Regione Lombardia, Cecchetti: “Sì alla cittadinanza onoraria del Dalai Lama”

Il vicepresidente del Consiglio regionale non vuole cedere alle pressioni cinesi

24 febbraio 2016
Guarda anche: Lombardia
Dalai Lama

 

“Pieno supporto alla causa, il Dalai Lama è la massima autorità spirituale e politica tibetana e deve avere la cittadinanza onoraria di Milano”. Così il vicepresidente del Consiglio regionale lombardo Fabrizio Cecchetti (LN), che nel 2012 aveva già
incontrato a Milano Sua Santità, reagisce alle proteste del console cinese Wang Dong presso la prefettura meneghina.

Cecchetti continua: “il consiglio comunale di Milano ha votato una mozione a larga maggioranza che impegna l’amministrazione a concedere la
cittadinanza onoraria al Dalai Lama, una decisione che già per troppo tempo è stata rinviata a causa delle pressioni del governo cinese che si è
sempre opposto alle richieste di libertà e autogoverno provenienti dal Tibet. Milano dimostri di non cedere alle ingerenze cinesi e dia il giusto
riconoscimento a un premio Nobel che da decenni lotta pacificamente contro l’oppressione del suo popolo”

Tag:

Leggi anche:

  • Da Oviedo un Manifesto per una nuova Europa

    Dopo vent’anni  l’Europa necessità di un “tagliando”.  Il Vecchio Continente attraversa momenti di grande difficoltà e incertezza. Un’altra Unione europea però è possibile, più moderna ed efficace e più attenta, ma questa deve necessariamente nascere avendo le Regioni e i suoi
  • Violenza a Bollate, Cecchetti: “Cittadini esasperati, Stato agisca o sarà far west”

    “La nostra gente ne ha piene le scatole di dover convivere con criminali, violenti e sbandati incapaci di vivere civilmente. In un paese normale uno straniero che accoltella al volto un’altra persona viene espulso immediatamente, purtroppo però l’Italia funziona al contrario e questo
  • Milano – Mortara, Cecchetti e Piani chiedono a Trenord una “Cura Shock”

    Milano, 12 luglio 2017 – “A Trenord abbiamo chiesto interventi immediati sulla linea Milano – Mortara e una cura shock per scongiurare i pesantissimi disagi che i pendolari hanno affrontato fino a oggi” E’ quanto annunciano il vicepresidente del Consiglio regionale della
  • Cava di Casorezzo – Busto Garolfo, primo stop del Tar a progetto iniziale

    “Un’ottima notizia quella che arriva dal Tar che ha deciso lo stop al primo progetto di Solter di fare una discarica di amianto nel Parco del Roccolo fra Casorezzo e Busto Garolfo, ora aspettiamo che il Tar metta definitivamente la parola fine all’intero progetto della discarica, visto che