Precisazioni del Comune di Varese sul tema del pagamento dei contributi sociali

Di seguito alcune precisazioni da parte del Comune di Varese in merito al pagamento dei contributi sociali che negli ultimi giorni ha scatenato diverse polemiche

02 febbraio 2017
Guarda anche: AttualitàComune di VareseVarese Città

Nei giorni scorsi sono comparse su alcuni organi di stampa delle affermazioni in merito al lavoro svolto dagli uffici e dal personale dei Servizi Sociali del Comune di Varese, con particolare riferimento all’erogazione di contributi rivolti alle persone bisognose. Affermazioni che risultano del tutto inesatte.
Occorre anzitutto precisare che la materia in questione è complessa, correlata sia a normative di vario livello (Statali e Regionali principalmente) che ad un lavoro di grande responsabilità, proprio per la delicatezza della materia, che tocca al personale dei Servizi.
E’ bene quindi chiarire subito che i fondi messi a disposizione da Regione Lombardia per il mantenimento dell’abitazione in locazione sono erogati previa richiesta degli interessati, nell’ambito delle misure attivate e tempestivamente comunicate dal Comune di Varese; tali risorse sono erogabili fino ad esaurimento delle disponibilità.
Deve essere ben chiaro che tutti i fondi erogati da Regione Lombardia sono debitamente rendicontati e restituiti se non spesi, a meno che sia la Regione stessa a dare agli Enti Locali la possibilità di utilizzarli con criteri di accesso rivisti. Non è neppure immaginabile che fondi regionali o statali destinati ad un determinato scopo vengano distratti per finalità diverse.
Altre tipologie di contributi cui si fa riferimento nelle citate affermazioni pubbliche non provengono da fondi regionali. I contributi erogati periodicamente dal Comune di Varese (comunemente noti, ad esempio, come “minimo vitale” o “conto canone”) sono finanziati esclusivamente con risorse dell’Amministrazione Comunale. Questo è anche il caso delle erogazioni a favore di utenti che si sono rivolti al Sindaco e agli uffici per alcuni ritardi nei pagamenti. A tutti è stato precisato che nel mese di gennaio si sarebbe provveduto ai pagamenti dei contributi, cosa che è accaduta. Rispetto ai ritardi segnalati ci siamo già scusati con gli utenti, precisando anche che questa Amministrazione sta mettendo in campo soluzioni concrete per evitare il ripetersi di situazioni simili. Gli uffici hanno elaborato un nuovo sistema di lavoro che, nei prossimi mesi, renderà le procedure interne al Comune più efficienti e semplificate.
Non si può, però, ignorare che i ritardi segnalati hanno una genesi antica e non sono in alcun modo correlati al cambio di Amministrazione. Hanno ragioni tecnico-amministrative sulle quali solo di recente è stato possibile impostare un lavoro di rivisitazione e razionalizzazione. Si sta, quindi, recuperando una situazione pregressa di grande complessità, grazie anche ad una forte sinergia tra diversi settori dell’Amministrazione. Nei prossimi mesi il nuovo metodo di lavoro entrerà completamente a regime e verrà esteso anche ad altri settori del Comune.
In questo senso l’indirizzo ricevuto dalla Giunta comunale nelle scorse settimane è stato tassativo: ampia collaborazione tra gli uffici dei servizi sociali e della ragioneria per diventare una amministrazione puntuale nel pagare coloro che usufruiscono dei contributi erogati dal Comune.
Da ultimo mi rendo ben conto del fatto che la materia non è di semplice decifrazione per i non addetti ai lavori e, proprio per questa ragione, non posso che invitare ad approfondire maggiormente la conoscenza prima di emettere giudizi, troppo spesso affrettati e superficiali, oltre che, in alcuni casi, lesivi della dignità di operatori impegnati in settori così delicati.

Tag:

Leggi anche:

  • Il Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda a Varese

    Industria 4.0, 2018 – 2028 quale futuro: Il Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda a Varese  Produzione, credito, infrastrutture e formazione 4.0, un appuntamento con il mondo produttivo varesino Appuntamento domani, mercoledì 21 febbraio 2018, dalle ore 11.00 alle 13.30, al Teatro
  • In Comune di Varese è possibile consegnare la Dichiarazione anticipata di trattamento (D.A.T) “Testamento biologico”

    In Comune di Varese è possibile consegnare la propria Dichiarazione anticipata di trattamento (D.A.T), conosciuta anche come “testamento biologico”. Contemporaneamente all’entrata in vigore della legge, approvata lo scorso 14 dicembre 2017, che disciplina il consenso informato e le
  • Varese, via alla salatura delle strade

    Dalle ore 20.00 di questa sera saranno operativi i mezzi spargi sale del Comune di Varese che effettueranno la salatura preventiva su 11 percorsi della viabilità principale che copriranno, nei vari passaggi, circa 200 chilometri di strade e vie cittadine. Al via dunque le operazioni in vista
  • #10×9=Varese Martedì 6 febbraio con Francesca Strazzi

    L’appello che Progetto Concittadino fa ai varesini, come sempre, è quello di mandare le domande che vorrebbero fare agli assessori. Le dieci domande verranno selezionate tra quelle dei cittadini, e verranno sottoposte all’assessore di turno, questa volta Francesca Strazzi, che sarà