Varese, i 5Stelle replicano a Paris: “Che previsione goffa”

I pentastellati rispondono all'intervento del segretario dei Democratici e si dicono certi di potergli dare un grande dispiacere

22 agosto 2015
Guarda anche: PoliticaVarese Città
Grillo in Basilicata per Succede Tour

Leggiamo divertiti la comunicazione e i “pizzini” che il Segretario PD di Varese, Paris, favorisce ai media, all’interno dei quali prevede per Varese nel 2016 un ballottaggio PD-Lega, adducendo tra le ragioni del suo vaticinio anche “l’attuale impossibilità, per PD e Lega, ANCHE PER LA
CONCORRENZA DEL M5S, di costruire una coalizione capace di vincere già al primo turno nella competizione”.
Grazie per la considerazione, non mancheremo di creare a Lei, e chi rappresenta, nobili e non, più di qualche dispiacere.
Per carità, tutto può essere, anche un ballottaggio PD-LegaNord, ma la prima domanda che ci si è fatta tra attivisti M5S è : questa di Paris,
è una previsione o un auspicio?
Infatti assistiamo con Paris (suo malgrado, evidentemente sulle indicazioni dall’alto non si discute) ad un tentativo piuttosto goffo di
perpetuare il “racconto”, in atto su tutti i media nazionali e locali, ed evidentemente ispirato dai sedicenti guru comunicativi renziani, di una
improbabile comunanza di temi o percorsi tra M5S e Lega Nord, benché lo spirito che anima certe posizioni sia totalmente diverso e non
strumentale, tanto da non lasciare da solo il M5S in nessuno, ma proprio nessuno, dei titoli su TG e giornali nazionali e locali.
Nell’ansia da comunicato stampa, il Paris non si è accorto che, proprio a Varese, e proprio dal giorno prima, il gruppo M5S Varese non ha fatto
altro che scagliarsi contro Salvini e la Lega Nord per il silenzio che hanno voluto manifestare, tenendo la “Ruspa” ben parcheggiata in
garage, sullo sfarzoso e purtroppo tristemente famoso qui e all’estero funerale del boss mafioso romano, e soprattutto “Zingari” (ROM, Sinti), Casamonica.
Dopo quasi una giornata di silenzio, il Salvini ha avuto il coraggio di criticare addirittura il prete, piuttosto che la famiglia mafiosa
(ribadiamo, “Zingari”), o le Istituzioni che dovevano vigilare, o il PD che governa (?) la nostra Capitale.
Ci sono rom e rom, evidentemente, o forse semplicemente i rom coinvolti nell’inchiesta “Mafia Capitale” non vanno toccati. Chissà perchè.
Non approfondiamo neanche, per carità di patria, le responsabilità del PD su quanto successo ( Città, Città Metropolitana, Istituzioni,
Regione, Governo, tutto nelle loro mani, o meglio nelle mani di chi pare li pagasse ), nell’essere arrivati ed aver permesso questa figuraccia mondiale : Il PD ha avuto la sfacciataggine di indire, per bocca del suo Presidente Orfini, a Roma, una manifestazione contro la mafia, c’è da ridere.
Il PD, meglio conosciuto ormai come “Partito dei danni retroattivi e delle iniziative postume”, come conferma ogni giorno il Presidente
Orfini, a Varese e ai varesini non darebbe probabilmente altro che l’estrema unzione.
Abbiamo anche letto con interesse le parole di Paris e Adamoli sull’utilità delle liste civiche ( non importa se finte, purchè
controllino i voti in uscita di chi non voterebbe più un partito neanche sotto tortura ).
Alle plurime “liste civiche”, che si sono già affacciate o si affacceranno, ci preme dire una cosa : per quanto ci riguarda, se il fine sarà impedire ai voti in uscita dai partiti, di restare nei partiti stessi, non vi sarete rivelati “Liste Civiche” ma “Liste Incivili”, nulla di più nulla di meno. Ai cittadini suggeriamo invece di aprire le orecchie e alzare le antenne, perchè le liste civetta sono il peggior nemico della buona politica cittadina.
E li rassicuriamo di una cosa, con tutto il cuore e la passione di cui
siamo capaci : tutto ciò contro cui il M5S combatte ha la faccia indistinguibile dei partiti, che si chiamino PD, Lega Nord, Forza Italia,
o qualsiasi sigla si siano inventati e si inventeranno da qui alle elezioni.
Ci preme dir loro anche una cosa : il Paris evidentemente teme che a Varese al ballottaggio riesca ad arrivare il M5S, preferendo
esplicitamente come avversario la Lega Nord, che tanto ha distrutto la nostra città e il nostro tessuto sociale in 20 anni, chiedetevi perchè;
per noi la risposta è chiara, e alla Lega Nord certo non dispiacerebbe questo ballottaggio, essendo il miglior cane da guardia dello Status Quo
renziano.
Ai partiti tutti, invece, rivolgiamo un appello accorato : “Arrendetevi”.
E un augurio : speriamo per voi che il M5S non arrivi al ballottaggio a Varese, perchè si riderebbe di gusto. Oh, se si riderebbe.
Ma noi e tutti, tutti, i nostri portavoce locali nazionali ed europei, faremo in modo che ciò succeda, e allora più di qualcuno, una volta
aperto qualche cassetto, dovrà fare letteralmente le valigie.

Buon autunno e inverno nelle vostre rassicuranti liturgie, in primavera apriremo le finestre.

Tag:

Leggi anche:

  • Calcio, Europe League – Il Milan si beve lo Shkendjia ed ipoteca i gironi

    Un match senza storia quello che ieri sera ha visto il Milan imporsi sui macedoni dello Shkendija. A San Siro, nel primo atto dei playoff di Europa League finisce addirittura 6 a 0 grazie alle doppiette di Silva e Montolivo a cui si sono aggiunte le reti di Borini ed Antonelli. Se è vero che gli
  • Janus River a Villa Recalcati

    Si terrà domani giovedì 17 agosto a partire dalle ore 10:3= presso l’Ufficio di Presidente di Villa Recalcati la conferenza stampa per accogliere Janus River, il ciclista ottantenne che da 17 anni sta girando il mondo a bordo della sua bicicletta. All’evento saranno presenti il Vicepresidente
  • La Piscina Manara di Busto Arsizio sarà la casa delle giovanili della BPM Sport Management

    La pallanuoto e Busto Arsizio: un legame che diventerà ancora più stretto nella stagione 2017/2018 grazie alla volontà di Sport Management di investire ulteriori risorse in una delle discipline più importanti per l’azienda e che ha nella Piscina Manara il fulcro della sua attività. La
  • Janus River: 
la tappa malnatese
 del giro del mondo ad 80 anni in bicicletta

    Passerà da Malnate Janus River, il ciclista ottentenne che dal 2000 si è proposto di fare il giro del mondo su due ruote, contando su un budget di 3 euro al giorno e la generosità di chi incontra. Classe 1936, la tempra che può avere solo chi nasce in Siberia, 17 anni fa ha iniziato il viaggio