Varese: la gelateria Sicely si schiera con le unioni civili

Originale campagna del locale di via Manin di proprietà del Brambilla Group

28 gennaio 2016
Guarda anche: Varese Città
gelat

Parte da Facebook la campagna di Sicely, la gelateria di via Manin, a pochi passi dallo stadio, di proprietà del Brambilla Group.

Con un post che sta ottenendo una notevole quantità di like e condivisioni, e solo pochi commenti critici, il locale si schiera “dalla parte di tutte le nuove famiglie italiane”. Un chiaro riferimento alla mobilitazione nazionale per il riconoscimento dei diritti civili anche alle coppie omosessuali, ulteriormente rafforzato dalla spiegazione dello stesso messaggio: “I negozi Brambilla Group Italia credono nei valori tradizionali: famiglia, rispetto, tolleranza. Proprio per questi valori sosteniamo il riconoscimento dell’amore egualitario, qualunque colore esso abbia, perché l’Amore per noi, è Amore”.

Tag:

Leggi anche:

  • Il Varese Pride trova lo sponsor: è la gelateria Sicely

    D’altronde il locale di via Manin, che tra una settimana inaugurerà la nuova stagione, ha più volte lanciato messaggi, nelle proprie campagne pubblicitarie, a favore di tutte le nuove famiglie italiane, dunque una partnership del genere non sorprende.
  • Svegliati Varese: “I diritti valgono per tutti”. VIDEO FLASHMOB

    La manifestazione promosao da Insubria Lgbt ha dunque riscosso un notevole successo, senza perdere né il carattere folkloristico, con tre ragazzi che interpretavano i soldati di Star Wars e numerosi cartelloni e striscioni, né quello prettamente culturale e politico: la richiesta è chiara,
  • Svegliati Varese: “La famiglia si costruisce con l’amore. Ed è un diritto di tutti”. FOTO

        “La famiglia non è un concetto, è qualcosa in cui ogni giorno ci si impegna per farla funzionare. La famiglia è amore”. Le parole di Giovanni Boschini e Sandro Soldati spiegano bene il senso della manifestazione Svegliati Varese iniziata alle 15 di oggi in piazza Monte
  • Orizzonte Ideale si scaglia contro il ddl Cirinnà

    Questo Ddl di fatto istituisce realmente il matrimonio gay seppur, giocando furbescamente con le parole, lo chiama in altro modo, ma la sostanza è quella e ciò lo rende anticostituzionale; inoltre la stepchild adoption porta sostanzialmente due conseguenze: l’abominevole pratica