A Varese l’ultimo dell’anno è solidale

Si rinnova l'appuntamento per la notte di San Silvestro con i meno abbienti

14 dicembre 2015
Guarda anche: Varese Città
Mensa poveri

Anche quest’anno a Varese si organizza l’Ultimo Solidale, il cenone di San Silvestro al quale prendono parte tutti i cittadini che lo desiderano, condividendo con chi è maggiormente in difficoltà. Lo scopo è quello, come negli scorsi anni, di fare festa assieme, nel segno della condivisione.
L’invito è quindi esteso alle mense cittadine, alle associazioni di Varese Solidale, alle Caritas decanale e parrocchiali, alle Associazioni S. Vincenzo, affinché possano essere avvicinate tutte le persone che possono avere necessità di non essere sole nella sera dell’ultimo giorno dell’anno.
Diverse persone hanno già espresso la propria disponibilità ad essere presenti per dare una mano, altre si sono iscritte come commensali. Chi desidera rendersi utile può partecipare ad una riunione OPERATIVA che si svolgerà presso l’oratorio di Giubiano LUNEDI 21 DICEMBRE ALLE ORE 17,30
Chiunque desiderasse partecipare può
• scrivere a Luisa Oprandi (luiop@libero.it )
• telefonare a Luisa n 3356838837.
• Telefonare alla parrocchia di Giubiano presso don Giuseppe
• Scrivere a don Giuseppe (dongiuseppe.varese@libero.it)
Durante la serata verrà effettuata una Tombolata solidale, pertanto chi desidera offrire dei premi ( maglioni, giacche a vento, coperte, articoli per la casa, saponette, bagnoschiuma, asciugamani nuovi, indumenti per bambini etc….) può portarli direttamente alla parrocchia di Giubiano indicando che sono espressamente per la tombolata dell’ ultimo dell’anno.
Il menu della serata prevede:
• antipasti (torte salate, pizze, focacce….)
• un primo con sugo di verdure e con ragù
• polpette al sugo
• tacchino arrosto e/o
• patate arrosto
• parmigiana di melanzane
• cipolle in agrodolce
• verdura a piacere
• lenticchie con cotechino (o polpettone a fette per i musulmani)
• panettone
• crema di cioccolato( fondente e dolce)
• acqua, vino bianco e rosso, bibite
• spumante
Per le persone non in difficoltà e quindi non segnalate dalle Caritas, dalle mense, dalle parrocchie e per tutti i volontari la quota di partecipazione è di euro 15 a testa utile a coprire o costi della cena.
I commercianti, i centri della grande distribuzione, le singole persone che desiderino offrire alimenti forniamo indicazione di cosa serve:
• 14 kg di carne trita
• 8 arrosti di tacchino o 10 tacchini da arrostire
• 15 kg di patate
• 8 kg di cipolle
• Sedano
• carote
• 15 kg di Melanzane
• Bottiglie di spumante brut e dolce
• Cioccolato
• 6 cotechini o zamponi
E’ importante contattare direttamente Luisa ai recapiti sopra indicati per comunicare cosa si intende offrire, Tutti gli alimenti vanno recapitati alla parrocchia di Giubiano (con indicazione per Ultimo solidale) entro il 28 dicembre.
Nel ringraziare per la disponibilità, a nome del gruppo dei volontari
Luisa Oprandi

Tag:

Leggi anche:

  • Bertocchi “Promuovere i Viaggi della Memoria”

    Al centro della sua campagna elettorale un tema che in questi giorni è al centro dei dibattiti, ovvero la giornata della memoria che ricorre sabato 27 gennaio. Paolo Bertocchi, insieme a Luisa Oprandi, hanno presentato uno dei primi disegni di legge che verrà portato in Regione, in caso di
  • Varese: ecco le preferenze, Oprandi doppia Maroni

    I dati, tuttavia, resteranno provvisori sino a martedì, quando verrà effettuato il riconteggio della sezione 60 (scuola elementare Pietro Micca di Casbeno) per la quale il presidente di seggio ha comunicato agli uffici comunali di non essere in grado di procedere con lo scrutinio delle
  • Oprandi (Pd): “Al servizio della mia città”

    “Sono cresciuta alla scuola del cardinal Martini e credo davvero che la politica sia un servizio alla propria comunità, un servizio nel quale farsi guidare unicamente dai propri valori, dall’onestà, dalla coerenza, dal cuore e della passione”  esordisce l’insegnante, che
  • Varese, Oprandi (Pd): “Abbellire i vicoli del centro”

    La proposta consiste nella richiesta di compartecipazione dei residenti o dei proprietari degli stabili dislocati nei vicoli adiacenti il centro storico (vicolo S. Chiara, vicolo Gian Domenico Romagnosi, vicolo Zeni…etc) con il Comune per provvedere all’abbellimento floreale dei vicoli