Varese, It’s not a fight it’s not a race

L'inaugurazione della mostra si terrà domenica 28 giugno alle 18.00 allo spazio Surplace della galleria Zentrum in via San Pedrino

22 giugno 2015
Guarda anche: Culture e SpettacoloVarese
fresia

Surplace è lo spazio sperimentale, curato da Luca Scarabelli all’interno di Zentrum, che promuove la conoscenza delle pratiche artistiche contemporanee, facendole dialogare e interagire tra loro. La mostra di Pierluigi Fresia sarà visitabile fino al 31 luglio.

Pierluigi Fresia è un artista che si avvina molto al lirismo della poesia, una poesia che incrocia immagini silenti e parole scelte con estrema cura. I suoi lavori non sono semplicemente composti di fotografie e parole in libertà. C’è un forte rapporto tra le due possibilità espressive, un intreccio di senso e di rafforzamento, come se una cosa richiamasse sempre l’altra. L’immagine non è mai muta, le parole sono immaginifiche, e metterle insieme, accordarle, è per Fresia predisporre un ricco apporto di senso alle cose che cadono sotto il suo sguardo. E poi c’è la fotografia, il suo media privilegiato (assieme al disegno), che è sempre evocatrice di storie, come quando l’attenzione è posta su luoghi lontani, lande desolate o boschi silenziosi dove sempre qualche albero cade. L’esistenza si sente, sono luoghi dove la vita gira sempre attorno alle cose, sfiorandole, e quel suono, anche se non presenti, lo sentiamo. Fresia ci fa sentire quel suono, con le immagini. Occorre predisporsi così a un’osservazione silenziosa, assorta, per farsi rapire estaticamente. Se per Benjamin l’aura s’è persa con la riproducibilità, la forza delle immagini e delle parole scelte da Fresia, la rimette al suo posto.
La mostra che presenta da Surplace, è caratterizzata anche dalla presenza di un’opera di Fabio Mauri, accolta da Fresia nel suo progetto, per le ricche suggestioni che ha dato allo sviluppo delle sue ricerche.

Io trovo il mondo inverosimile, proprio perché c’è la morte.
Noi siamo tutti qui, tranquilli e… c’è la m-o-r-t-e !!!
La morte è la rottura di ogni tracciato lungo…”
Fabio Mauri

Come uno schiaffo improvviso qualcuno o qualcosa ci pone un limite invalicabile, una linea tra l’essere e il non più essere, netta, della quale non conosciamo, se non forse per approssimazione l’ubicazione topografica sulla mappa del nostro esistere, nonostante su questa mappa noi tutti si faccia ogni istante cieco affidamento, esiste poi la possibilità di tracciare noi stessi tale netta demarcazione, questa però è un’altra storia…
Ma al di qua di quel limite abbiamo solo un puro concetto, mancante di quel carattere fondamentale e fondante che è l’esperienza diretta, cosa che ci consentirebbe di portare la di lui testimonianza altrove. Ma oltre questo, cosa diavolo ha a che fare il linguaggio artistico con tutto ciò cosa può aggiungere a un qualcosa che sostanza non ha, in quanto umanamente (nello spazio vitale) impercettibile, impraticabile?
Forse nulla… dunque TUTTO.
Pierluigi Fresia

In occasione della inaugurazione della mostra è previsto un live-set di Jack Fresia ideato per l’occasione.
Si ringrazia Liliana Dematteis per la gentile e amichevole collaborazione.
Pierluigi Fresia, 1962, Asti.
Galleria Martano, Torino;Galleria Milano, Milano; Galleria Studio G7, Bologna; Esso Gallery, New York; galleria Il Ponte Firenze; Mara Coccia, Roma; Galleria Leonardi V-Idea, Genova; Artissima, Torino; Mi Art, Milano ; MIA, Milano; ARCO Madrid; Fotografia Europea, Reggio Emilia. Sue opere fanno parte di collezioni pubbliche e private tra le quali GAM. Torino e MART, Rovereto, AIAP Fondo Mario Piazza, Milano.

Tag:

Leggi anche:

  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad
  • Varese weekend nero: finale playoff persa e dimissioni del presidente

    Il Varese chiude la stagione senza festa e senza sorrisi. L’ultima partita dell’anno, ovvero la finale playoff di Serie D, finisce con la vittoria del Gozzano che passa al “Franco Ossola” 2-0 grazie ai gol di Gulin e Segato. Buon primo tempo per i biancorossi, ma ripresa da dimenticare
  • L’ Ecobaleno Sport Camp si presenta venerdì 9 giugno

    Venerdì 9 Giugno dalle 8.30 alle 12.30, in occasione della Giornata Nazionale dello Sport, Ecobaleno Sport Camp apre le porte per presentarsi con la sua strabordante energia alle bambine e ai bambini che vogliono scoprire i giochi che sperimenteranno per tutta estate! Il primo giorno di vacanza
  • Calcio – Varese-Gozzano l’ultimo atto della stagione

    Ultimo appuntamento della stagione al “Franco Ossola” dove oggi alle ore 16 il Varese concluderà il campionato disputando la finale playoff col Gozzano. I biglietti saranno regolarmente in vendita ai botteghini dello stadio. Arbitra Daniele Perenzoni di Rovereto. La finale playoff, pur