Saronno, fermati con 9 ovuli di hashish

I due giovani, provenienti da Novara, si trovavano in un bosco vicino a Caronno Pertusella

25 agosto 2015
Guarda anche: Saronno
Carabinierinuova

 

Erano in possesso di 9 ovuli di hashish, più un grammo di cocaina. I Carabinieri di Saronno hanno individuato e fermato due giovani di 30 e 24 anni, che si trovavano in un bosco vicino a Caronno Pertusella. 

I due, una volta visti arrivare i militari, avrebbero cercato di disfarsi della droga gettandola per terra. Per poi darsi alla fuga. Ma i Carabinieri sono riusciti a raggiungerli.

I due giovani, originari della provincia di Novara, sono stati processati per direttissima, ma sono già stati scarcerati.

Tag:

Leggi anche:

  • Italiani in manette tra Gallarate e Besano per spaccio di droga

    La zona interessata maggiormente era quella del comune di Besano dove c’era il loro deposito: la piccola band di spacciatori è stata sgominata questa mattina dai Carabinieri della sezione di Gallarate. Tre gli uomini coinvolti, due italiani e un albanese, di età comprese tra i 36 e i 38 anni.
  • Busto Arsizio, due marocchini in manette per spaccio

    A seguito della recrudescenza del fenomeno del traffico di sostanze stupefacenti, sono stati intensificati i controlli e le attività di vigilanza su tutta la rete autostradale di competenza della Sezione Polizia Stradale di Varese. Nel corso di un servizio di vigilanza stradale effettuato
  • Lombardia, maxi operazione antidroga con 23 arresti

    Milano, Como, Monza e Brianza, Novara, Reggio Emilia, Savona, Torino e Varese: queste le provincie della Lombardia coinvolte nella maxi operazione antidroga che questa mattina ha portato all’arresto di 23 persone, 16 di loro finiti in carcere, 6 agli arresti domiciliari ed 1 all’obbligo di
  • Legalizzazione Cannabis, Civati propone una fiera come il Vinitaly

    Al pari del Vinitaly, Pippo Civati di Possibile propone una fiera per legalizzare la Cannabis, esattamente come avviene per il vino, al fine di sfruttare in questo modo un evento di richiamo internazionale. Secondo l’ex deputato, l’Italia su questo tema è rimasta indietro rispetto al resto del