Poste Italiane, in provincia di Varese chiudono 6 uffici. Se ne salva solo uno

L'azienda conferma la chiusura di sei filiali in provincia di Varese. Rimarrà aperta solo Oltrona al Lago

24 giugno 2015
Guarda anche: Varese Città
Posteitaliane

Dopo lo stop di qualche mese fa, Poste Italiane ha confermato il piano di chiusura di alcuni uffici sul territorio. Anche se la portata dell’operazione di razionalizzazione sarà leggermente più contenuta. 

Come confermano dalla Regione, gli uffici che verranno dismessi saranno solo 46 in Lombardia, rispetto ai 61 previsti inizialmente. In provincia di Varese si salverà solo quello di Oltrona al Lago, che rimarrà aperto. Confermata invece la chiusura per Bolladello, Brenno Useria, Corgeno, Lavena Ponte Tresa 1, Schianno e Trevisago.

 

Tag:

Leggi anche:

  • Giochi Regionali 2018 sui timbri postali

    Poste Italiane dedica un annullo filatelico a Special Olympics Italia in occasione dei Play The Games – Giochi Regionali della Lombardia 2018, che il prossimo fine settimana vedranno protagonisti 700 atleti con disabilità intellettive, impegnati in dodici discipline sportive tra cui
  • Poste, il nuovo piano industriale apre le porte a 10mila lavoratori

    Da quest’anno l’azienda Poste Italiane apre un nuovo grande blocco di assunzioni. Come annuncia l’amministratore delegato Matteo Del Fante, il nuovo piano industriale nel periodo 2018-2022 è prevista  l’assunzione di circa 10 mila figure professionali qualificate, tra cui 5 mila
  • Poste Italiani, cercasi portalettere

    In tutte le regioni italiane, Lombardia inclusa, l’azienda Poste Italiane  ha aperto una sezione per nuove figure professionali: si cercano infatti portalettere in tutta Italia. La figura selezionata sarà impegnata a tempo determinato per i mesi invernali. I requisiti – I soggetti
  • Disservizi poste italiane: il presidente della Provincia di Varese scrive al prefetto

    «Nelle scorse settimane Sindaci, ma anche privati cittadini e aziende hanno contatto Villa Recalcati per segnalare una serie di pesanti ritardi, se non addirittura la mancata consegna della corrispondenza entro le scadenze previste – spiega il Presidente Vincenzi – Il cattivo funzionamento del