Varese: la Polizia Locale blocca un alcolista recidivo

Non funziona la misura alternativa alla detenzione per un automobilista già fermato nel 2013

23 dicembre 2015
Guarda anche: Varese
polizia locale

Nel 2013 un cittadino era stato fermato dalla Polizia Locale: alla guida della sua auto di grossa cilindrata, aveva un tasso alcolico superiore a 2 grammi per litro.
Condannato ad una pena detentiva di alcuni mesi e ad un’ammenda di un migliaio di euro, attraverso il suo legale aveva fatto opposizione al decreto penale di condanna, ottenendo dal giudice delle indagini preliminari un provvedimento di annullamento della condanna con applicazione della misura alternativa dei lavori di pubblica utilità presso un ente pubblico.
Dovendo lavorare per alcuni mesi presso una struttura pubblica a servizio della collettività, ha cominciato a prestare la sua opera, destando però segnali di preoccupazione nel responsabile della struttura cui era stato assegnato.
Con molta discrezione e operando in abiti civili, la polizia locale ha effettuato alcune verifiche, accertando che, effettivamente, l’uomo aveva un alito fortemente alcolico e frequentemente lasciava la sede di lavoro appartandosi e assumendo bevande alcoliche.
Rapidamente è stato organizzato un servizio con personale in divisa e autovettura con contrassegni, che ha fermato l’uomo per un controllo dopo che questi aveva lasciato il parcheggio per raggiungere in auto la sua abitazione. Al controllo effettuato con etilometro, l’uomo è risultato positivo, con un valore di alcol nel sangue attorno ad 1,3 grammi per litro.
Ora verrà nuovamente denunciato all’autorità giudiziaria per guida in stato di ebbrezza e al Tribunale verrà anche segnalato il fatto che l’episodio è stato accertato in coincidenza con l’esecuzione di una misura alternativa alla pena per un precedente identico reato.
“Ancora una volta, con discrezione e tempestività, la polizia locale è potuta intervenire interrompendo un comportamento pericoloso per la sicurezza stradale” commenta l’assessore alla Polizia Locale Carlo Piatti. “Certo – continua Piatti – questo episodio fa riflettere seriamente, in giorni in cui si discute anche di omicidio stradale, sulla reale efficacia delle misure alternative alle pene per chi guida avendo assunto alcool. Non spetta a noi fare valutazioni di tipo giuridico o sociologico, ma rimane la preoccupazione per la sicurezza delle nostre strade, per la quale è massimamente orientato l’impegno quotidiano degli uomini e donne della nostra polizia locale”.

Tag:

Leggi anche:

  • Giro d’Italia numero 100: vince l’olandese Dumoulin

    Con la cronometro Monza-Milano (29.3 km) si è chiuso il Giro d’Italia numero 100. A vincere la celeberrima corsa in rosa targata 2017 è stato Tom Dumoulin, l’olandese della Sunweb che ha stupito un po’ tutti e che si è laureato il nuovo re in rosa. Quintana, Nibali e Pinot si classificano
  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad