A Varese arriva il progetto “Mamma, ti serve aiuto?”

La Fondazione Comunitaria del Varesotto, insieme ai Centri di Aiuto per la Vita, promuove una nuova iniziativa

02 settembre 2015
Guarda anche: Salute e CucinaVarese Città
mamma

Il Movimento e Centro di Aiuto alla Vita Varese Onlus e i Centro di Aiuto alla Vita Del Medio Verbano Onlus Laveno Mombello, Centro di Aiuto alla Vita Onlus Malnate e Movimento per la Vita e Centro di Aiuto alla Vita Valceresio Onlus sono organizzazioni di volontariato che operano sul territorio con lo scopo di difendere la vita di ogni essere umano in tutte le fasi del suo sviluppo, dal concepimento alla morte naturale; in particolare offrendo a donne in difficoltà per una gravidanza, ascolto, accoglienza, supporto sociale e aiuti materiali.
Tra le loro attività: sportello ascolto, gestione progetti di aiuto economico (Gem  ma, Nasko, Non sei Sola), servizio guardaroba, arredi, latte e pannolini, supporto domiciliare, consulenze professionali, ospitalità in appartamento, promozione e formazione su temi educativi. Fanno parte delle Federazioni Movimento per la Vita Italiano e Federvita Lombardia. Nel corso degli ultimi anni sono andate aumentando le richieste da parte di donne lasciate sole ad affrontare una gravidanza indesiderata con difficoltà legate a precarietà economica e sociale problematiche relazionali con rapporti di coppia fragili e insicuri,aumento di donne di culture diverse con difficoltà di integrazione e senza rete parentale
inadeguatezza delle competenze genitoriali e maggiore fragilità psicologica delle madri;
tutto questo si traduce in situazioni di vera emergenza anche abitativa con ridotta capacità accudente delle madri che richiede un supporto e un accompagnamento.

Il progetto “Mamma, ti serve aiuto ?”, attuato con il sostegno della Fondazione Comunitaria del Varesotto Onlus che si attuerà dal settembre 2015 a luglio 2016 si inserisce in una rete di sostegno attuata dai CAV e già operativa con l’obiettivo di integrare alle consuete attività una specifica accoglienza anche attraverso la ricerca di soluzioni abitative per situazioni di grave disagio comprendente anche l’ospitalità temporanea presso un’unità abitativa a disposizione del CAV Varese, a questo scopo destinata, che può dare ospitalità a tre donne gravide e ai loro bambini fino al compimento del primo anno di vita.
Tale obiettivo verrà realizzato con l’impegno di operatori volontari attraverso un servizio di accoglienza, rilievo del bisogno, organizzazione di interventi di offerta di prodotti per l’infanzia e alimenti per nutrici, lattanti e bambini prima infanzia, quest’ultima attuata mediante distribuzione diretta di latte adattato e alimenti per l’infanzia o consegna di buoni acquisto da utilizzare presso la grande distribuzione.
Inoltre ci si propone di consolidare una più efficace operatività in rete di enti che operano con finalità complementari indirizzate ad un medesimo gruppo di utenti: il progetto verrà attuato in stretta collaborazione con i Servizi Sociali, in particolare per quanto attiene la ricerca di alloggi a canone sostenibile per le nostre assistite, e in coordinazione con i Consultori Familiari, l’Associazione Non Solo Pane e le Caritas locali, per evitare sovrapposizioni e integrare gli interventi.

Tag:

Leggi anche:

  • “In acqua insieme”: a Somma Lombardo i disabili entrano gratis in piscina

    I giorni dedicati a questi iniziativa saranno tutti i martedì e venerdì, dalle 10.30 alle 12.30. L’ingresso gratuito va prenotato, anche via telefono, per questioni organizzative e logistiche. «Ora la nostra è davvero una piscina per tutti – ha dichiarato Andrea Gambini, Amministratore
  • Besozzo: costituito un fondo per finanziare il parco giochi senza barriere

    Il nuovo Fondo va ad aggiungersi agli oltre settanta già in essere presso la Fondazione. Per la sottoscrizione dell’atto costitutivo del  Fondo sono intervenuti: Riccardo Del Torchio  – Sindaco del Comune di Besozzo, Marzia Miglierina – Vice Presidente e Carlo Massironi –
  • Momenti musicali tra Valcuvia e Valtravaglia

    A seguire, domenica 10, sempre alle 21, ci sarà il graditissimo ritorno del chitarrista spagnolo Antonio Dominguez nella “sua” chiesetta rupestre di S. Antonio a Castelveccana. Come di consueto, il Maestro Dominguez, discendente della scuola di Andrés Segovia, proporrà un programma
  • Il tour teatrale dei diversamente abili fa tappa a Varese

    Lo spettacolo è il frutto di un lavoro coordinato dalla cooperativa Progetto Promozione Lavoro di Olgiate Olona (VA) in collaborazione con la cooperativa Arca88 di Olgiate Comasco (CO) entrambi servizi che si occupano di persone diversamente abili. L’obbiettivo concreto di questo spettacolo