Violenza sessuale, il Comune di Varese si costituirà parte civile nei processi per stupro

Il consigliere comunale del Pd Giampiero Infortuna ha ottenuto che il Comune sostenga le vittime di violenza. Ma la maggioranza si è spaccata

27 luglio 2015
Guarda anche: Varese
Violenza

Il Comune di Varese ci costituirà parte civile nei processi per violenza sessuale al fianco delle vittime. Un importante passo in avanti a favore della difesa delle donne sottoposte a violenza.

Questo grazie ad una mozione del consigliere comunale del Pd Giampiero Infortuna, approvata con un emendamento del consigliere comunale di Sel Rocco Cordì (una modifica per tutelare il Comune dal momento che c’è un gap legislativo nella materia, sul diritto o meno di un ente pubblico di costuirsi parte civile).

A parte le incertezze tecniche, la volontà politica espressa dal consiglio comunale è stata quella di appoggiare in maniera non solo simbolica, ma concreta, le vittime di questi reati.

Ma l’assemblea si è spaccata. La proposta di Infortuna ha avuto l’appoggio, oltre che del centrosinistra, anche di Liberi per Varese (Forza Italia più Udc) e dello stesso sindaco Attilio Fontana (Lega Nord). Tuttavia il Carroccio ha votato contro, nonostante la presa di posizione del sindaco. Contrari anche Ncd e Movimento Libero.
Il provvedimento è passato con una maggioranza risicata, ma comunque maggioranza.

Il provvedimento quindi impegna “la giunta e gli Uffici Comunali a predisporre le valutazioni e gli atti necessari per consentire la costituzione di parte civile del Comune di Varese per i reati di abuso e violenza sessuale per fatti accaduti sul territorio comunale o di cui siano vittime cittadine del Comune di Varese, ovunque l’abuso e/o la violenza sia occorsa”.
La mozione è anche coerente con lo Statuto del comune, che all’articolo 8, come ricorda Infortuna, recita: “Obiettivi fondamentali dell’attività dell’Ente sono il soddisfacimento dei bisogni collettivi per lo sviluppo sociale ed economico della Comunità varesina, l’affermazione dei valori della persona umana” e in un altro comma “Il Comune si impegna nel promuovere azioni positive utili a rimuovere gli ostacoli che, di fatto, impediscono l’effettiva realizzazione della parità tra i sessi. Il Comune assicura le condizioni di pari opportunità attraverso l’eguaglianza giuridica, sociale ed economica ed attraverso la presenza di entrambi i sessi nella Giunta e negli altri organi collegiali del Comune, nonché degli enti, aziende ed istituzioni da esso dipendenti”.

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    openjobmetis-cavaliero Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    babbi-natale-buguggiate . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    hockey-varese-progetto-inspire L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

    oggioni_spagnoli   La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti