Precisazioni del Comune di Varese sul tema del pagamento dei contributi sociali

Di seguito alcune precisazioni da parte del Comune di Varese in merito al pagamento dei contributi sociali che negli ultimi giorni ha scatenato diverse polemiche

02 febbraio 2017
Guarda anche: AttualitàComune di VareseVarese Città

Nei giorni scorsi sono comparse su alcuni organi di stampa delle affermazioni in merito al lavoro svolto dagli uffici e dal personale dei Servizi Sociali del Comune di Varese, con particolare riferimento all’erogazione di contributi rivolti alle persone bisognose. Affermazioni che risultano del tutto inesatte.
Occorre anzitutto precisare che la materia in questione è complessa, correlata sia a normative di vario livello (Statali e Regionali principalmente) che ad un lavoro di grande responsabilità, proprio per la delicatezza della materia, che tocca al personale dei Servizi.
E’ bene quindi chiarire subito che i fondi messi a disposizione da Regione Lombardia per il mantenimento dell’abitazione in locazione sono erogati previa richiesta degli interessati, nell’ambito delle misure attivate e tempestivamente comunicate dal Comune di Varese; tali risorse sono erogabili fino ad esaurimento delle disponibilità.
Deve essere ben chiaro che tutti i fondi erogati da Regione Lombardia sono debitamente rendicontati e restituiti se non spesi, a meno che sia la Regione stessa a dare agli Enti Locali la possibilità di utilizzarli con criteri di accesso rivisti. Non è neppure immaginabile che fondi regionali o statali destinati ad un determinato scopo vengano distratti per finalità diverse.
Altre tipologie di contributi cui si fa riferimento nelle citate affermazioni pubbliche non provengono da fondi regionali. I contributi erogati periodicamente dal Comune di Varese (comunemente noti, ad esempio, come “minimo vitale” o “conto canone”) sono finanziati esclusivamente con risorse dell’Amministrazione Comunale. Questo è anche il caso delle erogazioni a favore di utenti che si sono rivolti al Sindaco e agli uffici per alcuni ritardi nei pagamenti. A tutti è stato precisato che nel mese di gennaio si sarebbe provveduto ai pagamenti dei contributi, cosa che è accaduta. Rispetto ai ritardi segnalati ci siamo già scusati con gli utenti, precisando anche che questa Amministrazione sta mettendo in campo soluzioni concrete per evitare il ripetersi di situazioni simili. Gli uffici hanno elaborato un nuovo sistema di lavoro che, nei prossimi mesi, renderà le procedure interne al Comune più efficienti e semplificate.
Non si può, però, ignorare che i ritardi segnalati hanno una genesi antica e non sono in alcun modo correlati al cambio di Amministrazione. Hanno ragioni tecnico-amministrative sulle quali solo di recente è stato possibile impostare un lavoro di rivisitazione e razionalizzazione. Si sta, quindi, recuperando una situazione pregressa di grande complessità, grazie anche ad una forte sinergia tra diversi settori dell’Amministrazione. Nei prossimi mesi il nuovo metodo di lavoro entrerà completamente a regime e verrà esteso anche ad altri settori del Comune.
In questo senso l’indirizzo ricevuto dalla Giunta comunale nelle scorse settimane è stato tassativo: ampia collaborazione tra gli uffici dei servizi sociali e della ragioneria per diventare una amministrazione puntuale nel pagare coloro che usufruiscono dei contributi erogati dal Comune.
Da ultimo mi rendo ben conto del fatto che la materia non è di semplice decifrazione per i non addetti ai lavori e, proprio per questa ragione, non posso che invitare ad approfondire maggiormente la conoscenza prima di emettere giudizi, troppo spesso affrettati e superficiali, oltre che, in alcuni casi, lesivi della dignità di operatori impegnati in settori così delicati.

Tag:

Leggi anche:

  • Lunedì presentazione del progetto MONETINE REWIND e YOUNG GAMBLERS

    Un appuntamento per discutere del problema del gioco d’azzardo e delle sue conseguenze organizzato per lunedì 28 maggio. Negli ultimi anni infatti la platea dei giocatori si è allargata notevolmente anche a giovani, casalinghe, pensionati e disoccupati. In misura proporzionale alla
  • 9×3. Varese: nove progetti x tre Avanzi

    Tre gli spazi varesini dismessi oggetto di studio e riqualifica. I 54 studenti del laboratorio hanno assegnato agli edifici nuove funzioni utilizzando, in termini progettuali, dispositivi allestitivi e reversibili e adottando soluzioni progettuali a costi il più possibile contenuti. Gli
  • Nature Urbane presenta “La biblioteca ad alta voce”

    Con Elisabetta Pozzi e Andrea Chiodi. Un pomeriggio per scoprire come la parola scritta e la poesia possono prendere vita. “Cerca tra gli scaffali della Biblioteca civica il tuo libro preferito o scopri nuovi testi e nuovi autori. Scegli la pagina che preferisci * e potrai leggerla e farla
  • Varese presenta “Volare oltre i limiti” e “Pulciniadi 2018”

    Nella mattinata di lunedì 14 maggio nelle sale del Comune di Varese in Via Sacco avranno luogo le presentazioni di due progetti importanti dello scenario varesino. “Volare Oltre i Limiti”, presentazione del raduno sportivo di Varese, del 18 – 19 – 20 maggio 2018, organizzato dal Pio