Violenza sessuale, il Comune di Varese si costituirà parte civile nei processi per stupro

Il consigliere comunale del Pd Giampiero Infortuna ha ottenuto che il Comune sostenga le vittime di violenza. Ma la maggioranza si è spaccata

27 luglio 2015
Guarda anche: Varese Città
Violenza

Il Comune di Varese ci costituirà parte civile nei processi per violenza sessuale al fianco delle vittime. Un importante passo in avanti a favore della difesa delle donne sottoposte a violenza.

Questo grazie ad una mozione del consigliere comunale del Pd Giampiero Infortuna, approvata con un emendamento del consigliere comunale di Sel Rocco Cordì (una modifica per tutelare il Comune dal momento che c’è un gap legislativo nella materia, sul diritto o meno di un ente pubblico di costuirsi parte civile).

A parte le incertezze tecniche, la volontà politica espressa dal consiglio comunale è stata quella di appoggiare in maniera non solo simbolica, ma concreta, le vittime di questi reati.

Ma l’assemblea si è spaccata. La proposta di Infortuna ha avuto l’appoggio, oltre che del centrosinistra, anche di Liberi per Varese (Forza Italia più Udc) e dello stesso sindaco Attilio Fontana (Lega Nord). Tuttavia il Carroccio ha votato contro, nonostante la presa di posizione del sindaco. Contrari anche Ncd e Movimento Libero.
Il provvedimento è passato con una maggioranza risicata, ma comunque maggioranza.

Il provvedimento quindi impegna “la giunta e gli Uffici Comunali a predisporre le valutazioni e gli atti necessari per consentire la costituzione di parte civile del Comune di Varese per i reati di abuso e violenza sessuale per fatti accaduti sul territorio comunale o di cui siano vittime cittadine del Comune di Varese, ovunque l’abuso e/o la violenza sia occorsa”.
La mozione è anche coerente con lo Statuto del comune, che all’articolo 8, come ricorda Infortuna, recita: “Obiettivi fondamentali dell’attività dell’Ente sono il soddisfacimento dei bisogni collettivi per lo sviluppo sociale ed economico della Comunità varesina, l’affermazione dei valori della persona umana” e in un altro comma “Il Comune si impegna nel promuovere azioni positive utili a rimuovere gli ostacoli che, di fatto, impediscono l’effettiva realizzazione della parità tra i sessi. Il Comune assicura le condizioni di pari opportunità attraverso l’eguaglianza giuridica, sociale ed economica ed attraverso la presenza di entrambi i sessi nella Giunta e negli altri organi collegiali del Comune, nonché degli enti, aziende ed istituzioni da esso dipendenti”.

Tag:

Leggi anche:

  • Arriva un altro successo per la Pallanuoto Banco BPM

    Strepitosa prova di forza della Pallanuoto Banco BPM Sport Management che, nella quinta giornata d’andata del campionato di serie A1 maschile, strapazza con un perentorio 18-4 i campani dell’Acquachiara, con la formazione padrona di casa che deve arrendersi al talento del sette guidato da
  • Domani torna in vasca la Pallanuoto Banco BPM Sport Management impegnata contro l’Acquachiara

    Tornerà in vasca domani alle ore 16.00 la Pallanuoto Banco BPM Sport Management che per la quinta giornata d’andata del campionato di serie A1 maschile sarà ospite della compagine napoletana dell’Acquachiara. La sfida, che si disputerà presso la Piscina Comunale di Santa Maria Capua Vetere
  • A cavallo tra le rocce lunari, e su astronavi fai da te

    Quante ne sono state dette sulla terra e sulla luna, sabato 18 ottobre a Busto Arsizio se ne vedranno delle belle sull’argomento. Appuntamento dalle 10 alle 16 al maneggio La Bastide in via Samarate, 150. Si farà una gimkana a cavallo tra modelli di rocce lunari, si costruirà un’astronave
  • Conferimento Ufficiale del Titolo Comune Europeo dello Sport 2019 alla Città di Sesto Calende

    Un lunedì pieno di emozioni ed entusiasmo è stato lo scorso 30 ottobre presso la sala d’onore del CONI a Roma per Simone PINTORI (Consigliere Comunale Delegato allo Sport) Danila DE CANDIDO (Consigliere Comunale Delegato ai Bandi) Andrea SCANDOLA (Rappresentante della Pro Sesto) Daniele