“Varese Svegliati”. Tutti in piazza per i diritti civili

Una manifestazione per sostenere i diritti di tutte le persone, Gay, Lesbiche ed Etero. L'appuntamento sabato 23 gennaio alle 15 in piazza Monte Grappa

21 gennaio 2016
Guarda anche: Varese Città
IMG-COPERTINA-SVEGLIATIITALIA

In molti dicono “la società sta cambiando, bisogna di conseguenza stare al passo con i tempi”. La verità è che non sta cambiando proprio nulla. Coppie che scelgono di vivere insieme, di passare la vita insieme, ce ne sono sempre state. Semplicemente non tutte vogliono o possono (quest’ultimo il caso delle coppie omosessuali) contrarre matrimonio.

Se il matrimonio è una scelta che non tutti possono fare, il riconoscimento delle Unioni civili di chi vuole passare la vita insieme dovrebbe essere un diritto garantito dallo Stato. In Italia non è così.

E da qui nasce la mobilitazione nazionale di sabato 23 gennaio, alla quale parteciperà anche Varese grazie all’associazione Insurbia Lgbt, guidata da Giovanni Boschini.

L’appuntamento è alle 15 in piazza Monte Grappa.

“Una manifestazione per sostenere i diritti di tutte le persone, Gay, Lesbiche e Etero – spiegano gli organizzatori – in questi giorni, in Parlamento si discuterà per le Unioni Civili. Le Unioni Civili sono importantissime per l’uguaglianza delle persone. L’Italia è spaccata in due: chi li nega per interessi politici, chi vuole un’Italia senza disparità. Se siete tra questi ultimi il momento di scendere in piazza è ADESSO! Tutti insieme, per l’amore, per i diritti e per la Civiltà!

Sono tantissimi gli esempi di queste disparità che in diversi modi arrivano a toccare chiunque:
Se il proprio patner viene ricoverato in terapia intensiva in ospedale, non si possono prendere decisioni per lui, neanche in caso di estrema urgenza.
Giuridicamente, i figli di coppie non sposate non hanno legami con ascendenti e collaterali dei genitori, quindi coi loro nonni o zii. In caso di perdita di entrambi i genitori, nonni e zii sono formalmente degli estranei.
Oppure, in una famiglia omosessuale composta da due genitori e un figlio, se muore il genitore biologico, l’altro genitore non ha diritto a continuare a crescere suo figlio. Chi nella vita è stato in un orfanotrofio, anche solo per portare dolci e giocattoli, sa bene che avere un genitore è meglio di non aver nessuno. In modo peggiore se il genitore esiste già, ma gli viene negato il diritto di adottare.

Non si può vivere con il codice civile in mano e fare costantemente i conti con la mancanza dei propri diritti.

Questo è il motivo per cui bisogna far sentire la voce di TUTTI adesso”.

L’APPELLO NAZIONALE:
“Chiediamo al Governo e al Parlamento di guardare in faccia la realtà, di legiferare al più presto per fare in modo che non ci siano più discriminazioni e di approvare leggi che riconoscano la piena dignità e i pieni diritti alle persone gay, lesbiche, bisessuali e transessuali, cittadini e cittadine di questo Paese.”
Anche Varese partecipa alla mobilitazione nazionale del 23 gennaio sull’uguaglianza #Svegliatitalia.

FLASHMOB
– Stampate il cuore che trovate qui: https://www.facebook.com/download/564751133687984/cuore.jpg
[in orizzontale, formato A3 o A4]
– prendete una vecchia sveglia o un cellulare;
– portate tutto il 23 gennaio

Adesioni all’evento:
L’albero Di Antonia, Varese C’è, Arci Varese, Varese Possibile, Giovani Democratici Provincia di Varese, Giovani Democratici del Gallaratese, Sinistra Ecologia e Libertà – Federazione di Varese, FutureDem Lombardia, Laboratorio ConCittaDino, SISM VARESE, Giovani Democratici Varese Città, Un’altra Storia Varese, SNOQ Varese, I Sentinelli di Varese, Dispari – Circolo LGBT Varese, I Lati Oscuri, Circolo UAAR di Varese, Unione degli Studenti Varese, Rete della Conoscenza Varese, Sinistra Ecologia e Libertà – Circolo dei Laghi – Varese, M5S Varese

Tag:

Leggi anche:

  • LIUC, Unioni civili e modello di famiglia

    Dall’entrata in vigore delle unioni civili con l’approvazione del DDL Cirinnà a un nuovo modello di famiglia: se ne parla alla LIUC – Università Cattaneo il prossimo lunedì 23 ottobre 2017 alle ore 17.00 in un incontro promosso da ELSA (The European Law Student’s Association)
  • Unioni civili “Non siamo gay, ma ci sposiamo per convenienza”

    Una coppia “non coppia”, vivono insieme da parecchi anni ma il rapporto che li lega sarebbe quello di due fratelli, un grande affetto ma nessun tipo di amore. Gianni, vicentino di 56 anni, è un musicista; Piero è di origini romane e ha 70 anni.  Hanno deciso di unirsi civilmente sabato 19
  • A Varese le prima Unione civile tra due donne in Ospedale

    La loro identità rimane riservata, dal momento che una delle due signore è purtroppo malata. E quindi è stato chiesto, giustamente, riserbo. Si tratta della prima unione celebrata in provincia. Un momento importante, che ha visto l’amore trionfare finalmente, grazie alla Legge Cirinnà,
  • L’Italia approva le Unioni civili. Arcigay Varese: “Un segno di civiltà”

    Dello stesso avviso è Federico Galbiati, vicepresidente: “Per quanto l’assai travagliata approvazione di questa legge costituisca una importante conquista per tutti i cittadini italiani, essa non può essere considerata un punto di arrivo, bensì una base di partenza per raggiungere la