M5S Lombardia. Biglietterie treni. “No alla chiusura, devono essere potenziate”

Il Movimento 5 Stelle interviene negativamente sul progetto “New Dial” che prevedere la chiusura di decine di punti vendita

01 giugno 2018
Guarda anche: LombardiaTrasporti Strade Autostrade

“No alla chiusura delle biglietterie dei treni; devono essere potenziate”, così il M5S Lombardia che ha depositato un’interrogazione all’Assessore regionale ai Trasporti Claudia Terzi con i portavoce regionali Di Marco, Fiasconaro, Fumagalli e Mammì.

L’interrogazione chiede conto della pubblicazione (il 2 maggio scorso) di una gara da oltre 15 milioni di euro per il “Servizio di attivazione e sviluppo di una rete di punti vendita di titoli di viaggio di Trenord”. Al contempo Trenord ha presentato alle organizzazioni sindacali il piano “Progetto New Dial, il rilancio della rete di vendita e di assistenza” che prevede la chiusura di 25 punti vendita e 46 ricollocamenti.

Nicola Di Marco, consigliere regionale del M5S Lombardia, dichiara: “L’Assessore Terzi deve chiarire, da una parte si avvia una gara da 15 milioni per lo sviluppo, dall’altra si chiudono le biglietterie. Regione Lombardia deve scongiurare le chiusure e potenziare le biglietterie, anche con un ampliamento dell’offerta di altri servizi. Le biglietterie possono diventare veri e propri hub per il cittadino e unire al servizio di biglietteria quello di prenotazione per eventi, alberghi o di informazione nell’ambito dei servizi di pubblica utilità. È assurdo pensare di desertificare le stazioni. Molte stazioni locali sono terra di nessuno e le biglietterie aperte costituiscono anche un utile presidio contro il degrado. Trenord deve offrire servizi ai cittadini e facilitare l’accesso al trasporto pubblico, non ostacolarlo”.

Tag:

Leggi anche:

  • Sistema Varese e attrattività: un trend in crescita

    Sono oltre 25mila i dipendenti che lavorano nelle 282 imprese che sul territorio varesino sono frutto degli investimenti esteri. Un dato che è cresciuto in poco più di dieci anni del 15,6%: erano 244 aziende nel 2007. Le cifre, frutto di un’analisi condotta dall’Ufficio Studi e Statistica
  • Trenord, via all’orario invernale: 2.204 treni giornalieri sulle 40 direttrici lombarde

    Da domenica 9 dicembre, con l’introduzione dell’orario invernale, diventa operativo il nuovo programma di Trenord che prevede 2.204 corse ferroviarie quotidiane. Altre 139, attualmente svolte con treni, saranno effettuate da bus, favorendo, nelle ore a bassa frequentazione, minori
  • In arrivo due giorni di sciopero dei treni

    L’organizzazione sindacale CUB Trasporti ha proclamato uno sciopero di 23 oreinteressante il settore del Trasporto Ferroviario Regionale – dalle ore 03:00 di domenica 09 alle ore 02:00 di lunedì 10 dicembre 2018 -, che potrebbe coinvolgere il personale di Trenord. Durante
  • Un Piano per salvare Trenord, non i servizi ferroviari

    “Come noto, da lunedì 10 dicembre verranno soppresse e parzialmente sostituite con autobus circa 180 corse al giorno (oltre il 7% del totale) sulla rete di Trenord. Questo, in estrema sintesi, il cosiddetto “piano di emergenza” di Trenord, predisposto, secondo i vertici della