Aggressione con machete, il Movimento 5 Stelle: “Renzi e Alfano non garantiscono la sicurezza”

Il capogruppo dei Cinquestelle in Regione Dario Violi interviene sul caso dell'aggressione al capostazione e al macchinista a Villapizzone. ''Manca la sicurezza per i tagli del governo. E anche per l'inerzia di Maroni''

12 giugno 2015
Guarda anche: Milano
Trenord

“Il governo non garantisce la sicurezza. E nemmeno la Regione”. Sul caso dell’aggressione da parte di un gruppo di sudamericani, di cui uno armato di machete, contro un capostazione e un macchinista delle Ferrovie, avvenuto ieri a Milano Villapizzone, il Movimento 5 Stelle sottolinea la mancanza di sicurezza sul territorio a causa dei tagli alle Forze dell’Ordine. 

“Siamo sgomenti per i fatti accaduti a due ferrovieri di Trenord. Alle vittime e alle loro famiglie va tutto i sostegno e la solidarietà del Movimento 5 Stelle. E’ chiaro che sui treni, come sul territorio, non c’è più sicurezza e chi ci lavora non è tutelato. Le forze dell’ordine sono abbandonate a se stesse, sotto organico e sottopagate : è sempre più urgente aumentarne l’organico, le dotazioni e la presenza capillare sul territorio. Diciamo però no con forza alle guardie private sui treni e sul territorio, i cittadini pagano le tasse e devono vedersi riconosciuti servizi e sicurezza pubblica. Quanto accaduto oggi è il risultato della incapacità di garantire sicurezza e dei tagli di Renzi e Alfano e dell’inerzia di Maroni” dichiara Dario Violi, capogruppo del Movimento 5 Stelle della Lombardia.

Tag:

Leggi anche:

  • Ufficio Immigrazione, rimpatrio per i cittadini extracomunitari non in regola

    Nei giorni scorsi, l’attività finalizzata al rimpatrio di cittadini extracomunitari non in regola con la normativa sul soggiorno, ha visto impegnati ancora una volta gli uomini dell’Ufficio Immigrazione della Questura di Varese che hanno dato esecuzione a 4 provvedimenti di espulsione, emanati
  • Aggressione sul treno diretto a Saronno, la vittima un 18enne

    A fare le spese della mancanza della sorvegliata un giovane italiano di 18 anni che si è ritrovato da solo a bordo delle carrozze, semi deserte, di un treno partito attorno alle ore 12:00 di sabato 15 aprile dalla stazione di Milano Cadorna e diretto a Saronno. Una nuova aggressione a pochi giorni
  • Cavaria, in manette un diciannovenne per violenza

    Sono scattate le manette nel pomeriggio di mercoledì 11 aprile per un diciannovenne ghanese, regolare in Italia e resistente nel comune di Cavaria con Premezzo (VA). Contro di lui l’accusa di aggressione da parte del padre, che sarebbe stato vittima di violenti pestaggi, nati da problemi di
  • Trenord, nuova aggressione ai danni dei capitreno

    Sul treno partito da Milano Cadorna e diretto a Saronno, poco dopo la mezzanotte di venerdì 7 aprile, un gruppo di ragazzi (giovanissimi secondo le prime indagini) avrebbero aggredito senza motivo i due capitreno che si trovavano a bordo del convoglio. Per le due vittime immediati i soccorsi alla