Mascioni: giornata di presidio contro la chiusura

Oltre 200 lavoratori fuori dai cancelli a Cuvio

26 ottobre 2015
Guarda anche: EconomiaLavoroLuinese
mascionicuvio

Sono tempi bui per la Valcuvia: la Mascioni, celeberrima azienda di Cuvio, è infatti oggetto di un piano di ristrutturazione da parte della proprietà – il fondo spagnolo Phi Asset Management Partners – che prevede una cospicua riduzione del personale, la quale dovrebbe interessare circa 150 dei 320 dipendenti attuali.

Il passaggio dal gruppo Zucchi, altra realtà in stato di agitazione, a quello spagnolo non ha dunque portato novità positive al simbolo della Valcuvia, tant’è che oggi oltre duecento lavoratori hanno presidiato i cancelli di Cuvio a partire dalle ore 13. L’onorevole Angelo Senaldi, il segretario della Cgil Umberto Colombo e un ampio numero di sindaci e amministratori locali della zona sono intervenuti per far capire come possano esserci dei margini al duro piano industriale, proposto dalla proprietà per rientrare dai 20 milioni di debito.

Tag:

Leggi anche:

  • Mascioni: “Ci sono i presupposti per arrivare ad un accordo”

    L’occasione è servita da incontro preliminare per chiarire le rispettive posizioni e porre le basi per cercare di arrivare alla firma di un accordo quadro tra le parti. “L’incontro è servito per chiarirci – dice Pietro Apadula della Femca Cisl dei Laghi – con la nuova