Paralimpiadi Rio 2016: altro argento per Federico Morlacchi

Quarto podio per il cunardese nel nuoto

15 settembre 2016
Guarda anche: LuineseSport
morlacchi

Federico Morlacchi, ventitré anni da compiere a novembre, è senza dubbio l’atleta simbolo delle Paralimpiadi 2016.

Nella serata italiana di giovedì, l’atleta nato a Luino e residente a Cunardo ha infatti conquistato la quarta medaglia nel nuoto alla rassegna di Rio de Janeiro: argento nei 100 metri farfalla per il portacolori della Polha Varese, preceduto solo dal greco Michalentzakis. Nei giorni scorsi, Morlacchi aveva conquistato l’oro nei 200 misti e altri due argenti nei 100 e nei 400 stile libero.

Tag:

Leggi anche:

  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad
  • Varese weekend nero: finale playoff persa e dimissioni del presidente

    Il Varese chiude la stagione senza festa e senza sorrisi. L’ultima partita dell’anno, ovvero la finale playoff di Serie D, finisce con la vittoria del Gozzano che passa al “Franco Ossola” 2-0 grazie ai gol di Gulin e Segato. Buon primo tempo per i biancorossi, ma ripresa da dimenticare