Varese: la Polizia Locale blocca un alcolista recidivo

Non funziona la misura alternativa alla detenzione per un automobilista già fermato nel 2013

23 dicembre 2015
Guarda anche: Varese Città
polizia locale

Nel 2013 un cittadino era stato fermato dalla Polizia Locale: alla guida della sua auto di grossa cilindrata, aveva un tasso alcolico superiore a 2 grammi per litro.
Condannato ad una pena detentiva di alcuni mesi e ad un’ammenda di un migliaio di euro, attraverso il suo legale aveva fatto opposizione al decreto penale di condanna, ottenendo dal giudice delle indagini preliminari un provvedimento di annullamento della condanna con applicazione della misura alternativa dei lavori di pubblica utilità presso un ente pubblico.
Dovendo lavorare per alcuni mesi presso una struttura pubblica a servizio della collettività, ha cominciato a prestare la sua opera, destando però segnali di preoccupazione nel responsabile della struttura cui era stato assegnato.
Con molta discrezione e operando in abiti civili, la polizia locale ha effettuato alcune verifiche, accertando che, effettivamente, l’uomo aveva un alito fortemente alcolico e frequentemente lasciava la sede di lavoro appartandosi e assumendo bevande alcoliche.
Rapidamente è stato organizzato un servizio con personale in divisa e autovettura con contrassegni, che ha fermato l’uomo per un controllo dopo che questi aveva lasciato il parcheggio per raggiungere in auto la sua abitazione. Al controllo effettuato con etilometro, l’uomo è risultato positivo, con un valore di alcol nel sangue attorno ad 1,3 grammi per litro.
Ora verrà nuovamente denunciato all’autorità giudiziaria per guida in stato di ebbrezza e al Tribunale verrà anche segnalato il fatto che l’episodio è stato accertato in coincidenza con l’esecuzione di una misura alternativa alla pena per un precedente identico reato.
“Ancora una volta, con discrezione e tempestività, la polizia locale è potuta intervenire interrompendo un comportamento pericoloso per la sicurezza stradale” commenta l’assessore alla Polizia Locale Carlo Piatti. “Certo – continua Piatti – questo episodio fa riflettere seriamente, in giorni in cui si discute anche di omicidio stradale, sulla reale efficacia delle misure alternative alle pene per chi guida avendo assunto alcool. Non spetta a noi fare valutazioni di tipo giuridico o sociologico, ma rimane la preoccupazione per la sicurezza delle nostre strade, per la quale è massimamente orientato l’impegno quotidiano degli uomini e donne della nostra polizia locale”.

Tag:

Leggi anche:

  • Varese: individuati i writers di Bizzozero, dovranno pulire quanto danneggiato

    Gli agenti di polizia si sono messi subito al lavoro, forti dell’esperienza maturata negli ultimi anni e della banca dati costruita nel tempo. Si è così arrivati a identificare e denunciare i tre autori dei graffiti, due maggiorenni e un minorenne, tutti residenti a Varese nel quartiere di
  • Agente ferito durante la Tre Valli, solidarietà dei sindacati

    Dopo il primo sospiro di sollievo, alla notizia che il collega, pur seriamente ferito, non è in pericolo di vita, corre però l’obbligo di ricordare come questo sia soltanto l’ultimo, purtroppo non destinato a rimanere tale, di simili episodi. L’attività di polizia, nello
  • Varese: molestie in zona stazioni, la Polizia Locale interviene

    L’autore del gesto, subito individuato dagli agenti della Polizia locale, ha tentato di scappare in direzione della sede degli Artigiani, per dileguarsi poi verso via Orrigoni. Raggiunto dagli uomini della polizia locale, ha opposto resistenza colpendo con una testata uno degli agenti.
  • Varese: donna cade in casa, la Polizia Locale la salva

    La Polizia Locale era stata allertata dalla figlia della signora statunitense, preoccupata perché la madre da diversi giorni non rispondeva alle telefonate dei famigliari. Una squadra di agenti della Polizia Locale, un uomo e una donna, sono quindi intervenuti presso l’abitazione in via Brennero