Presidio contro i profughi a Lavena Ponte Tresa

Orizzone Ideale supporta la raccolta firme e sarà in piazza venerdì pomeriggio

03 settembre 2015
Guarda anche: AperturaLaghi
Taranto, arrivo dei profughi libici da Lampedusa

“Orizzonte Ideale  si unisce alla protesta dei cittadini di Ponte Tresa e sarà presente venerdì pomeriggio, dalle ore 17, con un presidio e un volantinaggio contro la decisione di fare della ex caserma della Guardia di Finanza un centro di accoglienza e smistamento di profughi e clandestini – scrivono in un comunicato – capiamo perfettamente le paure dei cittadini che hanno sollevato il problema: le autorità stesse hanno fatto tutto in sordina, forse perché temevano le reazioni della gente che ha tutte le ragioni per preoccuparsi; quali garanzie verranno date ai frontalieri che temono disagi causati dalla polizia svizzera durante il passaggio della dogana, visti gli annunci di ulteriori controlli e chiusura delle frontiere fatte dalle autorità del Canton Ticino? Quali garanzie riguardo la sicurezza della struttura, che si trova vicino a delle scuole? Quali garanzie sul numero e sul tempo di permanenza degli immigrati dentro la struttura, poiché sulle nostre coste mediterranee stanno continuando a sbarcare ogni settimana migliaia di disperati?

Orizzonte Ideale supporta la raccolta firme del comitato “Forse Ponte Tresa non è il posto giusto”, per spronare l’Amministrazione a fare di più:
1)il Sindaco faccia quanto è in suo potere dinanzi al Prefetto per ascoltare i cittadini, che in poche ore hanno raccolto già più di 400 firme contro questa scellerata decisione;
2) in quanto comune capofila per i rapporti col Canton Ticino a nome dei comuni di confine, alzi la voce per chiedere il rispetto dei nostri frontalieri: la giusta esigenza di sicurezza della Svizzera non deve ripercuotersi sui nostri lavoratori, poichè, a rigor di logica, non hanno colpe riguardo l’immigrazione clandestina, né si può ragionevolmente pensare che qualcuno si carichi nel bagagliaio della propria auto qualche profugo per portarlo illegalmente in Svizzera;
3) Se la scelta del centro di accoglienza sarà confermato, chiediamo l’istituzione di un presidio fisso di Carabinieri fuori dalla struttura, in particolare durante le ore di scuola, per garantire sorveglianza e sicurezza a genitori e bambini nel plesso scolastico. In assenza di ciò, il Comune potrebbe usare la Polizia Locale, chiedendo il giusto rimborso delle spese sostenute per l’incolumità dei cittadini alla Prefettura.
4) Anziché destinare queste strutture a chi non ne ha diritto, il Comune stipuli con la Prefettura un accordo per utilizzare la ex caserma in favore dei cittadini di Ponte Tresa che hanno esigenza abitativa, a favore di associazioni e di iniziative culturali e sociali”.

Tag:

Leggi anche:

  • Presentazione del campionato di serie A1 maschile della Pallanuoto Banco BPM Sport Management

    Sarà una bella giornata di Sport e Cultura quella di giovedì 19 ottobre 2017 per la città di Busto Arsizio. Alle ore 13.00 nell’aula magna del Liceo “Paolo Candiani” (Via Luciano Manara, 10, Busto Arsizio – VA) sarà presentata ufficialmente la Pallanuoto Banco BPM Sport Management
  • Pallanuoto Banco BPM Sport Management pareggia 11-11 contro gli ungheresi dello Miskolvic Vlc

    Sfodera una prova tutto cuore la Pallanuoto Banco BPM Sport Management che acciuffa un incredibile pareggio nella prima gara del round 2 di Len Euro Cup, con il sette guidato da mister Marco Baldineti che trova in rimonta l’11-11 contro gli ungheresi del Miskolci Vlc, formazione favorita del
  • Progetto Porte Aperte allo Sport

    La Delegazione Provinciale CONI di Varese lancia l’iniziativa  PORTE APERTE ALLO SPORT. E’ una evoluzione del classico Sport in Piazza, concepita per chiamare in causa direttamente le Società Sportive che aderiranno  rendendole protagoniste, dal 14 ottobre al 16 novembre,
  • Ottobre all’insegna di sport, castagne e stelle tra Sondrio e Valmalenco

    Si parte dallo sport giovanile domenica 8 ottobre, nello splendido centro sportivo di Chiuro, dove torna il “Trofeo delle Province”: manifestazione di atletica leggera che vedrà in pista centinaia di atleti, di 12 e 13 anni, provenienti dai comitati provinciali FIDAL lombardi e non solo. Si