche: chi vuole portare il PD a sostenere le destre o il Cinque Stelle lo dica. Personalmente penso che sarebbe un clamoroso e tragico errore. Ma quei dirigenti che chiedono collegialità hanno i luoghi e gli spazi per discutere democraticamente di tutto.
Quanto a me. Leggo di tutto, ancora una volta.
Qualcuno dice che le dimissioni sarebbero una finta, qualcuno che starei per andare in settimana bianca. Le dimissioni sono vere, la notizia falsa.
Mi stupisce che certe cose diventino l’apertura dei siti, emozionino le redazioni, intrighino i giornali. Parlare di me – ancora – è inspiegabile. Sono altri, adesso, a guidare il Paese: occupatevi di loro, amici dell’informazione.
Io ho già detto cosa farò: il parlamentare semplice, cercando di rappresentare al meglio quei cittadini che mi hanno onorato della loro fiducia e tenendomi in contatto con le tante esperienze belle che vivono nella nostra società.
Lo farò con il sorriso e lo farò con la consapevolezza di dover dire solo grazie per questi anni bellissimi: nessuno ci porterà via i risultati straordinari raggiunti. E cercherò di fare del mio meglio per il mio Paese anche dall’opposizione.
Basta polemiche, viva l’Italia.
E buona giornata a tutti.”

Tag:

Leggi anche:

  • Milano, al Summit sul Localismo l’intesa tra Lega Giovani e i giovani conservatori polacchi

    Al Pirellone  si rafforza l’intesa tra i movimenti giovanili dei partiti. Proprio a margine del Summit sul Localismo dell’ECR, il gruppo dei Conservatori e Riformisti europei nel Comitato europeo delle regioni (CdR), si è svolto un incontro programmatico tra la Lega Giovani  e Mloda
  • Conte alla Lega “Si rassegnino, nessuna spaccatura nella giunta”

    “Si rassereni il commissario della Lega di Varese: non c’è nessuna spaccatura all’interno della Giunta a Palazzo Estense. La domanda che invece mi pongo è: la Lega del capoluogo è ancora commissariata e da quanto?  La vera spaccatura, in città, è all’interno di quel
  • I Giovani Leghisti costruiscono la nuova Europa del Buonsenso

    Si è rinsaldata in questi giorni l’alleanza tra il movimento giovanile della Lega e i giovani fiamminghi del Vlaams Belang Jongeren, protagonisti di un importante incontro in Carinzia. La delegazione dei Giovani Leghisti era guidata dal Responsabile Federale Mgp Esteri, il varesino Davide
  • Luca Marsico presenta la nuova associazione

    “Sarà un progetto ambizioso, non confinato con Forza Italia ma aperto a tutti coloro che si riconosceranno nei valori che fin qui hanno unito il gruppo fondatore. Il nome dell’associazione sarà rivelato martedì prossimo, così come la composizione del direttivo e il primo nucleo di