Violenza sessuale, il Comune di Varese si costituirà parte civile nei processi per stupro

Il consigliere comunale del Pd Giampiero Infortuna ha ottenuto che il Comune sostenga le vittime di violenza. Ma la maggioranza si è spaccata

27 luglio 2015
Guarda anche: Varese Città
Violenza

Il Comune di Varese ci costituirà parte civile nei processi per violenza sessuale al fianco delle vittime. Un importante passo in avanti a favore della difesa delle donne sottoposte a violenza.

Questo grazie ad una mozione del consigliere comunale del Pd Giampiero Infortuna, approvata con un emendamento del consigliere comunale di Sel Rocco Cordì (una modifica per tutelare il Comune dal momento che c’è un gap legislativo nella materia, sul diritto o meno di un ente pubblico di costuirsi parte civile).

A parte le incertezze tecniche, la volontà politica espressa dal consiglio comunale è stata quella di appoggiare in maniera non solo simbolica, ma concreta, le vittime di questi reati.

Ma l’assemblea si è spaccata. La proposta di Infortuna ha avuto l’appoggio, oltre che del centrosinistra, anche di Liberi per Varese (Forza Italia più Udc) e dello stesso sindaco Attilio Fontana (Lega Nord). Tuttavia il Carroccio ha votato contro, nonostante la presa di posizione del sindaco. Contrari anche Ncd e Movimento Libero.
Il provvedimento è passato con una maggioranza risicata, ma comunque maggioranza.

Il provvedimento quindi impegna “la giunta e gli Uffici Comunali a predisporre le valutazioni e gli atti necessari per consentire la costituzione di parte civile del Comune di Varese per i reati di abuso e violenza sessuale per fatti accaduti sul territorio comunale o di cui siano vittime cittadine del Comune di Varese, ovunque l’abuso e/o la violenza sia occorsa”.
La mozione è anche coerente con lo Statuto del comune, che all’articolo 8, come ricorda Infortuna, recita: “Obiettivi fondamentali dell’attività dell’Ente sono il soddisfacimento dei bisogni collettivi per lo sviluppo sociale ed economico della Comunità varesina, l’affermazione dei valori della persona umana” e in un altro comma “Il Comune si impegna nel promuovere azioni positive utili a rimuovere gli ostacoli che, di fatto, impediscono l’effettiva realizzazione della parità tra i sessi. Il Comune assicura le condizioni di pari opportunità attraverso l’eguaglianza giuridica, sociale ed economica ed attraverso la presenza di entrambi i sessi nella Giunta e negli altri organi collegiali del Comune, nonché degli enti, aziende ed istituzioni da esso dipendenti”.

Tag:

Leggi anche:

  • PD Varese contro il gazebo leghista di piazza Podestà

      “Il commissario bustocco paracadutato in piazza Podestà per dare ordini ai leghisti varesini, nel caparbio tentativo di apparire eroica vittima di un Partito democratico antidemocratico e perfido, proprio non riesce ad evitare il ridicolo, dimostrando ripetutamente la sua scarsa conoscenza
  • Commercio Varesino, Luca Conte “I problemi vengono anche dall’amministrazione precedente”

    “Il neo commissario della Lega Nord Gambini, – interviene il capogruppo del Partito Democratico a Palazzo Estense – non contento della recente magra figura in merito all’area stazioni torna nuovamente alla carica con dichiarazioni di pura propaganda politica contro
  • Conte risponde a Leonardi “Le sue accuse una caduta di stile, io penso alle bambine”

      “A poche ore dallo spiacevole avvenimento di cui è stato teatro la scorsa mattina viale Ippodromo, il coordinatore varesino di Forza Italia Roberto Leonardi non si fa scrupolo alcuno, uscendo prontamente con un comunicato stampa tutto politico, o meglio della peggior politica, volto ad
  • Manifestazioni del 25 Aprile, interviene Astuti

    “Grave la manifestazione di Do.Ra, specialmente se organizzata in occasione di celebrazioni significative come quelle del 25 Aprile”. Così Samuele Astuti, Segretario provinciale del PD di Varese, con riferimento alla polemica sorta in seguito alla decisione dell’associazione di estrema