Varese, Reinhard

Domenica 15 marzo alle 18.00 allo spazio Surplace della galleria Zentrum l'inaugurazione della mostra di Michele Lombardelli

10 marzo 2015
Guarda anche: Cultura Musica SpettacoloVarese Città
lombardelli michele

Surplace è lo spazio sperimentale, curato da Luca Scarabelli all’interno di Zentrum, che promuove la conoscenza delle pratiche artistiche contemporanee, facendole dialogare e interagire tra loro. La mostra di Michele Lombardelli sarà visitabile fino a giovedì 30 aprile.

Il lavoro di Michele Lombardelli si caratterizza per una costante contaminazione tra i linguaggi visivi e sonori all’interno di una poetica che tocca l’assurdo, il non finito, l’irrisolto e l’obverso. In quest’occasione espositiva presenta opere incentrate sull’uso “medianico” del colore nero, ormai una tradizione consolidata nella sua pratica,  opere in cui la realtà delle cose è resa sfuggevole  e distante.  Il progetto espositivo prevede il dialogo e una relazione, una prossimità, con una presenza del passato, con  un’opera dell’artista americano Ad Reinhard, conosciuto per i suoi Black paintings in cui il colore nero è un evento visivo composto di minime sfumature, opere che aprono scarti  minimi sul senso del vedere, su un vedere che assomiglia ad un sentire. Questo perché questi neri, non sono solo dei neri, ma oscuri “coni d’ombra” della pittura,  e come per l’opera di Michele  Lombardelli, che guarda a Reinhardt con attenzione, esperienze sensoriali per cui negativo e positivo si mescolano e l’orizzonte relazionale con il conosciuto si spegne.

Adolph Dietrich Friedrich Reinhardt, noto come Ad Reinhardt (Buffalo, 24 Dicembre 1913 – New York, 30 Agosto 1967)

Michele Lombardelli (Cremona, 22 Dicembre 1968) è artista, musicista, editore. È autore di importanti libri d’artista pubblicati ed esposti da istituzioni quali la Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Roma; Casa del Mantegna, Mantova; Musée Cantonal Des Beaux Arts, Lausanne; Museo MA*GA, Gallarate; La Triennale, Milano.

“Il Nero nella tradizione occidentale è Saturno fra i pianeti, il capricorno e l’acquario nei segni zodiacali, dicembre e gennaio fra i mesi, il venerdì fra i giorni della settimana, il diamante fra le pietre preziose, la terra fra gli elementi, l’inverno fra le stagioni, la decrepitezza sino alla morte fra le età dell’uomo, il melanconico fra i temperamenti, l’uno fra i numeri e il ferro fra i metalli.” Michele Lombardelli

Tag:

Leggi anche:

  • Grand Hotel a Surplace: la grande mostra itinerante approda a Varese

    Grand Hotel è un palcoscenico di formato ridotto, una piattaforma reale dedicata all’ospitalità, è un Hotel per artisti, e più precisamente ospita, raccoglie, accoglie e colleziona forme di passaggio provenienti dalle menti e dagli studi degli artisti invitati. Grand Hotel è un basamento
  • Marcello Morandini in mostra al Liceo Artistico

    Il Liceo Artistico Statale “Angelo Frattini” di Varese accoglie all’interno del suo nuovo spazio espositivo the Hole, l’opera Alfabeto Rosenthal (1986) di Marcello Morandini. Il piccolo spazio espositivo, ricavato dalla fossa d’ispezione di una ex-officina, è collocato all’interno
  • Jiggling things: la storia di un giardino (probabile) in mostra a Surplace

    Michele Guido espande il modulo del pavimento ridisegnando l’idea di un nuovo spazio orizzontale, un tentativo, tra i molti possibili, di creare un giardino; Andrea Magaraggia si confronta invece con la verticalità, con forme enigmatiche richiuse su se stesse che sembrano in attesa di un
  • Il nastro di Moebius: tris di artisti in mostra a Yellow

    Yellow, uno dei tre spazi indipendenti che insieme a Surplace e Riss(e) fanno parte di Zentrum, presenta una mostra che intende mettere in luce la ricerca di tre artisti che nelle proprie opere sviluppano una modalità pittorica che si estende a materiali e supporti insoliti, assumendo forme