Presidio contro i profughi a Lavena Ponte Tresa

Orizzone Ideale supporta la raccolta firme e sarà in piazza venerdì pomeriggio

03 settembre 2015
Guarda anche: Laghi
Taranto, arrivo dei profughi libici da Lampedusa

Taranto, arrivo dei profughi libici da Lampedusa

“Orizzonte Ideale  si unisce alla protesta dei cittadini di Ponte Tresa e sarà presente venerdì pomeriggio, dalle ore 17, con un presidio e un volantinaggio contro la decisione di fare della ex caserma della Guardia di Finanza un centro di accoglienza e smistamento di profughi e clandestini – scrivono in un comunicato – capiamo perfettamente le paure dei cittadini che hanno sollevato il problema: le autorità stesse hanno fatto tutto in sordina, forse perché temevano le reazioni della gente che ha tutte le ragioni per preoccuparsi; quali garanzie verranno date ai frontalieri che temono disagi causati dalla polizia svizzera durante il passaggio della dogana, visti gli annunci di ulteriori controlli e chiusura delle frontiere fatte dalle autorità del Canton Ticino? Quali garanzie riguardo la sicurezza della struttura, che si trova vicino a delle scuole? Quali garanzie sul numero e sul tempo di permanenza degli immigrati dentro la struttura, poiché sulle nostre coste mediterranee stanno continuando a sbarcare ogni settimana migliaia di disperati?

Orizzonte Ideale supporta la raccolta firme del comitato “Forse Ponte Tresa non è il posto giusto”, per spronare l’Amministrazione a fare di più:
1)il Sindaco faccia quanto è in suo potere dinanzi al Prefetto per ascoltare i cittadini, che in poche ore hanno raccolto già più di 400 firme contro questa scellerata decisione;
2) in quanto comune capofila per i rapporti col Canton Ticino a nome dei comuni di confine, alzi la voce per chiedere il rispetto dei nostri frontalieri: la giusta esigenza di sicurezza della Svizzera non deve ripercuotersi sui nostri lavoratori, poichè, a rigor di logica, non hanno colpe riguardo l’immigrazione clandestina, né si può ragionevolmente pensare che qualcuno si carichi nel bagagliaio della propria auto qualche profugo per portarlo illegalmente in Svizzera;
3) Se la scelta del centro di accoglienza sarà confermato, chiediamo l’istituzione di un presidio fisso di Carabinieri fuori dalla struttura, in particolare durante le ore di scuola, per garantire sorveglianza e sicurezza a genitori e bambini nel plesso scolastico. In assenza di ciò, il Comune potrebbe usare la Polizia Locale, chiedendo il giusto rimborso delle spese sostenute per l’incolumità dei cittadini alla Prefettura.
4) Anziché destinare queste strutture a chi non ne ha diritto, il Comune stipuli con la Prefettura un accordo per utilizzare la ex caserma in favore dei cittadini di Ponte Tresa che hanno esigenza abitativa, a favore di associazioni e di iniziative culturali e sociali”.

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    openjobmetis-cavaliero Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    babbi-natale-buguggiate . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    hockey-varese-progetto-inspire L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

    oggioni_spagnoli   La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti