“O mia Bela Madunina”. La copia della statua che svetta sul Duomo esposta a Palazzo Pirelli. FOTO

Simbolo della città e protettrice dei milanesi, la Madonnina fu innalzata sulla guglia maggiore del Duomo di Milano il 26 dicembre 1774

16 dicembre 2015
Guarda anche: Milano
Madonnina 2

“E’ con grande piacere che accogliamo qui, nel Palazzo della nostra Regione, questa splendida statua della Madonnina, la copia esatta di quella che c’è in cima al Duomo. Una statua dal forte valore simbolico”. Lo ha spiegato il presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni, intervenendo all’incontro con la stampa, in occasione della cerimonia di svelamento della scultura, in scala 1:1, della Madonnina del Duomo di Milano, realizzata dalla Fonderia Nolana Del Giudice per la Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano.

“Abbiamo voluto accogliere e tenere qui, all’interno del nostro palazzo, questa copia della ‘Madonnina’ proprio per testimoniare il valore e l’importanza delle nostre radici – ha proseguito Maroni – è un riconoscimento della nostra storia, una storia gloriosa fatta di azioni e valori, a cui non siamo disposti a rinunciare, una storia tramandata dai nostri nonni e dai nostri genitori, una storia che vogliamo tramandare ai nostri figli, una storia che questa ‘Madonnina’ rappresenta e quando dico ‘noi’ non parlo solo di Milano, anche se la ‘Madonnina’ ne è il simbolo, ma di tutta la Lombardia, perché sono radici e valori che condividiamo”.

L’opera, ammirata per sei mesi al padiglione della Veneranda Fabbrica a Expo, sarà visibile ora dai visitatori del Palazzo e della piazza della Regione Lombardia, all’ingresso NP.

Alla cerimonia sono intervenuti monsignor Gianantonio Borgonovo, presidente della Veneranda Fabbrica del Duomo, e Saverio Carillo, curatore del catalogo ‘Madunina di Milano’.

A seguire, il presidente Maroni e l’assessore regionale alle Culture, Identità e Autonomie Cristina Cappellini hanno inaugurato l’installazione dei presepi in Regione Lombardia.

“Ospitare nella sede di Regione Lombardia la copia della Madonnina di Milano, già esposta a Expo, è un segno importante della volontà di non retrocedere nella difesa delle nostre radici. Regione Lombardia, a differenza di altre istituzioni che per un malinteso senso di pluralismo culturale hanno evitato il riferimento ai simboli tradizionali, ha promosso questa iniziativa all’interno della propria sede, ottimo stimolo che ci prepara nel modo migliore alle festività del Santo Natale. I simboli delle nostre istituzioni sono pieni di riferimenti alle nostre radici cristiane: la bandiera dell’Europa, per esempio, si ispira proprio alla corona della Madonna” ha invece aggiunto il presidente del consiglio regionale Raffaele Cattaneo.

Simbolo della città e protettrice dei milanesi, la “Madonnina” fu innalzata sulla guglia maggiore del Duomo di Milano il 26 dicembre 1774: la grande statua è composta da lastre di rame, sbalzate e dorate sorrette da uno scheletro oggi in acciaio inossidabile. Grazie alla sue dimensioni (4,16 metri di altezza, oltre 785 kg peso, 33 lastre di rame di rivestimento, 6750 fogli d’oro zecchino utilizzati nell’ultima doratura) colpisce per la proporzione e l’armonia delle forme.

Leggi anche:

  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad
  • Varese weekend nero: finale playoff persa e dimissioni del presidente

    Il Varese chiude la stagione senza festa e senza sorrisi. L’ultima partita dell’anno, ovvero la finale playoff di Serie D, finisce con la vittoria del Gozzano che passa al “Franco Ossola” 2-0 grazie ai gol di Gulin e Segato. Buon primo tempo per i biancorossi, ma ripresa da dimenticare