Pedemontana, i Comuni: “Tanti problemi aperti”

Costi e modalità del pedaggio insieme alle opere di compensazione nel documento che verrà consegnato a Roma

19 maggio 2016
Guarda anche: Varese Città
sindaci

E’ stata presentata questa mattina in conferenza stampa a Villa Recalcati la “Relazione sulle problematiche aperte dei Comuni della provincia di Varese connesse alla costruzione di Pedemontana”. Erano presenti, insieme al presidente della Provincia Gunnar Vincenzi e al Consigliere di maggioranza Paolo Bertocchi, anche Giuseppe Licata, sindaco di Lozza; Samuele Astuti, sindaco di Malnate; Vittorio Landoni, sindaco di Gorla Minore; Cristiano Citterio, sindaco di Vedano Olona e Luciano Biscella, sindaco di Cislago.
«Qualche settimana fa siamo stati al Ministero delle Infrastrutture a Roma per illustrare tutte le problematiche – ha spiegato Vincenzi in apertura di conferenza stampa – Tra qualche giorno, come da accordi presi, torneremo a Roma per consegnare il documento relativo alle situazione ancora aperte. La relazione condivisa dai comuni, infatti, dettaglia tutte le necessità relative agli interventi di compensazione e mitigazione ambientale ancora da realizzare e il problema del pedaggiamento. L’obiettivo è che si possa giungere al più presto a una soluzione».
Il presidente Vincenzi ha poi dettagliato le principali istanze dei Comune: «Sulle compensazioni ambientali il documento chiede che ci sia un impegno preciso e ufficiale sulle somme destinate a questi lavori da parte di Pedemontana. Per quanto riguarda le mitigazioni è doveroso specificare che alcune opere sono state fatte. Alcune però richiedono nuovi interventi, mentre altre devono ancora essere fatte. Infine la questione pedaggio, che una volta introdotto ha trasformato la nuova autostrada in una cattedrale deserta e le strade che attraversano i Comuni si ritrovano con la medesima insopportabile situazione viabilistica di quando la Pedemontana non c’era: code lunghissime, problemi di inquinamento acustico ed atmosferico».

Il sindaco di Lozza Licata, che ha coordinato tra i Comuni la raccolta dei dati contenuti nel documento ha sottolineato che «ora il problema Pedemontana non è più una questione che interessa i singoli Comuni, ma è diventata una problematica di tutto il territorio. Ringrazio Provincia di Varese perché ha contribuito a fare da raccordo».

Sul pedaggio, infine, il sindaco di Malnate Astuti ha precisato che «sulla questione servirebbe maggior chiarezza, trasparenza e semplificazione. Così come è stato pensato mette in grande difficoltà un cittadino, anche solo per capire quanto dovrebbe pagare. Forse sarebbe meglio rivedere l’intera questione, anche per quanto riguarda l’importo, troppo alto se si considera la brevità dei tratti sottoposti a pedaggio e il fatto che l’opera, considerato quanto detto sopra, non è ancora terminata».

Tag:

Leggi anche:

  • Pedemontana, Di Pietro a Varese: “Il Governo si compri la tangenziale”

    Al termine dell’incontro Gunnar Vincenzi, Presidente della Provincia di Varese si è dichiarato «soddisfatto di questo incontro che ha da un lato evidenziato il ruolo di Provincia di Varese nel coordinare i Sindaci del territorio su un argomento così importante che vede al centro
  • Pedemontana: il presidente Di Pietro incontra la Provincia di Varese e i sindaci

    Tutto questo sarà all’ordine del giorno dell’incontro previsto per giovedì pomeriggio in Villa Recalcati tra i sindaci dei Comuni interessati, il presidente della Provincia Gunnar Vincenzi e il presidente della Società Autostrada Pedemontana Lombarda Antonio Di Pietro. Proprio la
  • Pedemontana: i sindaci del Varesotto incontrano il Governo

    La delegazione era composta, oltre che da Vincenzi (che è anche sindaco di Cantello), dal consigliere provinciale Paolo Bertocchi, dal sindaco di Malnate Samuele Astuti, dal sindaco di Vedano Olona Cristiano Citterio e dal sindaco di Lozza Giuseppe Licata accompagnato dal suo vicesindaco Giorgio
  • Pedemontana, la protesta dei sindaci della Valle Olona

    Nel mirino dei primi cittadini di Gorla Maggiore, Gorla Minore, Cassano Magnago e Solbiate Olona non solo le tariffe iperboliche, ma anche la laboriosità della registrazione al conto targa che obbliga l’automobilista, dopo la registrazione on line, a recarsi di persona in un Punto Verde. In