Svegliati Varese: “I diritti valgono per tutti”. VIDEO FLASHMOB

Notevole l'adesione da parte di giovani e rappresentanti del mondo politico e associativo

23 gennaio 2016
Guarda anche: Varese Città
FB_IMG_1453565740455

Cittadini comuni e politici, giovani (in netta prevalenza) e meno giovani: circa trecento persone hanno affollato oggi pomeriggio piazza Monte Grappa aderendo all’appello nazionale che chiede l’immediata tutela dei diritti per le persone gay, lesbiche, bisessuali e transessuali.

La manifestazione promosao da Insubria Lgbt ha dunque riscosso un notevole successo, senza perdere né il carattere folkloristico, con tre ragazzi che interpretavano i soldati di Star Wars e numerosi cartelloni e striscioni, né quello prettamente culturale e politico: la richiesta è chiara, bisogna far passare al più presto almeno il ddl Cirinnà, che garantirebbe una prima tutela normativa alle coppie dello stesso sesso. E Varese, come le altre città, si deve svegliare: “Non ci sono cittadini di serie A e di serie B. I diritti valgono per tutti!” grida una ragazza, poco prima di far risuonare simbolicamente la propria sveglia come richiesto dai giovani organizzatori.

Una ventina le associazioni aderenti: L’albero Di Antonia, Varese C’è, Arci Varese, Varese Possibile, Giovani Democratici Provincia di Varese, Giovani Democratici del Gallaratese, Sinistra Ecologia e Libertà – Federazione di Varese, FutureDem Lombardia, Laboratorio ConCittaDino, SISM VARESE, Giovani Democratici Varese Città, Un’altra Storia Varese, SNOQ Varese, I Sentinelli di Varese, Dispari – Circolo LGBT Varese, I Lati Oscuri, Circolo UAAR di Varese, Unione degli Studenti Varese, Rete della Conoscenza Varese, Sinistra Ecologia e Libertà – Circolo dei Laghi – Varese, M5S Varese. Esponenti del mondo culturale e politico non sono dunque mancati in piazza Monte Grappa, ricoprendo di fatto ogni livello istituzionale: dal Consiglio Comunale (Rocco Cordì, Francesco Cammarata, Andrea Civati) a quello Provinciale (Alberto Tognola), sino al livello regionale rappresentato dal segretario Pd Alessandro Alfieri e dalla pentastellata Paola Macchi e persino a quello nazionale, col deputato democratico Daniele Marantelli che non ha voluto mancare all’appuntamento.

 

Tag:

Leggi anche:

  • Arcigay Varese: “Garantire le celebrazioni delle unioni civili”

    D’altronde, la cerimonia non deve essere officiata necessariamente dal sindaco, bensì da un ufficiale di stato civile, così come indicato dai decreti attuativi e dal parere del Consiglio di Stato. “Le coppie non si fermino di fronte al primo diniego” – dichiara Giovanni Boschini,
  • Varese: la gelateria Sicely si schiera con le unioni civili

    Con un post che sta ottenendo una notevole quantità di like e condivisioni, e solo pochi commenti critici, il locale si schiera “dalla parte di tutte le nuove famiglie italiane”. Un chiaro riferimento alla mobilitazione nazionale per il riconoscimento dei diritti civili anche alle
  • Svegliati Varese: “La famiglia si costruisce con l’amore. Ed è un diritto di tutti”. FOTO

        “La famiglia non è un concetto, è qualcosa in cui ogni giorno ci si impegna per farla funzionare. La famiglia è amore”. Le parole di Giovanni Boschini e Sandro Soldati spiegano bene il senso della manifestazione Svegliati Varese iniziata alle 15 di oggi in piazza Monte
  • Marantelli (Pd) per le Unioni civili: “Un atto di civiltà”

    “Finalmente con il ddl Cirinnà anche in Italia potranno essere riconosciuti diritti legittimi – spiega Marantelli – siamo il fanalino di coda in Europa, ma stiamo per riuscire a cambiare le cose. La manifestazione di Varese è un’iniziativa importante, e cercherò di essere