Wg Art si dissocia dai vandali: “Il nostro live painting è legale”

L'associazione che guida il progetto Urban Canvas collabora con l'assessorato alla Cultura

27 luglio 2015
Guarda anche: Varese
canvas

In riferimento ai recenti fatti di cronaca legati all’indagine della Procura di Varese sull’imbrattamento di muri ad opera di giovani varesini, l’Associazione WgArt.it Writing and Graffiti Art tiene a precisare che l’Associazione opera nel massimo rispetto della legalità e che a questo principio fondamentale è chiesto di aderire a tutti coloro che dipingono nell’ambito delle attività promosse dall’Associazione.

WgArt.it agisce in collaborazione con i privati e le Istituzioni, in primis il Comune di Varese, con cui ha anche stretto un accordo di collaborazione per la pulizia di edifici da scritte, tags e quant’altro non definibile come prodotto artistico.

Le attività promosse da WgArt.it – live painting – si tengono su muri individuati proprio con l’amministrazione comunale, con l’obiettivo di riqualificare con graffiti e murales aree grigie quando non addirittura degradate.

“Si tratta di una attività che interseca l’aspetto culturale di questo genere di arte pittorica e il decoro urbano, come avviene in moltissime città italiane e europee” afferma l’Assessore alla Cultura Simone Longhini che prosegue: “abbiamo sempre detto con forza che bisogna distinguere nettamente tra chi fa arte di strada ed esprime la sua creatività legalmente e in spazi consentiti e chi invece compie atti vandalici imbrattando i muri della nostra città. Con questi ultimi va usato il pungo di ferro e bisogna mettere in campo tutte le iniziative utili a prevenire e a reprimere il fenomeno. Dall’altro lato – conclude Longhini – è imprescindibile educare i giovani e i giovanissimi al rispetto delle regole e del nostro patrimonio pubblico e privato. E su questo doppio binario continueremo ad operare”.

L’aspetto educativo è posto anche da WgArt.it come valore fondamentale, proprio con l’obiettivo di insegnare a vivere il libero gesto artistico nel rispetto della città.

Quanto finora realizzato è visibile a tutti, per esempio i murales del progetto Urban Canvas in area Casbeno.

WgArt.it è a disposizione di tutti i cittadini che volessero informazioni sulla sua attività e invita a distinguere questa dalle altre citate azioni, oggetto appunto dell’indagine appena conclusa

Tag:

Leggi anche:

  • Pallanuoto: la BPM Sport Management espugna il Foro Italico

    Arriva la terza vittoria in sette giorni. La BPM Sport Management ha iniziato il nuovo anno veramente alla grande. A farne le spese questa volta è la SS Lazio Nuoto che, alla Piscina del Foro Italico, è uscita sconfitta per 9-17 (1-7, 3-1, 3-6, 2-3). Ottime le prestazioni di Mirarchi e Luongo,
  • Pallanuoto: la BPM Sport Management a Roma contro l’insidia Lazio

    Dopo le fatiche di Coppa torna il Campionato. Messo in cassaforte il risultato del match di andata (12-10 / ritorno in programma sabato 18 febbraio), domani la BPM Sport Management sarà a Roma dove, alla Piscina del Foro Italico, sfiderà la SS Lazio Nuoto per la 12ª giornata del Campionato di
  • Un campione olimpico a Varese: Jury Chechi

    Il sindaco di Varese Davide Galimberti, il vicesindaco Daniele Zanzi e il presidente del Consiglio comunale hanno incontrato questa mattina a Palazzo Estense il campione olimpico Jury Chechi. Il famoso ginnasta sta trascorrendo qualche giorno a Varese, città in cui da atleta si è allenato per
  • Euro Cup, semifinale: alla BPM Sport Management il primo round contro l’Oradea

    Grande spettacolo in vasca alle Piscine Manara. Nell’andata della semifinale di Euro Cup, la BPM Sport Management batte 12-10 (3-4, 3-4, 2-1, 4-1) il CSM Digi Oradea, rimontando nel quarto tempo lo svantaggio maturato nella prima parte di gara . Nell’altro match lo Jadran Carine Herceg Novi