Le industrie varesine in missione nella Silicon Valley

L'Unione degli Industriali della provincia di Varese vuole approfondire la conoscenza dell'ecosistema imprenditoriale degli Stati Uniti per dare alle imprese l'opportunità di essere più competitive

01 luglio 2015
Guarda anche: Varese
silicon-valley-sign-lg

Silicon Valley e Seattle: sono questi gli obiettivi di una missione imprenditoriale che l’Unione degli Industriali della Provincia di Varese sta organizzando per le imprese del territorio. Le date sono già state fissate: da sabato 10 a domenica 18 ottobre 2015. 

L’iniziativa è stata presentata in un primo incontro preparatorio che si è tenuto nella Sede di Gallarate dell’Unione Industriali e che ha coinvolto un primo gruppo di aziende potenzialmente interessate.

IL PERCHÉ DELLA MISSIONE

Molti dei grandi cambiamenti a livello tecnologico che coinvolgono sia il mondo dei servizi avanzati, sia quello della manifattura hanno la propria culla nella West Coast degli Stati Uniti. Un modello di sviluppo basato sulla presenza di un potente ecosistema imprenditoriale che crea attorno ai giovani imprenditori un network fatto da grandi imprese, mentors di esperienza, venture capitalist, angel investors, incubatori ed acceleratori, Università, parchi scientifici e supporti governativi. Questo l’ecosistema di cui l’Unione Industriali vuole approfondire la conoscenza dopo una prima missione che si era già tenuta nel 2014 e che era stata realizzata in collaborazione con la LIUC – Università Cattaneo. Oggi come allora l’interesse è quello di potenziare le occasioni di relazione tra il tessuto produttivo locale varesino e la Silicon Valley, dove un vero e proprio network si è venuto a creare col tempo grazie ad alleanze e ad accordi strategici finalizzati ad agevolare, diffondere e consentire quel “passaggio al digitale” che si ritiene sarà uno dei punti su cui le imprese potranno costruire il proprio vantaggio competitivo: esiste ormai la convinzione che sarà la capacità di integrare tecnologie abilitanti, quali ad esempio i sistemi RFId, l’Internet of Things, la stampa 3D, nei diversi livelli dei processi aziendali (da quello operativo a quello strategico) a permettere alle imprese di rimanere competitive sul mercato nel lungo periodo.

“Le tecnologie del cosiddetto ‘Internet delle cose’ – spiega il Presidente dell’Unione Industriali, Riccardo Comerio – non hanno applicazione nelle sole attività legate all’high tech o all’informatica. L’utilizzo di applicazioni mobile, della sensoristica, dell’analytics, del cloud computing, dei social media hanno grande opportunità di utilizzo anche in realtà medium tech, particolarmente presenti sul nostro territorio. Anche quelle più strettamente manifatturiere e appartenenti a settori maturi dell’industria. È questo che si intende quando si parla di Industria 4.0. Un fronte su cui dobbiamo affermarci come una punta avanzata del sistema produttivo nazionale”.

 

OBIETTIVI DELLA MISSIONE

“La Missione – afferma Marco De Battista, Responsabile delle Aree Economiche dell’Unione Industriali – ha lo scopo di agevolare le imprese varesine che vi prenderanno parte nell’individuare esperienze, prodotti, tecnologie innovative da integrare nella propria offerta e nei propri processi per perseguire un vantaggio competitivo”.

Questo grazie al confronto diretto con testimonianze di aziende italiane presenti in Silicon Valley e di operatori statunitensi locali, nonché con l’organizzazione di visite a realtà manifatturiere avanzate dove le logiche dell’impresa intelligente siano utilizzate intensivamente: il programma della Missione prevede infatti lo svolgimento di visite a realtà quali Tesla Motor, Google, e ad altre realtà manifatturiere. Oltre che in realtà accademiche come quella dell’Università di Stanford.

“Non c’è provincia italiana in cui oggi non si affermi di voler realizzare una Silicon Valley casereccia”, ha affermato in un suo recente articolo sulla rivista Varesefocus il docente universitario Marco Astuti che da trent’anni organizza missioni di imprenditori alla scoperta dei santuari dell’innovazione tecnologica, soprattutto nella Silicon Valley e che sul magazine dell’Unione Industriali cura una rubrica proprio su questi temi. Nel suo ultimo articolo, così come durante il convegno di presentazione della missione a Gallarate, ha spiegato perché di Silicon Valley, nonostante le tante ambizioni di imitazione, ce ne sia una sola: “Anche riuscire a replicare tutti i fattori di questo ecosistema formidabile in un’altra parte del mondo non sarebbe sufficiente. Perché in ogni caso non si riuscirebbe a costruire quella cultura che in Silicon Valley si è consolidata nei 100 anni della sua storia e che è software. Qualche esempio fra i più evidenti: la convinzione che le startup sono un settore industriale, l’imprenditorialità è una professione, l’imprenditore non può che essere crazy, la consapevolezza che dopo tre anni di lavoro presso un’azienda si deve assolutamente cambiare (per il bene del lavoratore, dell’azienda che lascia e di quella in cui approda), prendersi rischi è parte essenziale dell’impegno professionale ed è bello, il fallimento della propria impresa è definita esperienza ed è un titolo di merito nel proprio curriculum e tale è riconosciuto”. Dunque se il sistema non è replicabile, unica soluzione è costruire dei ponti per creare relazioni. Come fatto recentemente dalla LIUC – Università Cattaneo e dal proprio laboratorio di fabbricazione digitale, SmartUp, dove è nato il primo Innovation Center europeo di MakerBot, operatore statunitense, tra i più importanti produttori di stampanti 3D. Ora, però, l’obiettivo è di allargare le opportunità alle imprese.

 

ADESIONE DELLE IMPRESE

Le imprese associate all’Unione Industriali che vogliono partecipare alla missione possono compilare il modulo di manifestazione di interesse andando sulla home page del sito www.univa.va.it dove è pubblicato l’apposito banner.

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

      La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti