Riforma Sanità, i Cinquestelle: “Gli accorpamenti di Varese e provincia non vanno bene”

I grillini hanno presentato un emendamento per modificare il nuovo assetto, previsto dalla Riforma Sanitaria, in provincia di Varese

28 ottobre 2015
Guarda anche: Busto ArsizioGallarateSaluteSaronnoVarese
Ospedale

Rivedere gli accorpamenti che la Riforma Sanitaria della Regione Lombardia imporrà a Varese. Questa la battaglia che i grillini stanno portando avanti.

Il gruppo consiliare Movimento 5 stelle ha presentato, fra gli altri, un emendamento, che sarà discusso nella seduta della Commissione Sanità di mercoledì prossimo, che chiede che l’attuale distretto Asl di Sesto Calende, che per l’attuale riforma del Sistema sanitario dovrebbe andare sotto l’Asst dei Sette Laghi cioè Varese, rimanga con il suo ospedale di riferimento, quello di Angera, sotto l’Asst della Valle olona, cioè Busto Arsizio.

La consigliera Paola Macchi, prima firmataria dell’emendamento, dichiara: “Abbiamo vagliato attentamente i dati con i flussi delle provenienze dei ricoverati nelle varie strutture territoriali e abbiamo verificato che solo il 21% dei cittadini del distretto di Sesto Calende si rivolge all’ospedale di Varese, mentre un altro 21,5% si rivolge a Gallarate, quindi solo il 42,5% e non i 4/5 della popolazione come affermato dal presidente Rizzi.

Come si sa la maggior parte della migrazione è la conseguenza della mancanza di decine di specialità negli ospedali piccoli, così obbligatoriamente diversi pazienti devono trovare una risposta nei centri ospedalieri maggiori. Ma i dati sono analoghi anche per ospedali come Tradate, che, per fortuna è stato mantenuto unito al territorio.

Ci chiediamo perché il presidente Rizzi non voglia dare ascolto, (infatti ha più volte dichiarato ai giornali che questa decisione non si cambia) né alle motivazioni scritte dai 13 sindaci del Distretto, che hanno inviato a lui e Maroni una lettera già a fine settembre in cui chiedevano appunto di rimanere con il loro storico ospedale di riferimento, né a un’evidenza di dati . Tra l’altro il principio basilare della legge sulla Riforma sanitaria appena approvata  proprio quello di mettere insieme ospedali e territorio per ottimizzare i servizi ai cittadini. Che senso ha staccare un ospedale dal proprio territorio? Solo un mero riequilibrio di numeri? Sarebbe questo l’ascolto del territorio e il prendersi cura della persona che è stato tanto sbandierato?”.

Tag:

Leggi anche:

  • Pallanuoto – La BPM Sport Management espugna Torino con una grande prestazione

    La terzultima giornata della regular season del Campionato di A1 non riserva sorprese per la BPM Sport Management. Il sette di Gu Baldineti batte in trasferta il Torino ’81 per 19-9 (3-2, 5-3, 7-0, 4-4) e grazie ad un’ottima prestazione continua la preparazione alla Final Six, in programma tra
  • Progetto Binda 2017, quando il ciclismo è passione

    Il “Progetto Binda 2017” prende ufficialmente il via martedì 25 aprile con la Piccola Tre Valli Varesine, giunta alla sua 41° edizione. La tradizionale gara – valevole come 2° prova del Giro della Provincia categoria Allievi e come 3° Trofeo Veneto Banca – si disputerà a Induno
  • La Pro Loco fa il “giro del mondo” con Paola Gianotti

    Emozionante serata nella Sala consiliare del Castello Visconteo per il “Mese della Cultura” organizzato dalla Pro Loco Fagnano Olona guidata da Armida Macchi e Paolo Bossi. Guest star del momento è stata la famosa ciclista Paola Gianotti, contattata tramite il Gruppo Sportivo
  • Pallanuoto, 24ª giornata: la BPM Sport Management nella tana del Torino ‘81

    Torna il campionato di Serie A1. Ad un mese dalle Final Six di Torino, la BPM Sport Management domani sarà proprio nel capoluogo piemontese per sfidare il sette di coach Aversa. Una sfida in cui i Mastini sono i favoriti sulla carta, ma che non dovranno assolutamente sottovalutare in quanto il