Occhio alle truffe: le false forze dell’ordine

La Questura mette in guardia su questa particolare modalità d'azione

18 luglio 2016
Guarda anche: Varese Città
truffa1

I malviventi con false divise da Poliziotti o da Carabinieri riescono ad entrare in casa di un’anziana e con la scusa che in zona sono stati messi a segno alcuni furti e una parte del bottino è stato recuperato, le chiedono di verificare se le è stato rubato qualcosa. La malcapitata fidandosi di quelle persone in divisa va a controllare se le manca qualcosa e inconsapevolmente scopre dove tiene nascoste le sue cose di valore. 

A questo punto, uno dei due finti Carabinieri distrae la vittima con la scusa di fare un verbale, mentre l’altro, simulando la necessità di eseguire un ulteriore controllo, va direttamente nel nascondiglio mostrato in precedenza dalla signora e tranquillamente gle porta via tutti i valori.
La riuscita di questa truffa sfrutta la fiducia che le persone hanno verso le forze dell’ordine. È bene sapere che in questi casi i malfattori cercano di imitare sia la divisa che il modo di operare ed essere sospettosi ancor prima di aprirgli la porta può smascherarli.
Altro esempio di truffa, avvenuto di recente in provincia, è la telefonata da parte di una persona, che si qualifica quale membro dell’Associazione Nazionale Carabinieri, e che richiede il pagamento di una somma per la presunta sottoscrizione di un abbonamento alla rivista “Il Carabiniere”, minacciando in caso contrario di adire le vie legali.
Il consiglio quindi è quello di non fare entrare in casa persone sconosciute e di prestare molta attenzione anche quando indossano una divisa qualsiasi sia la scusa, di non cedere alle richieste telefoniche di somme denaro per l’acquisto di materiale (riviste, calendari, etc.) da parte di persone che si qualificano come appartenenti alle forze dell’ordine, in quanto tali iniziative sono ampiamente pubblicizzate e non si realizzano mai nella vendita porta a porta.
Nel dubbio si può fare la verifica chiamando il numero di emergenza 112 NUE.

Tag:

Leggi anche:

  • Occhio alle truffe: la scusa del rilevatore di gas

    Mentre uno dei due collega l’apparecchio e tiene occupata la vittima, l’altro, con la scusa di dover andare in bagno, si allontana per poter girare tra le stanze e rubare le cose di valore. In breve i due truffatori si congedano dal malcapitato che solo successivamente scoprirà di
  • Truffa e falsità: avvocato nel mirino della Magistratura

    I clienti pagavano al suddetto difensore cospicue somme di denaro, senza mai ricevere regolari ricevute: a giustificazione di tali parcelle, la nota legale mostrava atti giudiziari rivelatisi poi contraffatti o associati a procedimenti totalmente inesistenti. Il 18 aprile è avvenuta una
  • Luigi Marsico nuovo Capo di Gabinetto della Questura

      Si è insediato il nuovo Capo di Gabinetto della Questura di Varese, Commissario Capo Dott. Luigi Marsico. Dopo aver diretto l’Ufficio Immigrazione e la Divisione Polizia Amministrativa, ha assunto dalla data odierna il nuovo incarico di Capo di Gabinetto e Portavoce degli Uffici di Piazza
  • Varese, la Polizia ha espulso oltre quaranta extracomunitari. E intensificato i controlli anticrimine per Natale

    Purtroppo non è sempre così e non bisogna mai calare l’attenzione, è l’avvertimento della Questura. In questo periodo infatti, complici la confusione nei negozi affollati per le vie cittadine e le vacanze natalizie, aumentano le segnalazioni di borseggi, scippi e furti in abitazione. Ed