“Pazza idea” di Massimo Boldi: candidarsi a sindaco di Milano

L'attore luinese si dice aperto a ogni ipotesi, ma esclude Grillo e Salvini

16 luglio 2015
Guarda anche: LuineseMilanoPolitica
boldi

 

No, non è una gag ricavata da uno dei suoi numerosi e divertentissimi film: sembra davvero che Massimo Boldi voglia candidarsi a sindaco di Milano.

L’attore luinese, cresciuto sulle rive del Verbano prima del trasferimento nella metropoli, lo rivela a Panorama: “Né con Grillo, perché i 5Stelle sono rissosi, né con la Lega Nord, perché nel 1992 fui candidato alla Camera nel Psi proprio per arginare i leghisti” spiega nell’intervista quest’oggi in edicola, dicendosi aperto ad ogni altra ipotesi e non risparmiando parole di stima, pur velate da ironia, nei confronti di Matteo Renzi: “Mi piace perché sa fare il cabaret”.

Tag:

Leggi anche:

  • Draghi Valle Olona: a settembre una nuova avventura per il Minibasket

    Partirà a Settembre una nuova avventura per il Minibasket grazie alla collaborazione tra Polisportiva Sportpiu, Scuola Basket Castellanza e A.S.D. Draghi Gorlazy di Gorla Maggiore: la Scuola Minibasket Draghi Valle Olona, il primo centro sovraterritoriale della zona! Il Progetto concretizza
  • Riqualificazione del campo da rugby di Giubiano, accordo firmato

    Questa mattina a Roma è stata firmata la convenzione tra il Coni e i 32 Enti locali che hanno presentato, e sono stati selezionati, nell’ambito del bando “Fondo Sport e Periferie”, dedicato alla riqualificazione degli impianti sportivi italiani. Tra i comuni presenti a Roma c’era anche
  • Un percorso mondiale per la 2° edizione della Gran Fondo Tre Valli Varesine

    La 2° edizione della Gran Fondo Tre Valli Varesine, in programma a Varese sabato 30 settembre (crono) e domenica 1° ottobre (gran e medio fondo) sarà una gara da non perdere. Entrata da quest’anno nel circuito UCI GRAN FONDO WORLD SERIES la Gran Fondo Tre Valli Varesine 2017 sarà una prova
  • Sanità: illustrato il modello di inclusione dell’Associazione Special Olympics

    Promuovere sempre di più lo sport come mezzo di inclusione sociale per i disabili intellettivi anche gravi e valutare anche la possibilità di individuare un riferimento regionale per la formazione di allenatori e istruttori dello sport unificato (l’attività motoria e sportiva fatta