Varese: SEL abbandona l’idea di una lista di sinistra

Sempre più difficile la costituzione di una nuova candidatura che aggreghi più forze

23 marzo 2016
Guarda anche: PoliticaVarese Città
tsipras sinistra

Sembra sempre più difficile la costituzione di una lista unitaria tra partiti e movimenti a sinistra del Pd per dare rappresentatività elettorale anche a quest’area politica alle prossime elezioni comunali varesine.

Questa mattina, infatti, il leader cittadino di Sinistra Ecologia e Libertà nonché consigliere comunale Rocco Cordì ha laconicamente annunciato che “il tentativo di costruire a sinistra una lista innovativa per contenuti e candidature non è più praticabile”. Incerto, dunque, il destino elettorale di SEL, così come quello delle varie forze che si erano dimostrate interessate al progetto, da Rifondazione a Possibile sino ad alcune comunità straniere e realtà associative.

Tag:

Leggi anche:

  • Cooperativa Latte Varese, Cordì: “Una manovra elettorale e di potere”

    La Commissione, dopo ampia discussione e con voto unanime, aveva accolto la richiesta del Sindaco di rinviare la proposta di deliberazione in quanto: “tenuto conto della complessa situazione venutasi a creare all’interno della Cooperativa Prealpina Latte, si sta cercando un accordo con la
  • Varese avrà una via intitolata a Calogero Marrone

    “Dedico il risultato al professor Franco Giannantoni e alla sezione varesina dell’Anpi – associazione nazionale partigiani d’Italia che hanno lungamente battagliato, anche a mezzo stampa, per giungere a questo traguardo” commenta il consigliere comunale. Nel lungo
  • Camillo Massimo Fiori, un democristiano atipico

    Camillo Massimo Fiori è stato un uomo di straordinaria sensibilità culturale e politica. Un credente laico e un democristiano convinto sostenitore del dialogo e del confronto, soprattutto con i “nemici di sempre”, i comunisti, attento ai fermenti ed ai movimenti sociali. Insomma un
  • Filmstudio ’90, Cordì (SEL): “Cosa intende fare il sindaco?”

    Un provvedimento che lascia esterrefatti se si pensa al ruolo originale e meritevole di una struttura che in città è attiva e operativa da ormai un quarto di secolo. Tuttavia, senza entrare nel merito del provvedimento adottato, penso sia assolutamente necessario che da parte