Omofobia, i Giovani Padani difendono la libertà sessuale e chiedono provvedimenti disciplinari per Buonanno

Il coordinatore provinciale del movimento giovanile leghista Federico Martegani, insieme ai colleghi delle altre province della Lombardia, definisce 'inaccettabili' le dichiarazioni del parlamentare del suo partito

20 settembre 2014
Guarda anche: PoliticaVarese Città
Lega

I Giovani Padani difendono la libertà sessuale. E chiedono che il parlamentare leghista Gianluca Buonanno venga sottoposto a provvedimenti disciplinari dal partito a seguito delle sue dichiarazioni omofobe.

Questa la dura presa di posizione che arriva da Varese, dal coordinatore provinciale dell’Mgp Federico Martegani, che insieme ai suoi colleghi delle altre province ha firmato un documento di “condanna” vero Buonanno. Dove sottolineano come le sue dichiarazioni siano lesive per il movimento politico.

“In merito alla volontà dell’europarlamentare Gianluca Buonanno di schedare gli omosessuali, sottoporli a TSO e offrire una banana e un finocchio, sono intervenuti i Coordinatori provinciali del Movimento Giovani Padani di Milano, Como, Monza e Brianza, Varese, Pavia, Lecco, Crema, Cremona, Martesana, Ticino e Lodi” è l’introduzione del documento.

“Riteniamo inaccettabili le parole di Gianluca Buonanno – dichiarano i rappresentanti dei giovani Padani – e ne prendiamo nettamente le distanze in quanto non hanno nulla a che fare con la linea politica della Lega Nord e il pensiero dei Giovani Padani. L’orientamento sessuale di una persona non deve assolutamente rappresentare una discriminante per chi, come noi, ha come fine l’Indipendenza della Lombardia, che rappresenta l’unico modo per ridare speranza e un futuro a tutti i cittadini Lombardi.

Buonanno non è nuovo a sparate di questo tipo fatte unicamente per avere visibilità personale. Auspichiamo pertanto che la Segreteria Federale prenda immediatamente provvedimenti disciplinari al fine di tutelare l’immagine della Lega Nord e dei suoi militanti.

Siamo stanchi – concludono i Giovani Padani – di chi, utilizzando il proprio ruolo istituzionale, rilascia dichiarazioni che ledono il Movimento e ne screditano le proposte concrete.”
Alessandro Giacomazzi

Elia Pantaleoni

Alessandro Corbetta

Federico Martegani

Jacopo Vignati

Kristen Castelli

Claudia Gobbato

Luca Toccalini

Diego Scalvini

Alberto Tarchini

Tag:

Leggi anche: